Mille utilizzi per Talon e Tempest, i nuovi zaini OSPREY®

0
OSPREY® presenta i nuovi zaini Talon e Tempest che vi accompagneranno nelle vostre mille avventure!

Se cercate uno zaino tuttofare il Talon 22 non vi deluderà.

ll pannello dorsale AirScape e la cintura ventrale in gommapiuma fustellata tengono il vostro carico sotto stretto controllo mantenendo al stesso tempo un’ottima ventilazione. Le tasche a zip ai lati della cintura ventrale permettono un accesso facile e veloce a oggetti di piccole dimensioni come il telefono, il GPS, le barrette energetiche ecc. Sulla sommità del comparto principale troverete una tasca piú piccola con zip per chiavi/portafoglio. I compressori laterali sono disegnati per passare sia sopra che sotto le tasche elasticizzate laterali a rete. Sulla parte anteriore dello zaino c’è anche una grande tasca in powermash, ideale per un k-way o uno strato supplementare di vestiti.

Mantenersi idratati durante l’attività è essenziale, cosí abbiamo reso facile il riempimento del serbatoio per l’idratazione per mezzo della tasca esterna d’idratazione ad accesso rapido. Grazie al nostro esclusivo sistema Stow on the Go non dovete piú fermarvi per riporre i vostri bastoncini da trekking, basta farli passare attraverso le due asole elastiche e avrete le mani libere. Ma non finisce qui, il LidLock Osprey permette di mettere da parte in modo veloce e sicuro il casco da bicicletta e la grafica riflettente Talon migliora la vostra visibilità in strada. Emblematica? Sembra proprio la parola giusta.

Tempest è la versione femminile dello zaino Tallon.
Articolo precedenteGaerne presenta la nuove suole sviluppate con Michelin
Articolo successivoAaron Jaws Homoki – Birdhouse “Saturdays” Part
Eva è nata e cresciuta a Roma, dove ha studiato giurisprudenza per capire che è una persona migliore quando non indossa un tailleur. Ha lasciato la grande città per lasciare che il vento le scompigliasse i capelli sulle montagne delle Alpi e presto ha scoperto che la sua passione per l’outdoor e scrivere di questa, poteva diventare un lavoro. Caporedattrice di 4outdoor, collabora con diverse realtà del settore outdoor. Quando ha finito di lavorare, apre la porta della baita in cui vive per sciare, correre, scalare o per andare a fare altre gratificanti attività come tirare il bastone al suo cane, andare a funghi o entrambe le cose insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui