Pubblicità

MIPS lancia il progetto atleti e costruisce il “Pro Team MIPS”

0

Nasce il “Pro Team MIPS”: il primo a farne parte sarà lo svedese Campione olimpico
e Mondiale di Freestyle, Henrik Harlaut.

MIPS, azienda leader mondiale nella tecnologia per la sicurezza dei caschi, annuncia oggi il primo “tassello” del suo nuovo progetto “Pro team MIPS”, che sarà formato da atleti professionisti di altissimo livello. Il team, che avrà un’ impronta internazionale, sarà dedicato a promuovere e a far conoscere agli appassionati degli sport dinamici quali il ciclismo, lo sci, la moto / motocross e altri ancora, l’importanza della sicurezza dell’utilizzo corretto del casco.

Il primo importante atleta del Team MIPS è la superstar del freeski Henrik Harlaut, uno degli atleti più riconosciuti nel mondo degli sport invernali e, in assoluto, il freestyler più decorato nella storia degli X-Games (12 medaglie di cui 7 d’oro).

La mission del Team MIPS

La mission del Team MIPS è quella di aumentare la consapevolezza della protezione del cervello e riuscire ad indirizzare il mondo degli sportivi verso l’utilizzo di caschi sempre più sicuri. Gli atleti del Team, infatti, utilizzeranno le loro storie e la loro grandissima esperienza per far capire ed incoraggiare tutte le persone, indipendentemente dall’età, dal livello di abilità o dallo sport preferito, a prendere la decisione migliore al momento dell’acquisto di un casco. Molti degli atleti hanno personalmente subito delle lesioni cerebrali o hanno avuto modo di entrare in contatto, purtroppo, con loro colleghi atleti che hanno subito dei danni. E’ questo che MIPS si propone di fare: evitare al massimo che agli sportivi possa succedere di avere dei traumi al cervello.

È difficile pensare ad un solo sciatore che conosco che non abbia mai subito il trauma di una commozione cerebrale“, dice Harlaut. “Se scii ad un certo livello, è statisticamente provato che le commozioni cerebrali siano quasi impossibili da evitare. Ma se indossi il casco giusto e prendi le giuste precauzioni, puoi almeno ridurre il rischio di lesioni cerebrali più importanti. È scioccante quante persone non se ne rendano ancora conto – chiaramente c’è bisogno di istruire moltissimo. Questo è il motivo per cui sono così entusiasta di far parte del Team MIPS “, spiega Harlaut.

Articolo precedenteNove Mesto XCO: brillano Lecomte e Andreassen
Articolo successivoShimano Neutral Support ad Imola 2020
Eva è nata e cresciuta a Roma, dove ha studiato giurisprudenza per capire che è una persona migliore quando non indossa un tailleur. Ha lasciato la grande città per lasciare che il vento le scompigliasse i capelli sulle montagne delle Alpi e presto ha scoperto che la sua passione per l’outdoor e scrivere di questa, poteva diventare un lavoro. Caporedattrice di 4outdoor, collabora con diverse realtà del settore outdoor. Quando ha finito di lavorare, apre la porta della baita in cui vive per sciare, correre, scalare o per andare a fare altre gratificanti attività come tirare il bastone al suo cane, andare a funghi o entrambe le cose insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui