Home Running Eventi Molte vittorie kenyane in aprile

Molte vittorie kenyane in aprile

0

Giornata ricchissima di eventi sportivi fra mezze maratone e altre distanze: ben tre le prove sui 21,097 km allestite nell’ambito del Vivicittà, che originariamente era tutto organizzato su questa distanza in luogo degli attuali 12 km. La Mezza di Bra alla sua prima edizione ha premiato Bruno Giraudo (Cambiaso Risso) in 1h14’19” staccando di 50” Stefano Mattalia e di 58” Claudio Ravera, entrambi dell’Asd Dragonero, società che in campo femminile si è aggiudicata la prova con Elisa Giordano in 1h32’12” su Valentina Agù (Gsr Ferrero) a 34” e Alice Olivero (Gsr Ferrero) a 1’15”. 184 classificati.

Kenyani dominatori come da pronostico nella 32esima Half Marathon Firenze-Vivicittà, con primo posto per Samuel Ndiritu Kariuki (Atl.Potenza Picena) in 1h03’06” davanti a Bernard Kipsang Chumba (Atl.Futura) a 23” e Julius Kipngetich Rono (Atl.Recanati) a 2’13”. Prima posizione fra gli italiani per Giuseppe Del Priore (Cesena Sport Ippodromo) settimo a 9’17”. La prova femminile ha premiato la ruandese Claudette Mukasakindi (Atl.2005) che in 1h16’18” ha preceduto di 56” la kenyana Eunice Chebet (Atl.Futura) e di 1’45” l’ungherese Tenke Zoltani. Quarta Barbara Dore (Atl.Signa) a 12’12”. Classificati in 2.449.

Vivicittà sui 21,097 km anche a Castrignano de Greci (Le) dove il primo posto è andato all’azzurro Gianmarco Buttazzo (Atl.Casone Noceto) in 1h14’50” su Santino Zaminga (Gymnasium S.Pancrazio) a 2037” e Gianluca De Salvo (Atl.Capo di Leuca) a 4’35”; fra le donne prima Francesca Mele (Club Correre Galatina) in 1h29’40”, alle sue spalle Emanuela Gemma (Tre Casali San Cesario) a 3’58” e Milena Tunno (Pod.Magliese) a 8’51”. Classificati in 450.

Attività intensa sui 21,097 km per la provincia bresciana, a cominciare dalla quarta edizione della Bione Half Marathon Monte Prealba,mezza maratona in montagna vinta da Marco Zanoni (Legnami Pellegrinelli) in 1h46’25” davanti ad Antonio Grassi (Ssd Bagolino) a 2’57” e a Domenico Lazzari (Atl.Pertica Bassa) a 7’15”. Gara femminile a Cristina Dusina (Arieni Team) in 2h16’43” con Anna Conti a 1’56” e la polacca Wiktoria Piejak (Valetudo Skyrunning Rosa) a 9’08”. 125 classificati.

Un nuovo centro in terra bresciana per Nicola Venturoli (Free-Zone) che in 1h10’09” si è aggiudicata la Maratonina di Cellatica, precedendo di 1’15” il compagno di colori marocchino Mohammed El Kasmi, terzo Mattia Paolo Parravicini (As Canturina Pol.S.Marco) a 1’39”. A completare la bella giornata della Free-Zone il successo di Monica Seraghiti, prima in 1h24’33” con Elisa Battistoni (Arieni Team) a 1’31” e Enrica Carrara (Cus Brescia) a 2’00”. Classificati in 520.

Kenyani protagonisti anche alla 18esima Maratonina dei Dogi, a Mira (Ve) dove il successo è andato a Daniel Kipkirui Ngeno (Vini Fantini) in 1h05’49” con il marocchino Lahcen Mokraji (Runners Valseriana) a 31” e Paolo Zanatta (FF.OO.) a 32”. Grandissima prova fra le donne per la kenyana Hellen Jepkurgat (Rcf Roma Sud) che in 1h10’57” ha firmato una prestazione di livello internazionale, seconda l’iridata di skymarathon Elisa Desco (Atl.Alta Valtellina) a 4’32” e terza Catherine Bertone (Atl.Sandro Calvesi) a 5’14”. Arrivati in 2.130.

Sempre in Veneto esordio in grande stile per la Sedico Run, nuova mezza maratona bellunese andata a Said Boudalia che in 1h19’04” ha prevalso su Manuel Cominotto per 35” e Lucio Sacchet a 5’28”; fra le donne bell’esordio sulla distanza per Federica Dal Ri che in 1h27’11” ha chiuso quinta assoluta precedendo di 11’33” Deborah Pomare e di 19’03” Angela De Poi. Hanno concluso i 21,097 km in 88.

E’ giunto alla 33esima edizione il Gran Premio Liberazione, ad Alfonsine (Ra), andato a Mattia Camporesi (Edera Forlì) che in 1h08’54” ha prevalso sulla coppia della Salcus formata da Massimo Tocchio a 1’57” e il marocchino Abderrazak Haoul a 5’12”. Prima donna Fausta Borghini (Gpa San Marino) in 1h27’13”, a 3’31” Deborah Montevecchi (San Patrizio) e a 4’49” Rita Gabellini (Amici della Fatica). Al traguardo sono giunti in 277.

Il ruandese Jean Baptiste Simuneka è il vincitore dell’Agropoli Half Marathon. In 1h04’47” il corridore della Rcf ha prevalso sui marocchino Youness Zitouni (Pod.Il Laghetto) per 25” e Tarik Marhnaoui (Colleferro Atl.) per 2’15”. Primo italiano Giuseppe Soprano (Mov.Sport.Bartolo Longo) settimo a 3’31”. Fra le donne la prima è stata la marocchina Meriyem Lamachi (Finanza Sport Campania) in 1h16’54” con 36” sulla connazionale Malika Ben Lafkir (Cavano Runners) e 1’44” sulla kenyana Ruth Chebitok (Atl.Terni), quinta Antonietta D’Orsi (Pol.Ciociaria Antonio Fava) a 7’16”. 2.084 arrivati.

Veniamo alle altre distanze partendo dalla Tutta Dritta, gara torinese (la città ospitava ben quattro eventi di largo interesse nella stessa mattinata) andata al kenyano Jonathan Kosgei Kanda (Atl.Castello) nell’ottimo tempo di 28’56”, davanti a un bravissimo Yassine Rachik (Atl.Cento Torri) a 4”, terzo l’altro kenyano Joash Kipruto Koech (Atl.Potenza Picena) a 54”. Gara donne a Sara Brogiato (Aeronautica) che in 34’19” ha avuto ragione della compagna di colori Martina Merlo per 12” e di Giorgia Morano (Cus Torino) per 28”. Arrivati in 5.165.

Sesta edizione del Puro 10000 a Zané (Vc), gara valida per il Vicentia Running dove a prevalere è stato Andrea Sanguinetti (FF.OO.) in 31’53” davanti a Stefano Ghenda Atl.Mogliano) a 2’07” e Stefano Benincà (Runners Team Zané) a 2’14”. La gara femminile è andata a Gloria Tessaro (Atl.Vicentina) in 36’19”, alle sue spalle Chiara Renso (Atl.Vicentina) a 40” e Laura Dalla Montà (Gs Valsugana Trentino) a 2’18”. 522 arrivati.

Associata al Vivicittà ma sempre sulla distanza di 10 km era la Corritrieste con grandi nomi al via. L’ha spuntata lo junior kenyano Edwin Kiprotich Melly in 31’05” su Marco Salami battuto in volata, terzo Ruggero Pertile a 5”; gara donne a Giulia Schillani (Sportiamo) in 38’30” con 13” su Elisa Cusma e 2’46” su Valentina Bonanni (Atl.Brugnera Friulintagli). 100 classificati.

Ad Ascoli Piceno la classica Maratonina 100 Torri, sui 15 km, con primo posto per Vincenzo Mancini (Mezzofondo Club Ascoli) in 53’15” davanti a Luca Alberto Mincioni (Apd Ecologica G) a 2’01” e Marcello Cocci (Sp Offida) a 2’05”. Ancora una vittoria stagionale per la skyrunner Alessandra Carlini (Avis Ascoli Marathon) prima in 59’05” sulle compagne di squadra Ilaria Mancini a 1’36” e Marina Valeria Coccia a 4’12”. 308 i finisher.

Nel weekend si sono disputate molte prove della Run for Parkinson, manifestazione con fini solidali che in alcuni casi prevedeva anche la gara competitiva: è il caso di Perugia, dove ha prevalso il marocchino Yassin El Khalil (Cdp-T&Rb Group) che in 41’02” ha staccato di 1’35” Matteo Boncio (Lib.Orvieto) e di 1’39” Matteo Merluzzo (Gs Filippide). Prima donna Costanza Martinetti (Lib.Arcs) in 44’39”, alle sue spalle Laura Mosconi (Dream Runners) a 3’54” e Michela Pannacci (Dream Runners) a 7’03”. Al traguardo in 184.

Un'immagine della Run for Parkinson umbra; in alto, il podio del Vivicittà di Firenze (foto organizzatori) Un’immagine della Run for Parkinson umbra; in alto, il podio del Vivicittà di Firenze (foto organizzatori)

A Roma fari puntati sulla sesta edizione dell’Amazing Thailand-Granai Run, andata al marocchino Hakim Radouan (Lbm Sport Team) in 31’17” con Luca Parisi battuto in volata e Antonio Miggiano a 1’14”, entrambi della Romatletica Footworks. Gara femminile favorevole alla marocchina Hanane Janat (Lbm Sport Team) in 34’40”, davanti a Federica Proietti (Corradini Excelsior) a 1’29” e Paola Salvatori (Us Roma 83) a 1’34”. Al traguardo in 1.762.

Il podio della Granai Run (foto organizzatori) Il podio della Granai Run (foto organizzatori)

In Puglia quarta prova del Corripuglia, la Strafaggiano vinta sui 10 km da AlessandroMarangi (Atl.Aden Exprivia Molfetta) in 29’43” con uno sprint irresistibile su Francesco Minerva (Dynamik Fitness), terzo Giovanni Auciello (Atl.Casone Noceto) a 35”. Gara donne andata a Luana Boellis (Atl.Carovigno) in 36’58”, alle sue spalle Ilenia Maria Colucci (Alteratl.Locorotondo) a 1’17” e Mariacarmela Landriscina (As Trani Marathon) a 1’31”. Arrivati in 1.075.

Claudia Pinna ha confermato i pronostici alla 27esima Straolbia: sugli 8 km la portacolori del Cus Cagliari ha preceduto Elena Fratus (Atl.Porto Torres) e Sara Meloni (Atl.Runners Oschiri). In campo maschile primo Cristian Cocco (Pod.Am.Olbia, la società organizzatrice) su Lorenzo Vigliotta (Atl.Porto Torres) e Giovanni Rosso (Ccrs Sorso). Al traguardo in 237.