Home Running Eventi Mondiali trail per runner di montagna?

Mondiali trail per runner di montagna?

0

Tutto pronto a Badia Prataglia per gli attesissimi Mondiali di trail che prenderanno il via sabato, la prima edizione annuale della rassegna e la prima su una distanza tecnicamente breve, 49 km, il che ha spinto molti selezionatori a rivedere i criteri di composizione delle squadre. Non tutti i grandi trailer internazionali hanno scelto di adeguarsi, privilegiando lo sviluppo del World Tour, è il caso della campionessa in carica, la francese Caroline Chaverot. Non così invece per lo spagnolo Luis Alberto Hernando, che anzi ha preparato con cura l’evento andando anche a effettuare un sopralluogo un mese prima della gara.

Scorrendo il quadro dei partecipanti si conferma una tendenza che il tecnico azzurro Paolo Germanetto aveva già evidenziato: molti dei pretendenti al podio sono atleti che abbinano il trail alla corsa in montagna, potendo destreggiarsi meglio su distanze contenute ma dislivelli elevati correndo su ritmi superiori a quelli delle precedenti edizioni iridate, allestite su chilometraggi spesso raddoppiati rispetto a quello toscano. La Francia ad esempio accanto a specialisti come Ludovic Pommeret e l’ex iridato Sylvain Court propone Cedric Fleureton, nazionale di corsa in mondiale e Nicolas Martin, argento iridato lo scorso anno ma anche 11° agli Europei di Arco e già qualificato per la rassegna continentale di corsa in montagna dell’8 luglio. Al femminile la capitana è naturalmente Nathalie Mauclair, in cerca del suo terzo sigillo arcobaleno, ma attenzione anche alle specialiste di montagna Celine Lafaye e Lucie Jamsin e a Adeline Roche, ex campionessa francese di maratona con 2h38’31” di personale.

La Spagna come detto si affida a Hernando che ha una poliedricità senza pari visti i titoli raccolti nello skyrunning. Stesso principio anche per Heras e Clemente mentre fra le donne spicca l’argento iridato Azara Garcia de los Salmones, le specialiste di skyrunning Gemma Arenas e Nuria Dominguez per una squadra che sembra la favorita per il titolo per team. Pronti a far saltare il banco sono gli Usa, con gente come Hayden Hawks e Andy Wacker da sub 29’ sui 10000 e con abitudine a gareggiare nella corsa in montagna (Wacker sarà in gara anche ai Mondiali di lunghe distanze a Premana).

Il campione uscente Luis Alberto Hernando (foto archivio)

Germanetto ha valutato fortemente questi aspetti privilegiando una squadra con specialisti di montagna come il pluriiridato Marco De Gasperi e Fabio Ruga che per i Mondiali ha momentaneamente messo da parte il World Circuit sui grattacieli, e dei trail non troppo lunghi come Luca Carrara, plurivincitore per antonomasia nella prima parte di stagione e Christian Pizzatti. In gara anche Georg Piazza, miglior azzurro ai Mondiali dello scorso anno con il 17° posto. A completare la nazionale Stefano Fantuz e Massimo Mei. La nazionale femminile ha la sua leader in Lisa Borzani, podio virtuale nel World Tour, e in Silvia Rampazzo reduce dallo splendido secondo posto alla Zegama Aizkorri, insieme a loro Barbara Bani, Gloria Giudici, Lidia Mongelli e Lara Mustat per completare un team che ha ottime chance di far bene, magari bissando il podio di due anni fa.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui