Pubblicità
Home Windsurf News Nuova Ezzy Sails Taka, la parola a David Ezzy
Pubblicità

Nuova Ezzy Sails Taka, la parola a David Ezzy

0

4Windsurf vi aveva anticipato i test dal Sudafrica del prototipo Ezzy Sails 3 stecche. In arrivo prossimamente le nuove Ezzy Taka 3 stecche dopo un lungo lavoro di testing e messa a punto da parte di Graham Ezzy e Kevin Pritchard.

IMG_7282Graham Ezzy a Paltboom, Sudafrica, con la nuova Taka (febbraio 2014)

Possiamo finalmente darvi qualche notizia in più su questa nuova 3 stecche di Ezzy Sails, la Taka, e il nome è già tutto un programma. Sabato pomeriggio abbiamo pubblicato sulla nostra pagina Facebook in anteprima il pdf di descrizione della vela con le misure della nuova Taka, che è stato poi copiato e spalmato un po’ ovunque. Qualche settimana fa grazie alla collaborazione di Graham Ezzy vi avevamo anche proposto le foto della vela “quasi ufficiale” nelle mani del figlio di David nelle acque di Platboom, Sudafrica con le bellissime foto del nostro collaboratore Giuseppe Natalini (CLICCA QUI).
In quei giorni Graham ci aveva confidato di trovarsi particolarmente bene con la nuova 3 stecche in condizioni side e side off dove poteva sprigionare tutto il suo potenziale in down the line. La vela essendo così maneggevole e leggera è perfetta per concentrarsi solo sulla guida della tavola (come il puro wave riding vuole), e nonostante i suoi 88 kg di poter usare e muoversi agevolmente anche con una vela di 0.3 mq più piccola degli altri con le “classiche” 4 o 5 stecche. I problemi invece arrivano in soprainvelatura e con il vento onshore.

1926290_10152048091434541_1699880513_o
Il giorno dopo la nostra chiacchierata con Graham, e qualche birra insieme alla sera, la condizione da perfettamente off e vento “al galleggio” mure a destra (nord-ovest) si è decisamente trasformata. Sud-est in deciso rinforzo con onda. Il team 4Windsurf con la crew RRD e Graham Ezzy ha da prima riscaldato i motori a Cape Point con vento leggero e side (mure a sinistra) e 2-3 metri d’onda. Quando la marea si è alzata ci siamo spostati tutti verso Withsand per una session di salti. Vento da 3.7 over power e on shore. Il team RRD ha dato spettacolo con Florian Joung in pieno controllo in doppi Forward e Shaka nell’onda al rientro, John Skye che volava in cielo con la sua Four RRD. È entrato anche Graham e nonostante un paio di Back in cielo e due Push Tweacked oltre le leggi della gravità aveva, e si vedeva, alcuni problemi di gestione della sua Taka a tre stecche con la balumina che sbatteva troppo rendendogli la vela non gestibile in quella bufera. Infatti dopo solo 20 minuti è uscito dall’acqua, mentre tutti gli altri sono rimasti fino al tramonto.

IMG_7280
Lo stesso David Ezzy nella chiacchierata che abbiamo fatto e che riportiamo qui sotto ammette i limiti di questa vela, e forse delle tre stecche in generale, esaltandone però i mille altri aspetti positivi.

I Phone 12-2-2014 419

La parola a David Ezzy:
“Ho disegnato la 3 stecche Taka per creare una pura vela da wave. È molto leggera nelle mani e surfo le onde meglio di qualunque altra vela che ho mai usato. Durante la fase di sviluppo della Taka, ogni giorno era una lotta tra Kevin, Graham e me per chi avrebbe dovuto usare la vela quel giorno. La Taka diventa neutra durante i top turn permettendoti di concentrarti solo sulla tua tavola. Questo si trasmette in cut back più dinamici, o qualunque altra manovra che volete fare sul top dell’onda. La Taka è stata disegnata per venti leggeri e di media intensità, e si presta particolarmente bene ad essere usata in condizioni di vento super leggero. Ad ogni modo la  Taka è comunque confortevole nel vento forte ma non la posso consigliare per una navigazione in sovrainvelatura. È meglio utilizzare sempre una misura leggermente più piccola. Per esempio la Taka 4.5 è potente come una standard 4.7, la Taka 4.9 ha la potenza di una 5.3 e la Taka 5.4 è potente come tutte le 5.7. La Taka mantiene le caratteristiche di controllo, bilanciamento e di morbidezza di tutte le altre mie vele. Infatti, navigando sul dritto, non sento assolutamente che la Taka sia meno stabile della mia 4 stecche Elite. Ho costruito la Taka con materiali simili a quelli dell’Etile. Che include l’utilizzo del Technora sulla balumina, Color Fusion nel centro e un ampio utilizzo di Spectra X Film. Per ottenere le migliori performance della Taka dovete armarla nel modo corretto. Abbiamo armato e calibrato tutte le misure della Taka, in modo da garantirvi una facilità estrema di trimmaggio quando la tirate di caricabasso. La Taka è stata disegnata per essere utilizzata solo su alberi Ezzy Masts. Quindi se avete intenzioni serie verso il vostro wave sailing e volete arrivare sul top più radicali, la Taka vi aiuterà! So che è stato per me.”

NB: non perdetevi l’incredibile sequenza di Aerial Back Loop atterrato nell’onda di Graham Ezzy sul prossimo numero di 4Windsurf in edicola a breve!

1926290_10152048091434541_1699880513_o

 

IMG_7281

 

FOTO DI Giuseppe Natalini

 

Articolo precedenteAmazing Brasil!
Articolo successivoIn Giappone con Andreas Wiig e Yuta Watanebe
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.
Pubblicità