Pubblicità
Home Running Eventi OROBIE SKYRAID, vincono Turini e Arrigoni

OROBIE SKYRAID, vincono Turini e Arrigoni

0

Luca Arrigoni e Giuditta Turini vincono a mani basse e con grande autorevolezza la OROBIE SKYRAID 2021 dimostrandosi entrambi in grande forma in una gara che si è dimostrata senza rivali.

Giuditta Turini nella sua cavalcata solitaria sempre al primo posto, un dominio durato 56k!

Orobie Skyraid, che bela gara!

Orobie Skyraid atto primo nel segno di Luca Arrigoni e Giuditta Turini. Nessun dubbio, nessuna incertezza. Il quarantenne di Costa di Mezzate (Bg) (Team Autocogliati) e la trentaduenne gressonara della scuderia KARPOS/HOKA ONE ONE sono partiti di gran carriera portando a termine nel migliore dei modi una cavalcata trionfale sui sentieri orobici tra Val Seriana e Valle Brembana.

L’inossidabile Marco Zanchi, tra i protagonisti della gara maschile

56k tecnicissimi e migliaia di supporter

A sospingerli, dal primo all’ultimo metro di questi tecnicissimi 56 km (3800 m d+), migliaia di supporter che, di buon’ora, sono saliti in quota distribuendosi tra passi, valichi e rifugi.

Il podio femminile

650 concorrenti, Fly-Up Sport  vince la scommessa!

Scommessa vinta per Mario Poletti e lo staff di Fly-Up Sport che sono riusciti a richiamare ai nastri di partenza 650 concorrenti.

Giuditta Turini vittoriosa al traguardo, si porta a spasso lo striscione SCOTT, main sponsor dell’evento

Un percorso difficile, ma molto vario

Gara dura l’Orobie Skyraid, ma destinata a diventare una grande classica di metà estate. Con partenza da Ardesio e arrivo a Valbondione, ha toccato i rifugi Alpe Corte, Laghi Gemelli, Calvi, Brunone, Coca e le baite di Maslana.

Un percorso altamente spettacolare con migliaia di appassionati a fare tifo lungo il tracciato impegnativo ma molto vario

Le sue ripide salite e impervie discese hanno messo a dura prova le gambe e la testa di ogni singolo atleta, riscuotendo però unanimi consensi.

Luca Arrigoni, superlativo vincitore tra i maschi

GARA UOMINI, UNO SOLO AL COMANDO

Un problema al Tendine d’Achille, dopo 4 ultra consecutive, ha tagliato fuori dai giochi il campione valdostano Franco Collé, rendendo però ancora più entusiasmante la gara maschile.

Il podio maschile con Luca Arrigoni al centro

Luca Arrigoni outsider!

I sogni di gloria dei vari pretendenti sono però stati subito smorzati dal forcing di Luca Arrigoni. Reduce da un eccellente 6° posto ai recenti mondiali di skyrunning, l’atleta di Giorgio Pesenti ha praticamente corso in solitaria galvanizzato dal tifo del pubblico di casa.

La gioia incontenibile di Luca al traguardo

Per lui finish time di 7h11’18”. Alle sue spalle il veronese Francesco Lorenzi ha invece impostato una tattica più guardinga risalendo dalla 8ª alla 2ª posizione. Anche per lui standing ovation al traguardo di Valbondione con crono finale di 7h46’25”.

A completare il podio 2021 un tenace Luca Carrara. L’atleta del Team Salomon ha ingaggiato un serrato testa a testa con lo “scalvino” Clemente Berlingheri lungo tutta la traversata in quota. Il loro duello si è concluso nella discesa finale con Carrara terzo in 7h59’06”. Se nella top five troviamo Berlingheri (8h00’38”) e Marco Zanchi (8h06’54”), tra i migliori dieci si sono piazzati anche Andrea Baroni, Ivan Milesi, Davide Mazzocchi, Andrea Sorteni e Andrea Noris.

GARA DONNE, lo show di GIUDITTA TURINI

Una fuga in solitaria per la due volte campionessa italiana di trail running che, confermando i pronostici della vigilia, ha corso in solitaria andando a vincere in 8h36’11”. Più combattuta è stata la lotta per il podio.

Luca Arrigoni nella sua impresa stellare della OROBIE SKYRAID

L’albinese Chiara Galli, saldamente in seconda posizione è stata tagliata fuori dopo una caduta con conseguente botta al ginocchio. Ne hanno approfittato Giulia Zanotti e Daniela Rota che nella seconda metà di gara si sono affrontate a suon di sorpassi. Sul finale la più esperta Rota ha avuto la meglio giungendo seconda in 9h20’09”. Terza piazza per Zanotti in 9h25’25”. Bene anche Giulia Saggin 4ª e Maria Eugenia Rossi 5ª.

Giuditta Turni “galoppa a tutta” verso il traguardo!

Articolo precedenteVibram XS Ride nuova mescola per scarpe MTB
Articolo successivoDavide Magnini: trail running e sci alpinismo
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità