Park2Trek Dolomites Trekking. CAP 4 – 5

0

Fare trekking è forse il modo più completo per vivere la montagna ma farlo a cavallo fra due parchi naturali è davvero un’esperienza indimenticabile, vi proponiamo Park2Trek Dolomites.

 

Giorno 4 | Rif. Passo Cereda – Rif. Canali Treviso

Scarica la mappa della tappa 4 

Lunghezza: 6,38 Km

Durata: 2,44 h

Dislivello +: 453 m

Dislivello -: 409 m

 

E’ record ufficiale: 9.30 h di sonno ininterrotto, dovevamo essere davvero stanchi dopo la terza tappa di Park2Trek Dolomites.

E’ una splendida giornata quando alle 7.30 ci rimettiamo in cammino sul sentiero 718 ed iniziamo a percorrere il bosco che ci riporta in quota. Sbuchiamo dagli abeti a circa 1.800 m e al di là della valle vediamo il Piz di Sagron e il canale dal quale siamo scesi il giorno precedente.

Ora il sentiero viaggia in quota al di sotto de Le Rocchette.

 

Il sentiero 718 sotto le Rocchette

 

Incontriamo un amico di Lorenzo con la moglie e il figlio di due anni sulle spalle e si mettono a parlare dei lupi che hanno ricominciato a popolare la zona a danno delle greggi di pecore. Fra lupi e orsi sembra che la natura qui abbia ricominciato a farsi largo.

Il sentiero supera un breve dislivello fino al Passo d’Oltro, secondo tratto faticoso della tappa.

Qui ci fermiamo a mangiare e ad ammirare il panorama. Di fronte a noi, al di là della Val Canali, si erge in tutta la sua possenza il Sass Maor e la catena delle Pale di San Martino, uno spettacolo maestoso da cui non riesco a distogliere lo sguardo.

 

Il bosco fra la Forcella d’Oltro e il Rif. Treviso Canali

 

Dopo pranzo cominciamo a scendere lungo il sentiero che mano a mano rientra nel bosco e nei prati fioriti, chiacchierando animatamente arriviamo fino al Rif. Canali Treviso.

E’ stata una tappa facile e piacevole ma segna per noi il cambio della guardia. Lorenzo mi lascia, per portare un gruppo sul Monte Rosa e in serata mi raggiungerà Flavio Piccinini, la Guida Alpina di Primiero che mi accompagnerà per il resto del trekking.

Anche questa serata in rifugio passa piacevolmente, fra un’ottima cena durante la quale conosco Flavio e il successivo sonno nella mia stanzetta interamente in legno.

 

I rifugi quest’anno, a causa del ben noto Covid-19, hanno regole un po’ differenti rispetto al solito. Come in città si cerca di evitare assembramenti, quindi per dormire è obbligatoria la prenotazione e i posti disponibili sono praticamente dimezzati, sia per mangiare all’interno che per dormire. Obbligatorio portarsi il saccopelo personale. Qualche difficoltà in più per i poveri gestori, che sono anche controllatissimi dalla Guardia Forestale, intenta a far rispettare le regole del Decreto Ministeriale.

 

Rifugio Treviso Canali

Quota: 1.630 m

Mail: rifugiotreviso@gmail.com

Tel: 0439.62311

 

Il Rifugio Treviso Canali

 

Giorno 5 (due tappe in una) | Rif. Canali Treviso – Rif. Pradidali – Rif. Rosetta

Scarica la mappa della tappa 5

Scarica la mappa della tappa 6

Lunghezza: 12,7 Km

Durata: 8 h

Dislivello +: 2.160 m

Dislivello -: 1.213 m

 

Me la sono cercata. L’itinerario canonico di Park2Trek Dolomites non prevede certo di accorpare due tappe, ma avevo bisogno di salvare un giorno per rientrare al lavoro e tutto sommato mi sembrava fattibile.

Quando però già da Passo d’Oltro mi si è presentata la prima parte del percorso, fino al Passo delle Lede, devo dire che mi è venuto male.

Il 5° giorno il cielo si copre, questa volta non è prevista pioggia ma le nuvole basse ci accompagneranno per tutto il giorno, rovinandoci quasi completamente lo spettacolo di queste due meravigliose tappe.

 

La Guida Alpina Flavio Piccinini al Passo delle Lede

 

Dal Rif. Canali Treviso il sentiero scende per una mezzora in Val Canali per poi risalire 1.246 m di dislivello fino al Passo di cui sopra. Il percorso procede ripido fin quasi al Bivacco Minazio a 2.250 m, dove facciamo una breve sosta accanto ai resti di un aereo caduto durante la guerra.

Arrivati al Passo delle Lede, 2.695 m, il meteo concede una piccola tregua, consentendoci di ammirare parte dell’altopiano delle Pale, la cima Fradusta e ciò che resta dell’omonimo ghiacciaio. E’ anche l’occasione per scattare la foto che diventerà la cover di 4outdoor di Luglio.

Parte della discesa la facciamo imbragati e legati, sfruttando il sentiero attrezzato 709 che porta fino al Rif. Pradidali, 2.278 m.

 

Bivacco MInazio

 

Duilio Boninsegna, il padrone di casa, accoglie Flavio e me con la simpatia e il calore di cui più d’uno mi aveva parlato. Pranziamo da re e lui e Flavio mi narrano delle imprese che sono state firmate sulle vie d’arrampicata delle cime circostanti: la Canali, il Campanile Pradidali, la Pala di San Martino, cima Immink, cima Wilma. Un giorno tornerò per tentare almeno una delle normali a queste cime, sarebbe un sogno.

Ci fermiamo un paio d’ore, e con un po’ di tristezza, per i panorami celati dalla nebbia, proseguiamo il nostro cammino.

La grigia coltre non ci dà tregua tutto il giorno e per metà pomeriggio raggiungiamo il Rif. Rosetta, dove con grande gioia trovo ad aspettarmi la mia compagna Dò.

 

Flavio Piccinini sul tratto attrezzato ed esposto fra i due Rifugi

 

Anche il luogo in cui si trova questo rifugio merita davvero una visita, è il più vicino a San Martino di Castrozza e se proprio non si ha voglia o la possibilità di camminare ci si arriva tramite la cabinovia Colverde e la funivia Rosetta. Il Rifugio Rosetta si trova sull’altopiano delle Pale di San Martino, l’enorme e desertico altopiano carsico che ispirò persino Dino Buzzati in una delle sue celebri opere.

Mariano, il gestore, ci racconta del Rifugio, uno dei più vecchi rifugi della S.A.T., costruito addirittura nel 1889 e di quale attenzione e dedizione ci voglia per operare in un luogo come questo, dove ad esempio gli scarichi non possono essere lasciati defluire nell’altopiano (anche per via della sua natura geologica), ma vengono convogliati fino a valle in paese.

 

Rifugio Pradidali

Quota: 2.278 m

Mail: pradidali@libero.it

Tel: 348.2455732 – 0439.64180

Il Rifugio Pradidali. Courtesy APT San Martino di Castrozza

 

Rifugio Rosetta

Quota: 2.581 m

Mail: info@rifugiorosetta.it

Tel: 0439.68308 – 349.5331742

 

Il Rifugio Rosetta. Courtesy APT San Martino di Castrozza

 

Avanza al Trekking giorno 6 e 7

Torna al Capitolo 2 – 3

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui