Compact Windfoiling, la nuova filosofia foil RRD

0

“Modern windsurfing, compact windfoiling”, questo è stato il motto di Roberto Ricci alla presentazione della collezione Y25 RRD a cui abbiamo partecipato a fine febbraio in Sudafrica. Durante questo meeting annuale di RRD sono state presentate tutte le novità del 2020, di cui a breve incominceremo a pubblicare qualche pillola sul magazine e sul web, ma grande attenzione è stata data alla novità più grossa in casa RRD per quanto riguarda il foil: ovvero il Pocket Rocket 180 in abbinamento alla Compact Freefoil sails. Di questo nuovissimo giocattolo dedicato al freeride foil vi avevamo già dato una anteprima esclusiva nella nostra news pubblicata a inizio marzo, CLICCA QUI, di cui poi avete potuto leggere un approfondimento sul magazine attualmente in edicola. Ma non ci siamo fermati solo qui e sul prossimo numero della rivista in uscita pubblicheremo un articolo completo su questo nuovo prodotto e sul modo di concepire il foil da parte di RRD con interviste esclusive allo staff che ha sviluppato il Pocket Rocket. E non solo… abbiamo avuto modo di testare per bene questa tavola, abbinata alle nuove ali (anche il nuovo modello UNIVERSAL hydrofoil che verrà presentato più avanti), e alla nuova vela Compact Freefoil, e il test di tutto questo materiale lo troverete sul prossimo numero di 4Windsurf.

Il Pocket Rocket 180 è una tavola da foil cortissima (appunto di soli 180 cm) che va usata rigorosamente senza strap, ad ogni modo eventualmente potete montarci anche le strap essendo comunque presenti i tasselli per la strap. Segue totalmente la filosofia di Roberto Ricci per quello che riguarda il foil, ovvero che dovrebbe essere strapless e harnesless, ovvero senza strap e senza trapezio, almeno per quello che riguarda il freeride. Vi posso garantire che una volta che provate il Pocket Rocket senza strap non vorrete più tornare indietro. Abbiamo provato ad usarlo con le strap e ci sentivamo “legati” mentre con l’utilizzo strapless ci sentivamo totalmente liberi, a nostro agio con il volo e in perfetta armonia con gli elementi, e le strambate in volo diventano molto più facili da eseguire. In questa visione le strap fanno solo da impedimento. Anche la nuova vela Compact Freefoil, da abbinare alla tavola, è talmente leggera e stabile che l’utilizzo del trapezio è decisamente superfluo.
La vela Compact Freefoil è richiudibile all’interno di un pratico zaino con un albero divisibile in 5 pezzi e il boma in due parti. Quindi il tutto trasportabile comodamente all’interno della propria macchina come ci mostra Roberto nella foto qui sotto.

CLICCA QUI per vedere il video di presentazione del nuovo RRD Pocket Rocket 180 presentato in anteprima al meeting annuale RRD di febbraio 2019 in Sudafrica.

 

Articolo precedenteRoberto Ricci presenta il nuovo Pocket Rocket
Articolo successivoLa Granfondo Bra Bra Specialized 2019 vista da noi
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui