Pubblicità
Home Sup Foto REPORT DI ALCUNI DEGLI ITALIANI CHE HANNO PARTECIPATO AL GLA GLA
Pubblicità

REPORT DI ALCUNI DEGLI ITALIANI CHE HANNO PARTECIPATO AL GLA GLA

0

REPORT DI ALCUNI DEGLI ITALIANI CHE HANNO PARTECIPATO AL GLA GLA …

ERIKA BARAUSSE 

GLA 5

Lo scorso weekend il Lago di Annecy ha fatto da splendida cornice alla terza edizione della GLAGLA RACE, la gara “ghiacciata” che apre il circuito Alpine Lakes Tour. A dispetto del nome della gara (glagla in italiano sta per “brrrrrr”), la temperatura si è sempre tenuta ben sopra la media stagionale ed un cielo terso ha accolto i 200 partecipanti alla gara. Oltre ad una nutrita partecipazione di atleti francesi, si sono presentati una quindicina di agguerritissimi atleti italiani, degli allegri spagnoli e gli immancabili svizzeri, tedeschi ed austriaci.

GLA 9

Al mattino si è disputata la long distance: 13 km per i professionisti e 5 per gli amatori, lungo le rive del lago sulle quali si affacciano numerose chiese, ville antiche e castelli da favola.

GLA8

Fin dall’inizio si è imposto il trio composto (in ordine di arrivo) da Martino Rogai (Italia – JL), Peter Weidert (Germania – JP) e Vincent Verhoeven (Francia – NSP); Martino e Peter hanno ingaggiato uno sprint finale mozzafiato che ha fatto salire ancor più l’entusiasmo del folto pubblico. A poca distanza arrivava il francese Vincent; assolutamente degno di nota il quarto posto dell’italiano Matteo Baleani (su JL). Poco dopo sono arrivati gli atleti in 12’6” (tutti francesi); nell’ordine: Paul Conrad Delaere, David Gandon e Leandro Cruz.

12647403_10153418479173775_2574228285861777903_n

GLA

Dopo un pranzo a base di specialità canadesi e qualche ora di attesa, è partita la technical race. Il percorso è stato cambiato all’ultimo momento, per favorire la partecipazione del pubblico. La gara si è snodata su 5,5 km, suddivisi in tre giri, ciascuno con 7 boe posizionate molto vicine alla riva e tre passaggi in una spiaggia di sassi, tagliata a metà da un ruscello. Non tutti i 200 partecipanti si sono cimentati nella gara: più della metà ha preferito godersi lo spettacolo dalla soleggiata spiaggia di Taillores ed incitare gli impavidi atlteti. L’Italia ha conquistato due primi posti su tre podi: Martino Rogai primo classificato nella categoria 14′ ed Erika Barausse (RRD) nella categoria 12’6”.

12647352_10153975757229309_3618452546377909087_n

Alla fine di una giornata piena di emozioni, è stata unanime la soddisfazione degli atleti ed il riconoscimento dell’eccelso lavoro svolto dall’organizzatore,Benoît Mouren, e dalla sua folta schiera di volontari.

La Glagla race si conferma una gara consigliata sia perché si colloca in una stagione in cui sono pochissime le occasioni di confrontarsi con altri atleti, sia perché organizzata in una location che da modo di visitare la vicina cittadina di Annecy e di sciare sulle montagne che circondano il lago.

Non mancate alla prossima edizione!!!

E ADESSO LA PAROLA AL TEAM jIMMY

12645244_223825561287165_1468787409302999703_n

Il Dream Team Jimmy Lewis era presente alla prima importante gara europea dell’anno: la Gla Gla Race svoltasi sabato 23 gennaio al Lago d’Annecy (Talloires) in Francia, patrocinata dall’Alpine Lakes Tour e da SUP racer. L’atmosfera della competizione è stata unica, in un contesto davvero fantastico come quello delle Alpi Francesi. L’evento è stato suddiviso in due differenti gare, come prevede il format internazionale di SUP racer, ossia una gara Long Distance di 13 km la mattina, ed una Beach Race di 5 km il pomeriggio. Al via erano presenti 200 concorrenti nella Long Distance, che rappresentava sicuramente la gara più prestigiosa. Meno affluenza di partenti nella Beach Race, molti atleti infatti hanno ritenuto sufficienti i 13 km percorsi la mattina e si sono goduti lo spettacolo da fuori. Martino Rogai, campione Italiano 2016 classe 14′, fa doppietta e raggiunge un’eccellente vittoria in entrambe le gare. Nella Long distance Martino porta in alto i colori dell’Italia a livello internazionale giungendo primo davanti al tedesco Peter Weidert (JP Australia), al francese Vincent Verhoeven (NSP) ed ad un grandissimo Matteo Balky Baleani. Il rider di Ancona, tirato a lucido per la gara, ha sfoggiato un’ottima prestazione conducendo una gara in rimonta ad un ritmo davvero serrato che lo porta dal decimo al quarto posto. Grande Balky! Nella Beach Race Martino ripete l’impresa della mattina e questa volta chiude primo davanti al francese Mathieu Le Vaillant (3Bay) ed al tedesco Peter Weidert.

12644635_223825614620493_3527298355505896316_nGLA 1

Sensazionale è stata la gara sfoderata dal giovane Riccardo Rossi da Piombino. Il ragazzo a soli 14 anni si è confrontato in una gara faticosa in mezzo a tanti rider molto più esperti e grandi di lui dimostrando di rappresentare una delle realtà più belle del futuro dello Stand Up Paddle italiano ed europeo. Alla fine è giunto ventiquattresimo e primo tra gli under 18. Gara di spessore anche per il fiorentino Phanudet Spiganti, che chiude in una promettente ventisettesima posizione, per lo specialista del wave Davide Caribe Marchiaro da Andora, trentaquattresimo, e Gabri Gale da Senigallia, quarantacinquesimo. Il team Jimmy Lewis ha conquistato la GlaGla Race.

12573814_10153273292417116_6973286983879973854_GLA GLA

FOTO DI COURTESY ERIKA BARAUSSE E MARTINO ROGAI

Pubblicità