Pubblicità
Home Sup Foto Report St Maxime
Pubblicità

Report St Maxime

0

L’Italia si conferma tra le nazioni leader e soprattutto ad un mese dall’ Europeo ISA a Lacanau dimostra di essere una delle favorite per il titolo dopo la terza prova dell’Euro Tour disputatasi lo scorso fine settimana a St. Maxime (FRA).

St Maxime3

In acqua erano presenti quasi tutti i più forti big dello Stand Up Paddle mondiale: Connor Baxter, Tituan Puyo, Jake Jansen e molti altri top rider. St Maxime è ormai giunta alla settima edizione ed è considerata a livello internazionale tra le più importanti e seguite. Molti i brand di settore presenti nella spiaggia francese che si trova a pochi passi da Saint Tropez. Spettacolare la diretta LIVE Streaming via Facebook offerta dalla pagina SUP RACER che ha messo in connessione tutto il mondo dello stand up paddle con i rider in azione durante le gare ed ha riscosso un grandissimo successo. Prossima settimana a Lost Mills (Germania) sarà ripetuto il Live rendendo questo sport sempre più accessibile e visibile anche dal punto di vista mediatico.

Nella Technical Race tenutasi sabato 21 maggio, costituita da 7 km con più di trenta giri di boe davanti alla spiaggia di St. Maxime, il primo Italiano a piazzarsi è Leonard Nika (Starboard) che chiude in quinta posizione. Dietro di lui in nona e decima posizione Paolo Marconi (Rrd) e Giordano Bruno Capparella (Bic). Martino Rogai (Jimmy Lewis) finisce tredicesimo, Davide Ionico (Fanatic) diciassettesimo, ventiseiesimo Davide Codotto (3 Bay), trentaduesimo Leonardo Toso (Jp Australia), trentatreesimo Fabrizio Gasbarro (Jp Australia).

san maxime (3)

La vittoria finisce nelle mani dell’hawaiiano Connor Baxter che dopo una partenza sprint stacca il gruppo dando una grande dimostrazione di forza. Secondo Tituan Puyo (FRA), terzo Michael Booth (AUS).

Tra le donne Susak Molinero (Rrd), l’Italiana “adottiva”, chiude nella top five dopo aver a lungo lottato per il podio dietro Sonni Honscheid (GER), Fiona Wilde (USA) e Olivia Piana (FRA).

Tra gli junior grandissima prestazione di Riccardo Rossi, atleta in forza al dream team Jimmy Lewis di soli quindici anni, che si piazza in una fantastica seconda posizione tra gli under 18 e in settima posizione assoluta nella classe 12’6. Ricky fa parte dei giovani di belle speranze del nostro paese e sta crescendo gara dopo gara nonostante sia al suo primo anno tra gli junior, sicuramente rappresenterà degnamente l’Italia dello Stand Up Paddle nei prossimi anni.

La domenica è il momento della Long Distance: 15 km lungo la bellissima costa azzurra. La partenza è al cardiopalma con una spettacolare beach start che da subito vede imporsi nel gruppetto di testa i migliori rider del pianeta (video partenza).

L’australiano Michael Booth strappa al quinto chilometro e crea un gap incolmabile con gli altri atleti, finendo al primo posto la gara della domenica e secondo assoluto tenendo conto della somma dei tempi con la gara del sabato. Connor Baxter tenta a recuperare ma finisce secondo laureandosi comunque campione di questa terza tappa dell’Euro Tour avendo vinto la gara del sabato con un distacco più ampio di quello inflittogli dall’australiano compagno di team. Tituan Puyo chiude al terzo posto sia la long distance che la combinata.

san maxime

Primo degli Italiani Leonard Nika chiude nono, centrando la top ten in una gara di livello molto alto. Dietro di lui Paolo Marconi in decima posizione conferma quanto fatto vedere a Port Adriano, anche lui è tra i primi dieci. Martino Rogai lo segue in undicesima posizione completando un terzetto di Italiani che fa ben sperare in vista dei prossimi impegni. Poco staccati Davide Codotto e Giordano Bruno Capparella finiscono in diciassettesima e diciannovesima posizione. Ben cinque italiani quindi nella top twenty, dimostrazione che il livello nel nostro paese è molto alto ed in continua crescita.

Trentunesima piazza per Leonardo Toso, trentaduesima per Fabrizio Gasbarro, trentottesima per Davide Ionico che paga un calo di forma a metà della gara e sarà pronto a rifarsi settimana prossima a Lost Mills, cinquantasettesima posizione per Davide Marchiaro da Andora. Riccardo Rossi chiude ancora una volta tra i primi junior, prendendo parte a questa lunga ed impegnativa gara per accumulare esperienza nonostante i 12’6 risultassero fuori dalla classifica finale.

san maxime (2)

Tra le donne domina anche domenica Sonni Honscheid davanti a Seychelle (USA) e Fiona Wilde. Susak chiude in sesta posizione che le vale questa piazza anche nella combinata finale, dimostrando di tenere botta alle migliori atlete del mondo in una gara dove il livello sia maschile che femminile è stato molto alto.

Prossima competizione Lost Mills nel lago di Brombachsee il 27-28 maggio, tanti i rider italiani che saranno presenti a questa classica dell’Euro Tour e che cercheranno di tenere alto il tricolore in Europa e nel mondo.

Report di Martino Rogai

Pubblicità
Advertisement