Pubblicità
Home Running News Ring of Steall, Maguet e la Wyder volano!
Pubblicità

Ring of Steall, Maguet e la Wyder volano!

0

Ne abbiamo parlato pochi giorni fa, sarebbe stata una gara da incorniciare e così è stato per il valdostano Nadir Maguet, che ha sbaragliato il campo, disintegrando i 29k delle Highlands scozzesi. Tra le donne strepitosa Judith Wyder, vincitrice e decima assoluta. Nella VK Mamores vincono Zak Hanna e Victoria

E siamo a 6. Pronti per l’Annapurna Trail!

Kinlochleven, il paesino di poco più di 900 abitanti, adagiato sulle higlands scozzesi ha ospitato in modo egregio un evento che aveva già prima della partenza ufficiale il sapore di grande sfida che assegnava in modo definitivo l’accesso al Grand Final del 25 ottobre in Himallaya con l’Annapurna Trail. Forse ci si aspettava un po’ più di battaglia nelle prime piazze sia della VK che della SKYRACE, ma il dominio assoluto degli atleti che hanno vinto ha tolto alle gare un po’ di suspense.

VK MAMORES, meno di 6 chilometri per correre 1000D+

Nella VK è mancata un po’ la lotta per il vertice del podio, sia in campo femminile con la vittoria di Victoria Wilkinson, ottava assoluta e di Zak Hanna che si è permesso di rifilare 3 minuti e mezzo al secondo classificato Andrew Barrington. Hanna quest’anno ha corso molto bene per tutta la stagione, dimostrando costanza e confermando un valore indiscusso in campo internazionale. Per la Wilkinson si tratterebbe di spendere parole analoghe, Partita a razzo, non ha mollato fin dopo la linea del traguardo, facendo segnare un tempo che, anche tra i maschi sarebbe stato di grandissimo valore!

Ring of Steall Skyrace

Per usare un termine spaziale, hanno vinto due veri missili. Nadir Maguet, valdostano d’eccezione, ha confermato la sua forma strepitosa, andando a vincere con un distacco imbarazzante sul secondo, Marc Lauenstein. Dietro tutti gli altri, costretti a subire distacchi veramente importanti, abbondantemente superiori ai 5 minuti. Maguet ha fatto gara a sè, ha impostato il proprio ritmo in modo regolare e non si è preoccupato più di tanto di fare tattica correndo sugli avversari, ma pensando solo a vincere. Il fondo su cui si corre nelle Highlands è veramente insidioso. Spesso molle, fangoso, impone una corsa leggera ed estremamente agile. Maguet ha tutte queste doti e sa essere estremamente incisivo quando i dislivelli si fanno importanti. Sempre in spinta, non ha dimostrato alcun segno di cedimento nelle oltre tre ore di gara, ottenendo non solo una vittoria netta, ma una grande vittoria! Con un Maguet così in forma, sarebbe stata fantastica la sfida con Kilian Jornet, vincitore nella passata edizione, proprio davanti a Maguet e grande assente quest’anno. le avrebbero sicuramente regalato scintille, anche perché per battere Maguet ci sarebbero volute veramente le cannonate di una corazzata! Tra le donne Judith Wyder è stata spettacolare. Una gara regolare che ha dimostrato il suo grande valore. Un riscontro cronometrico da 10^ assoluta, maschi compresi, e soprattutto il nuovo record del percorso. La svedese Tove Alxendersson, ex detentrice della gara femminile, paga ben 10 minuti di distacco, viso che la Wyder ha vinto in poco più di 3 ore e mezzo.

ANNAPURNA TRAIL, The 10 Fabulous

Uomini

  1. Kilian Jornet
  2. Nadir Maguet
  3. Davide Magnini
  4. Bartłomiej Przedwojewski
  5. Stian Angermund-Vik
  6. Thibaut Baronian
  7. Sage Canaday
  8. Aritz Eeg
  9. Rémi Bonnet
  10. Marc Lauenstein

Donne

  1. Judith Wyder
  2. Maude Mathys
  3. Ruth Croft
  4. Eli Anne Dvergsdal
  5. Silvia Rampazzo
  6. Elisa Desco
  7. Meg Mackenzie
  8. Yngvild Kaspersen
  9. Amandine Ferrato
  10. Holly Page

 

 

 

 

VK http://www.skylinescotland.com/mamores-vk/results/2019-results/

SKYRACE http://www.skylinescotland.com/ring-of-steall-skyrace/results/2019-results/

Articolo precedenteBruno Hasulyo vince l’EuroTour a Torregrande
Articolo successivo“Una presa di coscienza” a Marinedda Bay
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità