Running in the morning… con MIZUNO Wave Rider 19

0

4Running corre con voi! Oggi sono andato a fare il mio giro di running di buon mattino. Ospiti dell’uscita le nuove Mizuno Wave Rider 19, a cui ho abbinato i plantari Spenco Original. Per la Wave Rider, già usata per qualche giorno senza i plantari specifici, con le normali solette Mizuno in dotazione , una netta conferma di quanto scritto dal nostro tester Matteo Parravicini su 4Running cartaceo, ovvero una gran scarpa.

Mizuno WAve Rider 19 e solette Spernco Original, un super connubio! Mizuno Wave Rider 19 e solette Spenco Original, un super connubio!

Ottimo l’ammortizzamento, garantito da un’intersuola non eccessivamente spessorata, il che garantisce una buona sensibilità sul terreno, pur parlando sempre di una scarpa classificabile tra le A3. La suola, correndo su asfalto bagnato e soprattutto pavé delle vie del centro, non ha dato problemi, garantendo un buon grip e soprattutto una buona flessibilità grazie agli intarsi generosi dell’avampiede. Rispetto alle scarpe che sto usando in questo periodo, ovvero Diadora 4100 Bright e Columbia Ventrailia, si è dimostrata decisamente più veloce. Ma lasciando da parte le impressioni di guida, che affido ai nostri tester, volevo soffermarmi un po’ su vantaggi e svantaggi del running mattutino. Ovvio che il 2 giugno, festa della Repubblica, zero problemi di sveglia per andare a lavorare, sono uscito ad un orario “cristiano”, diciamo 7:30? I primi k sono sempre i peggiori, da una parte si vorrebbe tornare per almeno un’altra ora nel letto a dormire, dall’altra c’è sempre una vocina che ci dice di non mollare… la circonferenza vita  saprà come ringraziarci. E così è stato, un paio di k ascoltando il TG alla radio e poi via a sparare pensieri a caso tra la canottieri Milano e Porta Genova, poi i Navigli, la Darsena, Ticinese, via Torino, seguito da un rapido saluto con selfie d’obbligo al Duomo, nel più puro stile “turista per caso”. Rientrato a casa, doccia, colazione, di quelle che nelle giornate lavorative non riesci a fare mai e poi un buon venti minuti di stretching brucia età.

Le Mizuno Wave Rider 19, sullo sfondo il Duomo di Milano Le Mizuno Wave Rider 19, sullo sfondo il Duomo di Milano

Risultato? Come sapete, correndo si producono ENDORFINE, ovvero quelle sostanze che ci fanno sentire bene, facendo sport. Ecco perché una sana e regolare attività sportiva, distribuita nell’arco della settimana per almeno 3 giorni, migliora non solo il nostro stato fisico ed emotivo, ma ci rende più disponibili nei rapporti con gli altri, garantendoci un senso di appagamento e soddisfazione rispetto ad un soggetto sedentario. Lo stress, quella brutta bestiolina che vaga tra le vene di cure e cervello, se ne sta bello tranquillo e noi viviamo meglio.

Buon Running!

Articolo precedenteNameless Skateboards – Nameless (Light Lines) full length video
Articolo successivoKenneth McArthur e la beffa del 1912
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”