Pubblicità
Home Windsurf News Shaka Surf Shop rinnova il settore windsurf
Pubblicità

Shaka Surf Shop rinnova il settore windsurf

0

Lo storico surf shop di Torbole Shaka ha appena presentato al pubblico il restailing del reparto windsurf e noi di 4Windsurf abbiamo fatto qualche domanda a Nicholas Slijk, responsabile vendite e figlio del proprietario Mike.

Ciao Nicholas, congratulazioni per il restailing del reparto windsurf del vostro negozio, cosa vi ha fatto decidere per iniziare i lavori?
Ciao! Grazie mille, senz’altro ci siamo tenuti l’inverno occupato con tutto l’iter di lavori che ci sono stati. Il restailing è nato da un’idea comune in realtà, dare uno stile completamente nuovo al negozio lo avevamo in mente da tempo, poi verso la fine della stagione 2020 parlando con i ragazzi di Pryde group siamo arrivati appunto ad un accordo di collaborazione e quindi dopo progettazioni e lavori eccoci qua, con il negozio completamente cambiato.

Come è cambiato ora il negozio e quali sono i vostri punti di forza?
Sicuramente rispetto a prima, si presenta molto più luminoso e meno ricolmo di attrezzatura, più preciso, meno dispersivo.
I nostri punti di forza sono sicuramente gli accessori, non minimizzando però l’importanza dell’attrezzatura windsurf che è sempre un pilastro portante per noi.

Quali sono i brand con cui collaborate? E per il wing?
I brand principali con cui collaboriamo sono JP – Neilpryde, poi Naish che è un nostro marchio storico di cui non possiamo fare a meno.
Per il wing abbiamo optato per un mix, vele Naish e tavole/foil JP. Essendo uno sport “componibile” è bello poter giocarsela con i vari marchi.

In questo difficile periodo, da negoziante come vedi il movimento dei water sports?
Sicuramente lo vedo cambiato, il windsurf sta un po’ scalando in secondo piano, al di là dei grandi affezionati che non mollano e molleranno mai, moltissimi sono transitati su altre discipline, come il Foil o il Wing, che sta spopolando e oltre ad aver riportato vecchi surfisti in acqua sta portando gente completamente nuova e questo è solo che positivo. Più del Windsurf foil, il wing, a mio avviso, sta dando quella visibilità ai nostri sport di cui c’era bisogno.

E più nello specifico, Torbole come sta reagendo a questo periodo?
Torbole fortunatamente si potrebbe definire un’isola felice. Senz’altro è stato difficile per tutti passare questi periodi di chiusure totali, di mancanza di turismo. Ma si è notato come non appena venga data la possibilità alla gente di muoversi, in molti scelgono di venire qui. E questo ci rende sempre abbastanza fiduciosi.

Quali sono i vostri prossimi progetti o eventi che avete intenzione di fare?
Progetti per il momento li abbiamo solo vagamente appuntati, aspettiamo che si stabilizzi un po’ la situazione, che si sia tutti un po’ più liberi per pensare a qualcosa di concreto.

Articolo precedenteTROFEO NASEGO è nella WORLD CUP 2021
Articolo successivoTavagnasco – Santa Maria Maddalena ai Piani il 18 luglio
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità
Advertisement