Home Outdoor Snowboard Snowboard e snowboarder, intervista a un padre fondatore

Snowboard e snowboarder, intervista a un padre fondatore

0

Lo snowboard nacque come attività sulla neve anticonformista, in netta contrapposizione allo sci degli anni ’80, ‘90. Propagandava maggior libertà e maggior divertimento. Questi valori spinsero discipline competitive orientate alla creatività piuttosto che alla performance velocistica, il freestyle in tutte le sue forme: dal park allo street al backcountry. Successivamente lo sci colmò il gap o almeno cercò di farlo, sia a livello di prodotti, che di competizioni e di spirito, facendo germogliare il seme della passione per il freeride. A che punto evolutivo è arrivato lo snowboard al giorno d’oggi, che direzione hanno preso l’industria e le aspettative di chi lo pratica?

 

L’intervista al fondatore di CAPITA Snowboards

Lo abbiamo chiesto a Blue Montgomery, fondatore del marchio CAPiTA Snowboards ed attuale CEO e brand manager della società, e Mark Dangler, direttore MKT.

 

Chi è lo snowboarder di oggi e cosa cerca?

Lo snowboard è maturato nel corso dei decenni e anche i rider si sono evoluti. Lo snowboarder di oggi condivide una passione comune ma è più vario che mai, quindi “lo snowboarder di oggi” non è un tipo di persona. Alcuni rider sono attratti dal freestyle influenzato dallo skateboard, alcuni sono ispirati a emulare lo stile del surf in powder, mentre altri vogliono fare freeride su grandi montagne o semplicemente farsi un giro intorno al loro resort. Ciò che tutti abbiamo in comune è un’esperienza condivisa: la fuga che lo snowboard offre dalla routine quotidiana e dalle continue richieste digitali della nostra vita.

In che hanno è stata fondata CAPiTA e dove sorge The Mothership?

CAPiTA è stata fondata a Seattle, Washington USA nel 2000. Nel 2015 abbiamo costruito The Mothership, che funge da headquarter del marchio CAPiTA e sede di produzione. Situata in Carinzia, Austria, la Mothership CAPiTA è la struttura di produzione tecnologicamente più avanzata e rispettosa dell’ambiente dell’industria dello snowboard.

Quante persone impiega e che tipo di tavole produce?

In The Mothership, siamo stati in grado di creare nuovi posti di lavoro per la regione e mantenere una forza lavoro multigenerazionale di oltre cento dipendenti in una bellissima valle che chiamiamo casa. Per quanto riguarda la produzione, creiamo snowboard adatti ad ogni stile nella nostra collezione che hanno vinto riconoscimenti del settore in tutto il mondo per il loro design, qualità di produzione, prestazioni e valore.

I brand di tavole hanno generalmente molti modelli in collezione, voi stessi ne avete 30, declinati una varietà di lunghezze e larghezze. E’ necessario offrire un ventaglio così ampio di scelta al consumatore?

Crediamo che lo sia. Snowboard e CAPiTA sono maturati contemporaneamente. Non abbiamo più uno snowboarder concentrato prevalentemente sul freestyle come base di clienti. Abbiamo fan e potenziali fan del marchio CAPiTA, dai tre ai settantatré anni. Ci sono molti modi diversi per godersi lo snowboard; ci sono molte aspettative diverse che gli snowboarder hanno, dalla guidabilità e dalla risposta del loro snowboard in base al terreno che raidano al budget che hanno a disposizione quando acquistano la tavola perfetta per loro. Vogliamo creare snowboard per l’esperienza dello snowboard – chiunque tu sia, ovunque tu viva.

L’industria outdoor in generale sembra sempre più attenta ad orientarsi verso una produzione industriale più responsabile nei confronti dell’ambiente.

In CAPiTA quali azioni avete intrapreso in questo senso?

CAPiTA ha guidato l’ industria a sviluppare iniziative di produzione responsabile. Abbiamo aperto The Mothership nel 2015 come il primo impianto di produzione di snowboard alimentato al 100% da energia pulita. La Mothership CAPiTA ha zero potenziale di impoverimento dell’ozono, zero potenziale di riscaldamento globale e zero emissioni di CO2. Oltre alle iniziative di riciclaggio industriale, abbiamo anche adottato misure per sviluppare e utilizzare nuovi materiali che ci consentono di fornire snowboard prodotti in modo più responsabile che mai.

Le anime in legno certificate FSC con longheroni in ​​termopolimero riciclato, bioresine, inchiostri a base d’acqua, sono tutti esempi di materiali che abbiamo utilizzato sempre di più per migliorare i nostri prodotti. Abbiamo anche deciso di costruire The Mothership in un luogo che abbracciasse una catena di approvvigionamento più localizzata. Questa strategia supporta le imprese locali, rafforza le nostre relazioni con i fornitori per sviluppare nuovi materiali e riduce drasticamente l’impronta di carbonio della produzione rispetto alla spedizione di materie prime in tutto il mondo. Alla Mothership, il 98% delle nostre materie prime proviene da una distanza massima di cinque ore di macchina.

Quali risultati tangibili avete conseguito orientandovi verso scelte produttive più responsabili.

Abbiamo assistito a un cambiamento nella mentalità dei rivenditori e dei consumatori. Molte persone cercano marchi che rappresentino qualcosa di significativo. Attualmente sta emergendo un cliente orientato a supportare marchi orientati allo scopo di produrre in modo responsabile. Abbiamo riscontrato risultati positivi nelle vendite e abbiamo anche apprezzato l’onore e il riconoscimento di riconoscimenti del settore come The ISPO Product of The Year, Digital Trends Innovations Awards e uno di cui siamo molto orgogliosi: l’Energy Globe Award per l’Austria.

Tavole più “green” sono ugualmente robuste e performanti?

Dipende da chi li produce e da come le fanno. In CAPiTA lo sono perché il nostro obiettivo principale è creare i migliori snowboard al mondo e il nostro obiettivo secondario è farlo nel modo più responsabile possibile. Abbiamo scoperto attraverso un approccio progressivo e un’ampia ricerca e sviluppo che, producendo in modo responsabile, siamo stati in grado di far evolvere i nostri prodotti allo stesso tempo, creando prestazioni superiori, maggiore durata e peso ridotto, utilizzando metodi in cui i rider possono riconoscersi.

Le aziende cercano di orientare i processi produttivi meno impattanti per l’ambiente, ma i consumatori ne sono consapevoli e dimostrano di apprezzarlo, orientando le loro scelte verso i brand più virtuosi?

Alcune aziende fanno le cose in modo da poterlo rivendicare nei loro materiali di marketing. Altre fanno le cose perché è la cosa giusta da fare. Abbiamo investito milioni di euro nella produzione di energia pulita e nella produzione responsabile, ma il nostro marketing è rimasto più incentrato sull’arte e sullo snowboard. Lo facciamo perché lo snowboard è ciò che ci unisce e la cultura dello snowboard è al centro di ciò che facciamo. Produrre in modo responsabile dovrebbe essere l’aspettativa a questo punto. Non ci aspettiamo che tutti i clienti, o anche tutti i NOSTRI clienti, siano pienamente consapevoli dei nostri investimenti nello “spazio verde”. Ma va bene così. Siamo felici perché ci sentiamo bene per i nostri sforzi e contributi e sappiamo che quando i clienti verranno a conoscenza del nostro processo, anche loro si sentiranno bene.

Due anni di pandemia e di resort parzialmente chiusi, inverni più secchi, una guerra nel cuore dell’Europa che ha per conseguenza anche aumenti di materie prime e dell’energia. Gli sport da neve e la pratica degli stessi sulle piste sopravviveranno?

Gli sport sulla neve sopravviveranno sempre, ma molto probabilmente si espanderanno e si contrarranno attraverso i cicli economici in base a ciò che sta accadendo nel mondo che ci circonda. Attualmente, l’esperienza dello snowboard sta diventando più esclusiva e questo è l’opposto del nostro desiderio di inclusività. La realtà è che ci sono alcune cose che possiamo controllare nella nostra vita quotidiana (come l’impatto delle nostre scelte personali) e alcune cose che non possiamo controllare (come la politica, la guerra e le pandemie).

Poiché gli esseri umani cercano di sfuggire a ciò che non possono controllare, ci sarà sempre un appetito per “uscire dal mondo reale”, fare il bagno nell’aria fresca di montagna, riunirsi con gli amici nei grandi spazi aperti e superare i nostri limiti personali di capacità, esperienza ed espressione. Questo è lo spirito che guiderà sempre l’interesse per lo snowboard. Quello che tutti possiamo fare ora è prendere decisioni, grandi o piccole che siano, che possano influenzare positivamente la direzione del mondo e sperare che lo snowboard sia goduto in profondità nel futuro dalle prossime generazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui