Tabou Twister 90 2016, le prime impressioni

0

Stefano Cronst, un nostro lettore del Lago di Caldonazzo (TN), ci invia le sue prime impressioni della nuova Tabou Twister 90 che ha appena ritirato dal suo surf shop di fiducia Detour di Peschiera del Garda.

Malcesine 31 luglio, ore 7.00, Peler rafficato, chop storto, vela 4,2 Np Wizard. Da qualche giorno avevo adocchiato il nuovo gioiellino di casa Tabou: all’apparenza poteva sembrare un’operazione di make-up ma dopo alcune verifiche “a secco” abbiamo notato piccole differenze con il modello 2015. Tuck dei bordi di prua più marcato (meno spigolo vivo), outline di poppa leggermente sfinato e rocker negli ultimi 10-15 cm più accentuato. Modifiche che hanno portato la tavola ad un altro livello rispetto al 2015: il 2016 è libero sotto i piedi, leggero sul chop, e non tende a sbattere nella fase iniziale delle manovre, specialmente quando la superficie dell’acqua è rotta e choppata. Nelle rotazioni i bordi morbidi aiutano la slashata. Confermate le doti di inizio planata e la velocità nelle andature in switch. La sensazione è che lo stacco, il pop, sia notevolmente migliorato, contribuendo al generale feeling di leggerezza e compattezza. Buono il galleggiamento, generoso il volume in prua e distribuito in modo uniforme su tutta la lunghezza. La sensazione è che ci siano 4-5 litri in più di quanto dichiarato. Ottimi i pad, morbidi e confortevoli, come pure le strap. Pinna di serie Sashimi 18 con slotbox. Ci aggiorniamo per il long run test! Thanks to @detoursurfandsnow

11754726_10153536667471913_5751870179262879605_o