Pubblicità
Home Running Eventi Test riuscito per la Cervinia Skymarathon
Pubblicità

Test riuscito per la Cervinia Skymarathon

0

A Cervinia è stato un weekend ricco di emozioni e di performance per i corridori del cielo, festeggiando i 150 anni della conquista del Cervino. Un selezionatissimo team di Skyrunners ha testato a coppie la mitica Cervinia SkyMarathon sul percorso originale del primo Campionato Mondiale di Skyrunning del 1998 – da Cervinia fino ai 4.165m della vetta del Breithorn.

Sono bastate 4h29’38’’ alla coppia italo-giapponese a salire e scendere 2.440m di dislivello su 32 km di percorso di cui oltre metà su ghiaccio.

Primi a raggiungere la vetta era il valdostano Franco Collè insieme al giapponese Dai Matsumoto. Al secondo posto, tutto valdostano, l’inossidabile Bruno Brunod in coppia con Diego Vuillermoz, erano davanti al team svizzero dei fratelli Jules e Candide Gabioud e alle coppie miste dei francesi capitanate da William Bon Mardion e Corinne Favre.

Per dare un’idea dei valori in campo sono stati della partita: due Campioni del Mondo Skyrunning (Bruno Brunod e Corrine Favre), due vincitori del Tor de Geants (Franco Collé e Jules Gabioud), e un campione mondiale di sci alpinismo (William Bon Mardion).

L’evento di oggi segna una grande celebrazione skyrunning, che era anticipato sabato dal CervinoVertical Kilometer® – 1,000m dritti verso il cielo, dal centro di Cervinia alla Croce Carrel. Anche qui ha dominato un atleta locale, il valdostano Nadir Maguet che ha messo in fila italiani, francesi e svizzeri chiudendo in 40’32”. Nel campo femminile ha vinto Barbara Cravello  in 49’52”. Tutte e due erano sotto il tempo dei record precedenti.

Nadir Maguet, a dx, vincitore del vertical di Cervinia (foto Sportdimontagna) Nadir Maguet, a dx, vincitore del vertical di Cervinia (foto Sportdimontagna)

La Cervino Vertical Kilometer®  è inserito nel circuito nazionale Skyrunner® Italy Series che, dopo due prove, vede al comando lo stesso Nadir Maguet e Stephanie Jimenez, giunta seconda dopo uno sprint con la vincitrice Barbara Cravello.

Nel siparietto post gara, l’omaggio a Carrel e al Cervino: a fianco della Croce gli atleti hanno posato con tutte le maglie delle Skyrunner® World Series delle 12 edizioni promosse dalla International Skyrunning Federation.

L’evento, oltre ad un tributo al 150° della conquista del Cervino, è stato un test molto positivo per riproporre questa storica SkyMarathon®  nei prossimi anni all’interno del calendario mondiale della ISF in collaborazione con il Comune di Valtournenche e il comprensorio Breuil-Cervinia.

Sportdimontagna