TESTATA X VOI: Calzatura Brooks Levitate

0

Brooks Levitate, il futuro della calzatura da running secondo Brooks. Una scarpa che ha richiesto sette anni di studio approfondito e test diretti. L’azienda americana vuole con questa calzatura consolidare ulteriormente il proprio ruolo nel mondo del running, dimostrando e che #runhappy non è solo un comune ashtag da social community, ma una vera e propria filosofia aziendale.

Justine Mattera, ambassador di Brooks con ai piedi la nuovissima Brooks Levitate in Piazza Gae Aulenti a Milano durtanbte il nostro photoshooting
Justine Mattera, ambassador di Brooks con ai piedi la nuovissima Brooks Levitate in Piazza Gae Aulenti a Milano durtante il nostro photoshooting

Ecco le caratteristiche tecniche principali

PESO DICHIARATO: 317.5 g

DROP:8 mm

PREZZO: 170 euro

Ecco come funziona la Brooks Levitate

Brooks presenta il suo nuovo modello: Levitate, la calzatura da corsa che assicura il massimo ritorno energetico, ideale per i runner che cercano reattività ed elasticità. È infatti la prima scarpa a disporre dell’esclusiva intersuola con tecnologia DNA AMP, creata da Brooks in collaborazione con BASF, che consiste in un sistema di ammortizzazione con base in poliuretano funzionale ad assicurare al corridore il ritorno di energia nel momento stesso in cui viene applicata la forza. Oltre all’esperienza energizzante della scarpa, Brooks Levitate è dotata di una tomaia integrata in Fit Knit che avvolge delicatamente il piede, assecondandone i movimenti e adattandosi costantemente alla sua forma. Il Fit Knit di Brooks utilizza un processo di cucitura a maglia circolare per dare vita a una tomaia tecnica progettata per garantire la traspirabilità dove ce n’è più bisogno e la struttura dove è necessario. La suola è flessibile, grazie al design a forma di freccia, e aiuta i corridori a passare rapidamente dal tallone alla punta, senza disperdere energia.

1
2
Articolo precedenteRuote Vision Trimax 30KB, ecco il nostro test
Articolo successivoNina Caprez sul classico “To Bolt Or Not To Be” (5.14a)
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui