Pubblicità
Home Running News The North Face partner di CLEAN-UP TOUR ITALY 2021

The North Face partner di CLEAN-UP TOUR ITALY 2021

0

The North Face, sports-brand iconico sempre particolarmente attento alla salvaguardia del nostro Pianeta, conferma la propria partnership al CLEAN-UP TOUR ITALY 2021: una serie di iniziative promosse dalla ONG Summit Foundation per raccogliere i rifiuti che deturpano le montagne.

CLEAN-UP TOUR ITALY 2020, un successo!

Nel 2020, il tour ha contato più di 20 operazioni e 660 partecipanti che hanno raccolto circa 2.730 kg di rifiuti. Quest’anno, la Fondazione Summit ha già organizzato 27 raccolte con 1.310 partecipanti che hanno raccolto 4.370 kg di rifiuti.

CLEAN-UP TOUR ITALY 2021, le date

Nel 2021 e 2022, alcune tappe di questo tour coinvolgeranno le Alpi italiane, e questo è stato reso possibile grazie al supporto di The North Face e dell’European outdoor conservation association (EOCA).

Iscriviti alle tappe italiane!

Per l’edizione italiana, due tappe del Clean-Up saranno organizzate a Bolzano il 11 e 12 settembre (iscrizione su www.cleanuptour.it) una terza data avrà luogo il 25 settembre a Courmayeur. Nel 2022, la fondazione punta ad organizzare altre 4 tappe del suo Clean-Up Tour in Italia.

La partnership di The North Face

La partnership di The North Face, dopo il successo dell’edizione 2020, è ampiamente confermata. Proteggere e rispettare l’ambiente è infatti uno dei principii su cui si regge l’iconico sports-brand sin dalla sua nascita.

Amanda Calder-Mclaren, Brand & Comms Director, The North Face

“Proteggere e rispettare l’ambiente che ci circonda è oggi più importante che mai. L’impegno del nostro brand nella tutela del pianeta va oltre le promesse e le dichiarazioni di intenti e si declina in azioni concrete, come questo progetto, che siamo orgogliosi di supportare”.

Summit Foundation, da 20 anni per il Pianeta

Da 20 anni, Summit Foundation organizza e sostiene operazioni di raccolta rifiuti in montagna e nel 2019 l’ONG di Vevey ha lanciato il Clean-Up Tour.

Mascherine e contenitori monouso…i più inflazionati!

Nonostante le restrizioni dell’ultimo anno, l’inverno e l’estate sono state caratterizzate da un alto livello di attività nelle destinazioni montane italiane, in particolare sui sentieri escursionistici. Le mascherine e i contenitori monouso sono tra i rifiuti che, una volta sciolta la neve, hanno sporcato luoghi incontaminati, contribuendo ad aggravare il preesistente problema dei rifiuti abbandonati.

Di corsa, a piedi o con sci…basta lasciare pulito!

La fondazione Summit Foundation non è assolutamente nuova a questo genere di iniziative e anche per il 2021, vista l’affluenza imponente da parte di turisti nel perido estivo, in particolare sulle nostre montagne, lancia una nuova campagna. Per sensibilizzare gli sciatori e gli escursionisti sulla problematica dei rifiuti in montagna e contribuire a ripulire le piste da sci e i sentieri, Summit Foundation lancia il Clean-Up Tour 2021, che si declinerà in alcune iniziative volte a coinvolgere gli amanti della montagna nelle raccolta di rifiuti.

Plogging che cosa???

Da fonte Wikipedia: “Il plogging è un’attività sportiva inventata in Svezia da Erik Ahlström, un utente su instagram. Il plogging consiste nel raccogliere i rifiuti mentre si corre. La particolare attività combina esercizio fisico con la pulizia dell’ambiente. Il termine è un neologismo, combinazione delle parole svedesi “plocka upp” (raccogliere) e “jogging’. Guidato da preoccupazioni globali sull’inquinamento, il plogging ha cominciato a diffondersi in altri paesi.”

Summit Foundation non obbliga nessuno a correre! Le iniziative sono infatti dedicate a tutti i camminatori, ma visto che lo slogan perentorio è RIPULIAMO IL NOSTRO TERRITORIO, anche tutti i runner volenterosi, grazie all’attività del PLOGGING, simpatico neologismo coniato dalla lungimiranza dello svedese Erik Ahlström, possono dare una grossa mano!

I rifiuti fanno male!

La parola ai protagonisti del progetto

Téo Gürsoy, responsabile del progetto

“In montagna, come altrove, i rifiuti hanno diversi impatti negativi sugli ambienti naturali, dall’inquinamento delle acque e del suolo a conseguenze anche sulla fauna. Purtroppo, con l’aumento dell’uso di prodotti monouso, l’impatto delle attività umane in montagna è cresciuto esponenzialmente. Tuttavia, l’entrata in vigore il 3 luglio della direttiva europea 904 sulla plastica monouso rappresenta un segnale di speranza per guardare ad un futuro migliore”.

La Direttiva Europea 904

Per quanto possa essere noioso leggere pagine e pagine di trattato, se vi va di approfondire in materia e avere le idee più chiare su ciò che capita alla plastica e a tutti i suoi derivati in Europa, potete andare a leggervi direttamente la Direttiva Europea 904, e avere un quadro più completo sull’argomento.

Mar Mediterraneo: 229.000 tonnellate di plastica ogni anno!

Uno studio dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) dell’ottobre 2020 ha stimato che circa 229.000 tonnellate di rifiuti di plastica finiscono nel Mar Mediterraneo ogni anno. Di queste, 34.000 tonnellate all’anno in Italia. Questo studio dimostra ancora una volta la portata del problema legato ai rifiuti di plastica e l’importanza di raccoglierli in montagna per evitare che inquinino fiumi come il Po o l’Adige, finendo poi nel Mar Mediterraneo.

 

 

 

Articolo precedenteMerida Scultura CF5, la quinta generazione
Articolo successivoNoli/Rabina 28 agosto
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità