Lo spettacolo della natura a Vesubie e Valdeblore

Alla scoperta di un’area sconosciuta ai più, anche se il Parco del Mercantour e la Valle delle Meraviglie sono due destinazioni al top per gli amanti dell’outdoor nelle Alpi Marittime francesi.

06/12/2019
scritto da Cristiano Guarco
All'interno dei Parco Alpha, nei pressi di Le Boreon

All’interno dei Parco Alpha, nei pressi di Le Boreon

È un’area molto apprezzata dagli abitanti della vicina Costa Azzura – si arriva in circa un’ora da Nizza – in particolare per le opportunità sportive a 360° e per le possibilità di relax in mezzo alla natura, senza dimenticare la superba enogastronomia orientata ai prodotti dell’agricoltura bio. Per la precisione ci troviamo nel comprensorio Haut Pays Niçois (Paesi dell’Alto Nizzardo), a 55 km da Nizza, compreso il suo aeroporto che rappresenta una comoda via d’accesso. La destinazione Vesubie e Valdeblore ruota intorno al villaggio di chiara impronta medievale Saint Martin Vésubie (975 m di quota), collocato alle porte del Parco Nazionale del Mercantour, fra le vallate del torrente Boréon e della Madonna della Finestra, circondato da fitte foreste.

Vesubie e Valdeblore - panorama da Berthemont-Les-Bains

Vista sulla vallata dal centro termale di Berthemont-Les-Bains

Svizzera Nizzarda

Non è un caso che quest’area sia nota anche come Svizzera Nizzarda. Infatti, questo delizioso angolo di entroterra della Costa Azzurra, è rinomato per la sua bellezza a tratta incontaminata, oltre per la qualità delle sue acque. Girovagando per il comprensorio sii incontrano di frequente le vestigia del recente passato, le numerose ville che dall’inizio del XIX secolo furono costruite dalle famiglie aristocratiche inglesi, italiane e francesi. Un altro tratto caratteristico sono gli chalet in legno, dagli spioventi tetti, collocati a bordo delle strade o immersi nelle splendide foreste, rappresentando un naturale invito per meravigliose passeggiate in mountain bike o a piedi.

In realtà tutta la zona è una perfetta meta turistica per i veri appassionati di montagna, dall’alpinismo alla MTB, passando per il trekking l’arrampicata, in ogni stagione dell’anno.

Il primo tratto di sentiero all'interno del Parco Alpha

Il primo tratto di sentiero all’interno del Parco Alpha

Tre sono i riferimenti per chi vuole programmare la propria vacanza attiva a Vesubie e Valdeblore, e che ama vivere altre esperienze – sempre all’insegna dell’immersione nella natura selvaggia – oltre all’amata due ruote a pedali.Iniziamo con la Madonna della Finestra, uno dei luoghi più belli a unici del Parco Nazionale del Mercantour: è un punto di partenza ideale per numerosi tracciati di trekking, verso laghi alpini al confine con il nostro Paese (circa un’ora di cammino) o più lunghi e impegnativi verso la Valle delle Meraviglie o al Colle delle Finestre sul versante italiano in Piemonte. Il santuario, situato a 1.904 m di altitudine, è circondato da vette alpine tra cui il Mont Gélas, punto più elevato della Costa Azzura con i suoi 3.143 metri.
Passiamo a Le Boreon, a 8 km sopra Saint Martin Vésubie: è collocato intorno a un lago a 1.500 m di quota, anch’esso immerso nel Parco Nazionale del Mercantour. Anche qui abbondano i percorsi trekking a piedi, soprattutto adatti alle famiglie, con possibilità di passeggiate a cavallo o percorsi MTB di facile accesso, senza dimenticare la pesca sportiva presso l’omonimo lago.

Uno dei lupi che vivono in semi-libertà all'interno del Parco Alpha

Uno dei lupi che vivono in semi-libertà all’interno del Parco Alpha

Da Boreon si accede anche al Parco Alpha, meglio conosciuto come “Il Parco dei Lupi”. È un’isola naturale di rara bellezza che, data la ricchezza del territorio, è stata scelta per dare vita all’area Alfa, interamente dedicata ai lupi e al loro rapporto con l’uomo. Qui vivono tre branchi in semilibertà, che si possono ammirare in diversi punti strategici opportunamente collocati lungo il percorso che si affronta lunga la visita, arrivando sino a circa 1.800 m dai 1.500 m della partenza.
Apriamo e chiudiamo la parentesi dedicata al tratto in comune dei tre principali punti d’interesse, il Parco Nazionale del Mercantour: è uno spazio protetto con un’incredibile varietà di paesaggi, flora e fauna (oltre 2.000 specie), collocato al confine con il parco italiano delle Alpi Marittime, con cui è gemellato.

L'accesso al Vesubia Mountain Park, struttura unica in Europa

L’accesso al Vesubia Mountain Park, struttura unica in Europa

Sport indoor e relax

Ma Vesubie e Valdeblore non sono solo outdoor. Infatti a Saint Martin Vésubie si trova una struttura unica in Europa, Vesubia Mountain Park: propone diverse attività di montagna in modo ludico, con l’obiettivo di imparare e perfezionare le tecniche di arrampicata e canyoning. Qui troviamo tre vasche di circa quattro metri di profondità, con circuito sotterraneo. La speleologia indoor è invece costituita da un percorso di cunicoli di facile accesso per un iniziare ad approcciare questa attività.

Uno sguardo ai vari e ampi muri per l'arrampicata sportiva di Vesubia Mountain Park

Uno sguardo ai vari e ampi muri per l’arrampicata sportiva di Vesubia Mountain Park

La vera attrattiva sono gli ampi e vari muri di scalata, affiancati da ben 150 m2 di scalata ludica, rappresentando una soluzione ideale per iniziare, a partire dai più piccoli, che vedono l’arrampicata come un gioco, accompagnati dai propri genitori o dagli istruttori qualificati. Non manca la zona benessere da 200 m2 con piscina da 25 m e SPA al suo interno, e una sala di preparazione fisica da 80 m2. Nel complesso, soprattutto nei giorni di pioggia, questo parco indoor diventa il miglior amico dello sportivo a tutto tondo, che vuole conoscere o allenarsi con attività collaterali all’amata MTB.

Uno dei tanti sentieri spettacolari della Transvesubienne - foto: 1001 Sentiers

Uno dei tanti sentieri spettacolari della Transvesubienne – foto: 1001 Sentiers

La Colmiane: il terreno di gioco preferito dai biker

Arriviamo finalmente all’amata mountain bike. La Colmiane è una località che si trova nel comune di Valdeblore, a circa 10 minuti d’auto da Saint Martin Vésubie. Se d’inverno l’attrattiva sono i 30 km di piste per lo sci alpino e lo snowpark, d’estate il villaggio si trasforma, con il bike park – servito da una seggiovia con trasporto bici – che ospita tracciati con difficoltà differente, compresa una rinomata pista downhill. Il bike park è aperto tutti i giorni a luglio e agosto, altrimenti i weekend dal primo giugno a fine settembre.
Qui abbondano però i percorsi escursionistici, che si immergono negli spettacolari paesaggi alpini di questa vallata alle porte del Parco del Mercantour. Si parte da facili escursioni – per distanza, dislivello e impegno tecnico – fino alle traversate più impegnative ma anche più appaganti per l’appassionato di avventura e di natura selvaggia. Potete trovare tutte le info necessarie, compresa la mappa dei percorsi (www.colmiane.com/Plan-pistes-VTT-randonnee.pdf) presso l’ufficio del turismo di La Colmiane.

MTB alle porte di Saint Martin Vésubie

MTB alle porte di Saint Martin Vésubie

Per gli amanti del lato più avventuroso della mountain bike abbiamo la Transvesubienne, la storica traversata che unisce il comprensorio di Vesubie e Valdeblore con la Costa Azzura: 75 km da percorrere in due giorni (o in una giornata per i più allenati) seguendo il percorso ufficiale della competizione che si tiene ogni anno a metà primavera. Da La Colmiane si transita a Saint Martin Vesubie, per lanciarsi poi verso la costa, con 75 km e 2.150/3.600 m di dislivello positivo/negativo, attraversando scenari unici e seguendo sterrate e sentieri adrenalinici (info qui: www.ucc-sportevent.com/transvesubienne/).

Lungo il percorso che unisce Saint Martin Vésubie a La Colmiane

Lungo il percorso che unisce Saint Martin Vésubie a La Colmiane

Uno dei tour più belli – ma anche più fisici – è quello che collega Saint Martin Vesubie con La Colmiane: sono circa 37 km con poco meno di 1.800 m di dislivello, spesso su sentieri ripidi e tecnici, sia in salita sia in discesa. Dal parcheggio di Saint Martin Vésubie si sale sulla strada asfaltata per Venansson, abbandonandola per un sentiero – con segnavia giallo – che porta direttamente al Col de Varaire. Da qui si scende su sentiero a Saint Dalmas, con un ultimo tratto a zig zag che piacerà molto agli amanti della guida attiva. Si risale prima di arrivare al villaggio, prima a pedali e poi con un tratto di portage che collega alla pista forestale che arriva in cima alla seggiovia di La Colmiane. Da qui si può scegliere che tracciato affrontare una delle due discese disponibili, sino ai laghetti. Manca solo un’ultima discesa sul percorso GR51 sino al nostro punto di partenza, con un’ultima variante accidentata.

Qui la traccia GPS, la mappa e il profilo altimetrico: www.visugpx.com/snGzUkSMwo.

Uno sguarda all'area termale di Berthemont-Les-Bains

Uno sguarda all’area termale di Berthemont-Les-Bains

Un pomeriggio alle terme

Ogni biker che si rispetti ama rilassarsi dopo una bella e intensa giornata a pedali, e non c’è niente di meglio di una visita alle terme. La stazione di Berthemont-Les-Bains è situata a Roquebillière, un luogo di villeggiatura molto conosciuto sin dal XIX secolo. L’acqua che sgorga dalle fonti è nota sin dall’epoca romana, è ricca di zolfo, sodio, silicio e altri elementi oligominerali che rendono queste terme una scelta irrinunciabile per gli amanti del benessere. Il complesso termale di Berthemont-les-bains è di 4.500 m2, offre due percorsi terapeutici per il trattamento delle vie respiratorie e della reumatologia, oltre a tre vasche con differenti temperature, di cui una con idromassaggio.

Il ristorante Le Panorama fa parte del complesso termale di Berthemont-Les-Bains

Il ristorante Le Panorama fa parte del complesso termale di Berthemont-Les-Bains

Non manca il ristorante Le Panorama che, come fa intuire il nome, offre una spettacolare vista sulla vallata e sulle montagne. Abbiamo anche il Bacino Biologico Balneare: situato nel cuore del villaggio Roquebillière, ospita una piscina balneare biologica di 1.200 m2, una vera e propria oasi di freschezza nel cuore della valle, apprezzata soprattutto in estate permettendo di allontanarsi dalla calura dell’estate.

Info: www.puremontagne.fr/it/

[foto: Cristiano Guarco]

Potrebbe interessarti anche

Commenti