Team Fulgur Factory: un’armata di talenti

Fulgur Cycles presenta il team con cui gareggerà nel 2020, una squadra competitiva e ambiziosa quella che Fulvio Canadelli, team manager del gruppo, ha costruito con pazienza e determinazione.

10/01/2020
scritto da Cristiano Guarco

Team Fulgur FactoryUn’armata di talenti che affronteranno le sfide internazionali dell’enduro. Il gruppo sarà capitanato dal francese Nathan Secondi, già sul podio under 21 nelle passate edizioni dell’Enduro Word Series, che da questa stagione gareggerà nella categoria Open. Accanto a lui ci sarà Matteo Berta: il valdostano dopo una stagione sfortunata a causa di un infortunio accorsogli nella tappa del Superenduro di Lerici, è pronto a prendersi alcune rivincite e confermare così il suo talento.

La pattuglia dei più giovani sarà guidata da Simone Pellissero: il valsusino non ha bisogno di presentazioni, nella stagione 2019 ha vinto tutto come Junior e ora cercherà di mettere in risalto le sue doti anche nella categoria Open. Accanto a lui ci sarà Stefano Giacobini, pronto ad affrontare l’intera stagione internazionale nella categoria Under 21, assieme a lui ci sarà anche fratello Francesco con il quale si sfiderà per aggredire la top ten nazionale. Matteo Baruffi invece sarà il riferimento del team Fulgur Cycles nella categoria Junior: il giovane lombardo alla sua prima stagione agonistica ha terminato al 4° posto nella generale di categoria nel Superenduro. Ora ha voglia di crescere e migliorare ulteriormente.

Team Fulgur Factory“Sono contento del gruppo che si è formato”, dice in proposito Fulvio Canadelli, “il nostro obiettivo era quello di creare un gruppo di ragazzi affiatati e che avessero voglia di condividere l’idea di costruire una squadra che fosse prima di tutto una famiglia, dove tutti si possano sentire parte fondamentale del progetto. Alcuni ragazzi hanno già una forte maturità agonistica, da loro ci aspettiamo sia risultati importanti che un’attitudine di guida capace di aiutare e trainare anche i più giovani.”

Info: Fulgur Cycles

[fonte: comunicato stampa]

Potrebbe interessarti anche

Commenti