ALTRA Timp 2, il nostro super TEST

0
Tra le caratteristiche della nuova ALTRA Timp 2 non mancano le ottime rifiniture e l'accuratezza di abbinamento dei differenti materiali
Tra le caratteristiche della nuova ALTRA Timp 2 non mancano le ottime rifiniture e l'accuratezza di abbinamento dei differenti materiali

Dopo il grande successo della prima versione riscontrato sia tra gli atleti professionisti che tra gli appassionati sempre molto esigenti del panorama trail running internazionale, la ALTRA Timp 2 si ripresenta al proprio pubblico ancora più leggera, “gripposa”  e performante.

DROP Zero…la filosofia di ALTRA

Le ALTRA Timp 2 ai piedi di MaRCO BASSI CON IL MONTE CERVINO SULLO SFONDO
Le ALTRA Timp 2 ai piedi di Marco Bassi con il MONTE CERVINO sullo sfondo

Rigorosamente drop zero, rispecchia perfettamente la filosofia del brand americano, caratterizzandosi come modello da trail running dall’estremo comfort complessivo, grazie ad un highstack /distanza dal suolo di ben 29 millimetri ed un peso di soli 280 grammi circa.

Marco Bex Bassi, componente del nostro TEST TEAM ha corso con la nuova ALTRA Timp 2, rimanendo decisamente sodisfatto.

ALTRA Timp 2 – TEST NEL DETTAGLIO

La ALTRA Timp 2 nella colorazione
La ALTRA Timp 2 nella bellissima colorazione PLUM/CORAL da donna

DESIGN
Già a prima vista si capisce che la ALTRA Timp 2 non è una scarpa qualunque. Le sue carattersitiche principali sono:

  • Punta grossa
  • Suola minimal
  • Zero differenziale
Lo shape della nuova ALTRA Timp 2 con in evidenza la forma abbondante e molto spaziosa del Teo Box, caratteristica che rende tutti i modelli del brand americano unici.
Lo shape della nuova Timp 2 con in evidenza la forma abbondante e molto spaziosa del Toe Box, caratteristica che rende tutti i modelli del brand americano unici.

FINITURE
La tomaia è in mesh multidirezionale, la suola con sistema MaxTrac con TrailClaw garantisce un ottimo grip e l’intersuola InnerFlex le rende estremamente comode ed ammortizzate.

Tra le caratteristiche della nuova ALTRA Timp 2 non mancano le ottime rifiniture e l'accuratezza di abbinamento dei differenti materiali
Tra le caratteristiche della nuova ALTRA Timp 2 non mancano le ottime rifiniture e l’accuratezza di abbinamento dei differenti materiali

CHIUSURA
Il piede è molto ben ben alloggiato all’interno grazie alla Balanced Cushioning Platform che colloca avampiede e tallone alla stessa altezza per una corsa cento per cento naturale.

La linguetta fascia bene il piede, anche se in caso di piedi sottili il tanto spazio del toe box può risultare controproducente.

Nel mio caso la calzata è perfetta. Una caratteristica particolare e interessante è il Gatertrap cioè la linguetta con fissaggio a velcro delle ghette senza strappi.

Tra le caratteristiche della nuova ALTRA Timp 2 non mancano le ottime rifiniture e l'accuratezza di abbinamento dei differenti materiali
La suola della ALTRA Timp 2 garantisce un’ottima trazione in ogni condizione di utilizzo, sia in salita, che in discesa, su differenti superfici.

IMPATTO INIZIALE
Beh, se non si è abituati al drop 0 la prima impressione è decisamente strana, ma va assolutamente provata!

Io prediligo questo tipo di corsa e devo dire che appena calzate le ALTRA mi hanno dato una sensazione di stabilità e ammortizzazione decisamente buona.

COMFORT
Come ho già detto, le ALTRA Timp 2 fanno della comodità il loro cavallo di battaglia.

Una volta indossate ci correrei per ore, grazie anche alla particolare forma del Toe Box decisamente ampio che non costringe il piede che, come normalmente accade, tende a gonfiarsi dopo svariati chilometri di attività.

Una volta indossate ci correrei per ore, grazie anche alla particolare forma del Toe Box decisamente ampio che non costringe il piede che, come normalmente accade, tende a gonfiarsi dopo svariati chilometri di attività.
Una volta indossate ci correrei per ore, grazie anche alla particolare forma del Toe Box decisamente ampio che non costringe il piede che, come normalmente accade, tende a gonfiarsi dopo svariati chilometri di attività.

TRASPIRABILITÀ
Il mesh multidirezionale traspira molto bene, il piede asciuga in fretta e se il piede si bagna, l’acqua viene scaricata velocemente dall’interno all’esterno.

GRIP
La suola è stata costruita con sistema MaxTrac e TrailClaw.

Il battistrada spigoloso sotto il metatarso aiuta la trazione.

La mescola della suola ha una combinazione perfetta tra grip e trazione sia in salita che in discesa.

Grip ottimo anche nei tratti veloci in discesa
Grip ottimo anche nei tratti veloci in discesa

STABILITÀ
La suola è ampia e molto stabile.

La corsa risulta molto naturale ma a volte nei tratti in contro pendenza il grande spazio del toe box non aiuta a tenere il piede aderente al terreno.

PROTEZIONE
complessivamente il piede risulta essere sempre ben protetto, anche se la tomaia non è troppo rinforzata.

CAPACITÀ AMMORTIZZAZIONE
Molto elevata, grazie alla perfetta combinazione del Footshape Toe Box e della Balanced Cushioning Platform.

Grazie a queste tecnologie l’ammortizzazione è alta, accentuata dal modo rilassato e naturale con cui la Timp 2 ti porta a correre.

Le ALTRA Timp si sono dimostrate molto ammortizzate, ma allo stesso tempo stabili.
Le ALTRA Timp 2 si sono dimostrate molto ammortizzate e allo stesso tempo stabili, grazie all’ottima combinazione dei materiali utilizzati e al buon compromesso tra comfort e performance.

CONSIGLIATA PER
Estremamente versatile, a mio parere la ALTRA Timp 2 può essere usata in ogni occasione. Trail dai 20 km in su fino ad arrivare anche alle Ultra e alle 100 miles.

ACQUISTALA ON LINE

Puoi acquistare le ALTRA Timp 2 nei migliori negozi specializzati oppure on line QUI.

Articolo precedenteDolomitiTrail, avventura in eBike tra storia e natura
Articolo successivoImperia 25 settembre, giornata epica
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui