Home Ski News Come Mattia Fabrinetti “Mullet” trasmette la passione per il freeski ai giovani
Pubblicità

Come Mattia Fabrinetti “Mullet” trasmette la passione per il freeski ai giovani

Stiamo parlando di Mattia Fabrinetti: maestro di sci, allenatore nazionale di freeski presso ValBelluna Freeski e responsabile nazionale dell'attività giovanile FISI.

0
mattia fabrinetti valbellunafreeski

Le decisioni intraprese dal nostro governo non hanno permesso a tutti di poter sciare quest’anno.

Giuste o sbagliate che siano (QUI potete leggere l’opinione dei nostri Maestri di Sci Italiani) l’unica cosa certa è che dobbiamo essere rispettosi delle regole e sperare che la situazione attuale inizi a migliorare.

Oggi vogliamo parlarvi di un allenatore che si è rimboccato le maniche e, nonostante le difficoltà che sta vivendo il mondo della montagna, si è dato da fare per permettere a giovani atleti di allenarsi e continuare a coltivare la loro passione per lo sci.

Stiamo parlando di Mattia Fabrinetti: maestro di sci, allenatore nazionale di freeski presso ValBelluna Freeski e responsabile nazionale dell’attività giovanile FISI.

Mattia se n’è inventate di tutti i colori per permettere ai suoi ragazzi di allenarsi (sempre nel rigoroso rispetto delle regole) e partecipare alle varie competizioni di Coppa Italia. Impresa per niente facile enfatizzando il problema che gli unici comprensori organizzati con uno snowpark per atleti di interesse nazionale, questa stagione sono stati solamente Livigno e Prato Nevoso.

Abbiamo deciso di intervistare Mattia per farci raccontare come sta vivendo questo periodo e come sta allenando i suoi ragazzi:

Ciao Mattia, come avete passato l’estate?

Ciao Luke! L’estate è andata alla grande, nonostante le restrizioni, ci possiamo ritenere molto soddisfatti di come abbiamo portato avanti le nostre attività.

Vi siete allenati nella vostra facilities area in Nevegal?

La nostra area in Nevegal (Belluno) è stata attiva da fine Giugno a fine Settembre. Siamo provvisti di tre tappeti elastici professionali, una mini rampa da skate e una rampa in neveplast con la possibilità di creare diversi set up di tubi, slackline e vari attrezzi per allenare equilibrio e propriocezione. Oltre a proseguire i corsi con i nostri atleti abbiamo ospitato altre associazioni che sono venute a sfruttare la nostra area per allenarsi, a proposito, venite a trovarci la prossima estate.

valelluna freeski

Cos’hai organizzato con i ragazzi di ValBelluna Freeski quest’inverno?

Quello che siamo riusciti a fare è stato sfruttare al massimo le possibilità che abbiamo avuto per allenarci.

Per fortuna dalle nostre parti il meteo è stato clemente e le nevicate sono state copiose,  non avendo snowpark nelle vicinanze abbiamo creato una zona con tubi di PVC e kicker per continuare ad  allenarci comunque.

Ma non avete fatto solo freeski, Giusto?

No! Hai ragione.

Abbiamo provato gli sci da alpinismo facendo una semplice “pellata” in pista battuta: un’esperienza che si è rivelata molto divertente. Inoltre abbiamo approfittato dell’apertura degli impianti in Nevegal (attività concessa solo per allenamenti) per provare a sciare con gli “sci rotti”, quelli che hanno la punta solo davanti ; ). Ci siamo buttati nei tracciati di gigante e abbiamo lavorato un po’ sulla tecnica, devo dire che per essere abituati con gli sci da freestyle, con le lamine tonde, i ragazzi se la sono cavata alla grande!

Altro esperimento: gli sci old school, quelli dritti, per capire a cosa serve realmente la sciancratura e quanto fortunati siamo ad averla!

E con gli Snowblade com’è andata?

Beh, gli SnowBlade non potevano mancare! Utili per allenare l’equilibrio e per fare qualche risata insieme!

Quale è stato il risultato di tutte queste attività?

Sono un forte sostenitore della multidisciplinarietà, soprattutto per le categorie giovanili che seguo direttamente. Sono conscio che attività diverse dal solito possano non essere ben viste agli occhi di genitori e atleti e tutto ciò potrebbe sembrare meno utile dell’allenamento classico, ma sono anche sicuro che sia fondamentale a livello fisico e livello mentale perché permette di acquisire nuove skills, mettere in gioco i ragazzi e creare coesione nel gruppo. Ammetto che la situazione inusuale che ci ha coinvolto tutti da un lato si può dire che ci abbia  aiutato, abbiamo avuto tempo di sperimentare e i risultati si sono visti!

valbelluna freeski mattia fabrinetti

Cosa ci dici del circuito di coppa Italia, il BigBabol Italian Freeski Tour?

A livello organizzativo non è stato facile.
Ad inizio stagione ancora non si capiva bene cosa si sarebbe potuto fare o non fare e delle sei tappe che erano state messe a calendario sembrava possibile solo quella di Prato Nevoso.
La difficile situazione nella quale si sono trovate le società impianti era chiara a tutti e gli snow park sicuramente erano il loro ultimo problema!

Però siete riusciti a portare avanti delle gare

Si, Prato Nevoso e Livigno ci hanno permesso di organizzare tre tappe di coppa Italia con un’ottima partecipazione di atleti, circa 60-70 ad ogni gara. Colgo l’occasione per ringraziare ancora lo Snowpark Prato Nevoso, la Snow academy Prato nevoso, Lo snowpark Twenty e lo sporting Club Livigno per la disponibilità e professionalità dimostrate. In più ci tengo a ringraziare personalmente Big Babol, Cober poles, Level gloves, Line skis, Full Tilt boots, e Planks clothing, i nostri partner che ci hanno supportato e hanno creduto in noi nonostante il periodo difficile.

Ho notato per la prima volta una partecipazione numerosa da parte della categoria SENIOR??

Sono fiero di dire che gran parte di questa partecipazione arriva da ValBelluna Freeski. Infatti abbiamo attivato per la prima volta il Senior Team capitanato dal Coach Billino, Enrico Costacurta, il quale ha lo sporco compito di allenare e “tenere a bada” questo gruppo veramente unico!

La partecipazione da parte dei senior è un segnale molto forte: dimostra che il freeski è per tutti e che è uno sport che non fa perdere la passione. Durante i contest quel poco agonismo che si percepisce lascia subito campo alle risate e al tifo nei confronti dei propri avversari, il massimo!

Quali saranno gli appuntamenti per la fine di questa stagione?

Dopo l’ultima gara di coppa Italia organizzata dallo sci club Gardena a Risaccia il 21 marzo andremo diretti verso i due appuntamenti più importanti della stagione: I Campionati Italiani Assoluti di slopestyle a Prato Nevoso dal 26 al 28 marzo (26 Criterium nazionale Pulcini, 27 qualifiche e 28 finali assoluti) e i Campionati Italiani Assoluti di Big Air a Livigno il 5 e 6 aprile (5 aprile criterium nazionale Pulcini, 6 aprile Qualifiche e Finali assoluti).

Grazie Mullet per il tuo tempo! e buona fortuna per i campionati italiani

Grazie a te Luke per spingere di brutto il Freeski !
Ma non si fa come in radio che alla fine posso salutare i miei amici?!

🙂 si certo! saluta pure chi vuoi !

Bene grazie, vorrei salutare tutta la GANG di ValBelluna freeski (atleti, genitori, supporters e amici) perché sono dei grandi!
Vorrei ringraziare tutti quelli che supportano e spingono il Freeski in Italia e dire loro di continuare a farlo, il nostro sport merita di crescere senza limiti.
Vorrei salutare la FITD e ringraziarli per essere così REAL.
E a questo punto ringrazio anche la mia famiglia che oltre a supportarmi mi sopporta, Giada, Jaipur e i miei fratelli Brazorv e Bombhill.
Concludo dedicando questa intervista al mio atleta (senior) prediletto: WILDMADMARK.

 

Finiamo dicendovi che se volete contattare Mattia per allenarvi nell’area in Nevegal, non esitate a scrivere QUI.


INFORMAZIONI

www.instagram.com/vbl_freeski

www.instagram.com/mattiafabrinetti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui