Evoluzione e resistenza al cambiamento

0
MTB Vintage Singlespeed

Una riflessione sulla naturale resistenza al cambiamento nel mondo della mountain bike, in costante evoluzione.

MTB Vintage
Foto: RawPixel

Una volta, tanto tempo fa, un amico mi inviò questo messaggio: “Perché l’industria sta cercando di rovinare le mie pedalate? Avrò mai bisogno di ruote Boost?”

Solo un anno prima si poneva la stessa domanda sulle ruote da 29 pollici. Qualche anno fa erano state le forcelle con asse passante da 15 millimetri. Prima ancora le ruote da 27,5”. E gli sterzi conificati. I freni a disco. I movimenti centrali PressFit.

Ha ragione, ma allo stesso tempo anche no. Ama ancora pedalare con la sua bici da 26”, con i suoi V-Brake, e una forcella con elastomeri fossilizzati che tiene ancora miracolosamente in piedi l’anteriore della sua vetusta mountain bike, ormai un pezzo da museo.

È molto attaccato alla durabilità e all’intercambiabilità di ogni singolo componente del suo usurato destriero, giunto ormai a età matura. Ma ogni volta che prova una bici attuale, il suo amore viene spazzato via in modo inesorabile. Si entusiasma all’idea di comprare qualcosa di nuovo, per poi lamentarsi subito che non sarà in grado di riparare il nuovo mezzo se dovesse entrare in un negozio di bici in Nepal, dove per la verità non è mai stato.

Di riflesso si allontana dai cambiamenti, anche se probabilmente andrà in giro per i prossimi 20 anni con qualsiasi cosa comprerà prima di decidere di fare di nuovo l’upgrade. Dopo i giri, carica la sua bici nel bagagliaio della vecchia station wagon, e se ne torna a casa. Ha più soldi in banca di quanti ne guadagnerò mai, ma sospetto che ci siano stati dei mutamenti. E sospetto che la sua resistenza al cambiamento, per il puro gusto di resistere al cambiamento, sia qualcosa che nel profondo non gli porta molta gioia.

Queste bici sono solo degli strumenti. Dei giocattoli. Non c’è nessuna cospirazione dell’industria a due ruote a pedali, le cose hanno solo la brutta abitudine di evolversi. E questo è un bene. Non abbiate paura del cambiamento. E godetevi le vostre ruote Boost.

5 cose più una che l’industria della MTB dovrebbe cambiare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui