Pubblicità
Home Running Preparazione FRUTTA SECCA… la migliore amica del runner
Pubblicità

FRUTTA SECCA… la migliore amica del runner

0
frutta secca
frutta secca

Lo spuntino con la frutta secca oleosa o essiccata è sicuramente un’ottima integrazione all’alimentazione dei pasti principali, ma bisogna fare delle distinzioni!

a cura della Dott.sa Annalisa Faè

Frutta secca o oleosa?

La frutta secca si divide in due grandi famiglie principali: la frutta secca oleosa e la frutta essiccata.

Per Frutta secca oleosa si intendono:

  • noci
  • nocciole
  • mandorle
  • noci macadamia
  • anacardi

Nella famiglia della Frutta essiccata: tutta la frutta fresca disidratata (albicocche secche ecc…)

frutta secca
frutta secca

Fanno eccezione le arachidi!

Le arachidi invece fanno parte del gruppo dei legumi, ebbene si…sono parte della famiglia delle Leguminosae come i fagioli!

Questo gruppo di alimenti è molto importante per chi fa attività fisica, per il fatto che contengono zuccheri e fibre, quindi non si ha un picco glicemico immediato.

Zuccheri fondamentali

Gli zuccheri sono anche la fonte energetica principale per il nostro organismo durante l’attività e i minerali sono quelle sostanze che vengono consumate.

Approfondiamo?

Che cosa contengono?

Mandorle

Le mandorle sono ricche in vitamine del gruppo B, vitamina E, fosforo, magnesio, calcio, ferro e selenio.

Pistacchi

I pistacchi contengono tanto potassio, fosforo, magnesio e ferro.

Albicocche

Le albicocche secche potassio, ferro, manganese e vitamina A

Fichi Secchi

I fichi secchi contengono potassio, calcio e zuccheri e fibre

Integrazione quotidiana

Da questi dati possiamo capire che aggiungere una porzione giornaliera di questi alimenti alla nostra dieta può aiutare a reintegrare sostanze utili prima e durante l’attività,

Anche le barrette…

Anche le barrette in commercio, ricche in questi alimenti, sono perfette come spuntino pre attività o durante trail e corsa in montagna in generale.

Pro delle barrette

  • Le barrette forniscono energia a lungo termine, in quanto sono anche molto ricche di acidi grassi essenziali, perfette per la colazione pre- maratona o ultra.
  • Essendo sostanze molto caloriche vanno utilizzate prima dell’attività a media o lunga durata e durante attività impegnative e molto lunghe come la corsa in montagna e gli ultratrail.

Articolo precedenteCober, The Art of Skiing
Articolo successivoAngoli della bici, quanto sono importanti?
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità