Pubblicità
Home Running Eventi Giulietta&Romeo Half Marathon la 14^ a Fanyel

Giulietta&Romeo Half Marathon la 14^ a Fanyel

0
14^ Giulietta&Romeo Half Marathon a Eyob Faniel, vincitore autorevole in preparazione Tokio 2020
14^ Giulietta&Romeo Half Marathon a Eyob Faniel, vincitore autorevole in preparazione Tokio 2020

Si torna a a correre nella meravigliosa città di Verona grazie allo svolgimento della 14^ Giulietta&Romeo Half Marathon vinta con autorevolezza da Angela Tanui tra le donne mentre tra i maschi grande dominio di Eyob Faniel, che fa ben sperare per le prossime Olimpiadi di Tokio 2020.

Il podio maschile assoluto della 14^ Giulietta&Romeo Half Marathon
Il podio maschile assoluto della 14^ Giulietta&Romeo Half Marathon

La 10k Avesani Monumet Run gara di contorno

A contorno della mezza maratona più romantica del mondo, la 14^ Giulietta&Romeo Half Marathon, si è svolta in contemporanea una gara di 10 chilometri su strada, la Avesani Monument Run 10k per tornare a sorridere dopo la brutta situazione creata dalla pandemia legata al COVID19.

Faniel in piena azione
Faniel in piena azione

Una grande giornata di sole

Dopo lo stop forzato, Verona si è ripresentata al proprio pubblico in tutto il suo splendore. E si può davvero dire che la città stessa di Verona è tornata a correre e non solo gli atleti!

i 4mila partenti!
i 4mila partenti!

Il sole, il caldo, l’estate in arrivo hanno rimesso la gioia dello sport e del benessere al centro di tutto e al centro della città scaligera. Verona si è dimostrata come sempre una città all’altezza di grande eventi scendendo in piazza numerosa per tifare gli atleti in gara.

4mila concorrenti!

Alla partenza della 14^ Giulietta&Romeo Half Marathon, primo evento ‘Gold Label Fidal’ in Italia del 2021 e della Avesani Monument Run 10k, evento organizzato da Gaac 2007 Veronamarathon Asd in collaborazione con il Comune di Verona, questa mattina si sono presentati in 4mila si sono presentati questa mattina al via della.

Nella foto l’infinita Sara Vargetto (Athletica Vaticana), giovanissima atleta affetta da una malattia autoimmune che ha gareggiato con la sua carrozzina, spinta dal padre Paolo, che ha tagliato il traguardo in 1h49’38”.

Eyob Faniel “Un buon test per Tokio 2020!”

C’era bisogno di questa ondata d’energia per le strade della città scaligera e di energia ne ha avuta parecchia il vincitore della gara Eyob Faniel. L’azzurro, portacolori delle Fiamme Oro, ha tagliato il traguardo all’interno dello stadio Bentegodi in 1h03’26”, crono lontano dal ‘suo’ record italiano di 1h00’07” ma non per questo di minor valore:

Eyob Faniel “Complimenti agli organizzatori!”

“Ho corso bene, non ho forzato esageratamente perché oggi era un test. Volevo verificare le mie condizioni a cinquanta giorni dalla maratona dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Ho avuto ottime sensazioni e questo è quello che cercavo, dunque sono soddisfatto. Oggi parto immediatamente per Kapsabet per un periodo in altura in Kenya fino all’11 luglio. Voglio però fare anche i miei complimenti all’organizzazione, bellissima gara”.

E’ finita con una velocissima volata la sfida per il secondo e terzo posto alle spalle di Faniel. A vincere lo sprint finale il keniano Eric Muthomi Riungiu (Atl. Saluzzo) con 1h04’10” davanti all’altro azzurro di giornata, chiamato anch’esso ad una prova di efficienza in vista della selezione olimpica, Yassine El Fathaoui (Circolo Minerva) sull’arrivo in 1h04’11”, suo nuovo primato personale.

Angel Tanui vince il premio dedicato a Dario Bergamini

Gara femminile che ha visto in Angela Tanui la grande protagonista, autrice di una gara di grande livello tecnico. La keniana iscrive il proprio nome nell’albo d’oro della Giulietta&Romeo Half Marathon con il tempo di 1h09’45” e vince anche lo speciale premio dedicato a Dario Bergamini, fondatore della società organizzatrice mancato nel 2018, per la miglior prestazione atletica della giornata.

Le parole di Angela Tanui

“Volevo fare il primato del percorso (1h09’15”ndr) ma il caldo mi ha impedito di aumentare la velocità – le parole della campionessa al traguardo -. Voglio fare i complimenti agli organizzatori per il percorso veloce e per la grande organizzazione. Così come alla città di Verona, l’ho visitata ieri e mi è piaciuta tantissimo. Oggi c’era tanta gente sul percorso, mi hanno incitata per tutta la gara, ero felice, sentivo la loro spinta e li ringrazio”.

Le parole di Giovanna Epis, 2^ dietro a Tanui

Alle spalle della keniana la ‘nostra’ Giovanna Epis (Carabinieri), anche lei in una gara test per le Olimpiadi di Tokyo 2020 e in partenza per uno stage in altura a Livigno, ha chiuso in 2^ posizione in 1h11’25”:

“Prima del via stamattina presto non avevo grandi sensazioni, però il mio allenatore Giorgio Rondelli che era con me mi ha detto di stare tranquilla, di partire senza guardare il cronometro, di ascoltare solo le mie sensazioni e così ho fatto. Ho corso tanti chilometri da sola, verso il 18esimo ho iniziato ad accusare un po’ di stanchezza ma il caldo s’iniziava a sentire. Ma sono molto soddisfatta, ho terminato  a soli 11” dal mio primato personale che avevo fatto in autunno ai mondiali di mezza maratona e qui si è corso in condizioni climatiche e non solo molto più difficili. I lavori di velocità di quest’ultimo periodo stanno portando i loro frutti. Credo di valere almeno 1h10’, ma ora c’è da pensare solo alla maratona Olimpica”.

Terzo gradino del podio per la keniana Susan Chembai Aramisi sulla finish-line in 1h13’22”.

Da segnalare in gara anche la presenza dell’ex capitano del Milan Massimo Ambrosini(G.s. Montestella), ormai un esperto maratoneta amatoriale, che ha chiuso i 21km in 1h28’50” e di Sara Vargetto (Athletica Vaticana), giovanissima atleta affetta da una malattia autoimmune che ha gareggiato con la sua carrozzina, spinta dal padre Paolo, che ha tagliato il traguardo in 1h49’38”. Ha corso anche Silvia Furlani, affetta da sclerosi multipla, partita eccezionalmente stamattina alle 5 impiegandoci circa 6 ore.

Con partenza alle ore 9 si è corsa anche la Avesani Monument Run 10k, sia in forma competitiva che non competitiva. A vincere questa prima edizione è stato Alessandro De Cicco (Montemiletto Team Runners) in 32’21”.

Mentre al femminile si è imposta Claudia Andrighettoni (Us Quercia Trentingrana) con 35’07”.

Un grazie di cuore a…

Giulietta&Romeo Half Marathon è organizzata da Gaac 2007 Veronamarathon Asd e coorganizzata dal Comune di Verona e gode del Patrocinio della Regione Veneto e dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di VeronaConsorzio ZaiVerona Mercato e Amia.

Ringraziamenti ai Major Sponsor Agsm Aim e Zero WindAirone, Avesani in qualità di title sponsor della Monument Run 10k, lo sponsor tecnico Joma Sport, i fornitori ufficiali Bauli, Doria Semplicissimi, PhytoGarda Medical Line, Acqua San Benedetto, Autosilver – Mercedes Benz Verona, Pro Action, Cantina Valpantena, Scaligera Service Up Rent, Marlene, Morato Pane e Idee e Marazzi Noleggio. Un ringraziamento anche ai media partner Corriere dello Sport – Stadio, Tuttosport, Telenuovo, Sport DiPiù Magazine e Radio Number One.

Articolo precedentePozo izquierdo 2-13 giugno
Articolo successivoTwinsBros surfboards è nel summer book di BlueTomato
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità