La nuova tavola freeride foil di Severne: Alien

0
Severne Alien, freeride foil board 2021

La presentazione da parte del marketing manager Severne Windsurfing Kurosh Kiani della nuova tavola freeride foil: Alien. PierWindsurf by SurfSegnana Severne Italy #4windsurf

Posted by 4Windsurf on Wednesday, September 16, 2020

Qualche giorno fa vi avevamo presentato in anteprima il nuovo foil Redwing di Severne, oggi è il tutrno della tavola ideata e progettata dal brand australiano per la sempre più popolare disciplina del foil: la Alien.
Alien è una tavola per il foil frreride, quindi ideale per divertirsi con andature “semplici”, esplorare gli spot con venti leggeri e iniziare eventualmente a fare le prime manovre. Alien non è una tavola freeride adattata al foil, ma è una vera è propria tavola da foil sviluppata appositamente per questa disciplina, quindi tutti i dettagli come lo scoop, la carena, i bordi, la sistribuzione del voume, posizione del piede d’albero e delle strap sono ottimizzate per questa disciplina.

Grazie alla collaborazione di Kurosh Kiani, marketing manager di Severne Windsurfing, abbiamo provato il nuovo Alien nella misura di 125 e 115 lt (disponibile anche il modello da 105 litri) in una classica giornata di Peler al PierWindsurf sul Lago di Garda.

Kurosh nel video ci spiega le principali caratteristiche della tavole e altre info le trovate QUI.

Per quello che riguarda la nostra “prova di volo” vi possiamo dire che la tavola rispecchia esattamente le caratteristiche descritte sia sulla pagina web del prodotto, che nel video da noi editato. La posizione delle strap è davvero comoda e “naturale” per permette un volo sotto controllo con una posizione del corpo il più verticale possibile. Lo scoop in prua permette dei “touch down” davvero delicati e risolve il problema di quasi tutti i neo foiler quando durante le prime prove si ha una andatura a “delfino” con conseguenti catapulte da gestire. Anche negli impatti più violenti con l’acqua, questo Alien vi accompagnerà dolcemente.


Grazie al volume generoso e ben distribuito la virata è molto semplice. Lo shape della coperta della tavola invece permette delle ottime strambate in volo.
In tutte le andature, compresa la bolina stretta e la poppa, la tavola è risultata sempre molto facile da manternere in volo. Solo nella andatura in piena poppa il piede posteriore non era nella posizione ottimale, ma lo si può sempre eventualmente tenere fuori dalla strap per questa particolare andatura.
Rifiniture e grafica a nostro parere molto piacevoli.
100% 4windsurf approved!

FOTO Wambli&Wambli

Articolo precedenteRusty Toothbrush: Circus on Ice
Articolo successivoBH RS1 quando aerodinamica ed endurance
Ciao a tutti, sono Fabio Calò (ITA-720), ho iniziato a fare windsurf all’età di 13 anni e da quel momento è diventata la mia più grande passione, la mia vita. Finiti gli studi universitari ho iniziato a lavorare in un negozio di windsurf a Torino, poi agente di commercio e nel 2006 è iniziata la mia grande avventura con la redazione di 4Windsurf e poi anche di 4Sup. Sono stato campione italiano Wave di windsurf nel 2013 e 2015, altri ottimi risultati agonistici gli ho ottenuti anche nel freestyle sia in Italia che in Europa. Dal 2017 sono il direttore di una delle scuole più importanti del Lago di Garda, il PierWindsurf. Trasmetto la mia passione con progetti dedicati ai giovani come il Progetto Serenity di Malcesine, e organizzo Wave Clinics nel periodo invernale. Vivo a Torbole sul Garda e respiro l’aria del windsurf 365 giorni all’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui