LIMONE SKYRUNNING EXTREME…che finale!

    0

    LIMONE SKYRUNNING EXTREME 2021, a fine ottobre sulle montagne dell’Alto Garda un evento che, anno dopo anno, si è affermato sempre di più; un parterre di atleti di livello mondiale, per una due giorni di running infuocato!

    Una finale che vale doppio

    A fine ottobre, sulle montagne dell’Alto Garda, è tempo di finali. Se la Skyrace di sabato 30 sarà per l’8ª volta consecutiva finalissima del circuito Skyrunner® World Series, il vertical in programma venerdì 29 (start ore 16.00) decreterà re e regina del nuovissimo VK Open Championship, il challenge per gli specialisti dell’only up proposto dalla ISF (International Skyrunning Federation).

    Elisa Desco, tra le principali protagoniste al mondo delle discipline Sky, in piena azione in una delle passate edizioni.

    IL CIRCUITO

    L’edizione zero, nove gare in sei differenti paesi europei, ha portato gli atleti a sfidarsi dall’estremo sud della Spagna (KV Sierra Nevada) sino ad toccare i confini del circolo polare artico con la tappa norvegese Blåmann Vertical, passando per competizioni di assoluto prestigio come il Vertical Kilometer di Canazei.

    Rémy Bonnet, fuoriclasse assoluto delle Sky

    ISCRIZIONI QUI!

    Roberto Delorenzi saldamente in testa

    Quando all’appello manca la tappa portoghese di questo fine settimana (Santana Vertical Kilometer®) e restano da assegnare i doppi punti messi in palio dalla finalissima di Limone, a guidare la classifica provvisoria maschile è il talentuoso atleta svizzero Roberto Delorenzi (138 punti).

    In lizza per il successo finale troviamo anche i francesi Benoit Gandolfi (124) e Damien Humbert (112). Al femminile l’attuale leader è la specialista delle gare in verticale e già vincitrice del Vertical World Circuit (le cronoscalate sui grattacieli) Yuri Yoshizumi (152 punti). La seguono nell’ordine la belga Charlotte Cotton (148 punti) e la bulgara Ivona Mikhailova (128 punti).

    Hillary Gerardi, tra i nomi più conosciuti del circuito, sempre puntuale nelle posizioni da podio

    UNA PROVA EXTREME DI NOME E DI FATTO

    ISCRIZIONI QUI!

    1080 m di dislivello positivo in nemmeno 3 km di percorso sono dati che potrebbero impressionare, ma sicuramente quello che più colpisce spettatori e pubblico è lo strepitoso panorama che questo itinerario regala. Dai soli 60 metri di quota s.l.m. della zona partenza spara, attraverso un sentiero altamente adrenalinico, ai 1160 metri s.l.m. dello striscione d’arrivo. Il via, come da copione, sarà dato dal lungolago Marconi, dopo un primo tratto pianeggiante si entrerà nel centro storico del paese sino a raggiungere un caratteristico uliveto.

    Anton Krupicka, il fortissimo americano, dopo una pausa di rtiflessione dalle gare a causa di un problema ad un tendine, è tornato alla ribalta in questa stagione 2021. 

    Poi su, lungo un crinale dove la salita diventa sempre più impervia, spettacolare e difficile. Arrivati al Dosso dei Roveri (circa metà strada) sì entrerà nel bosco, per riprendere il crinale verso la vetta. Sul finale il sentiero concede anche 2 brevi tratti di discesa, ma è comunque tutt’altro che rilassante: il percorso passa sopra cascate di roccia che sembrano infrangersi nel lago sottostante. Arrivo in Località “Nembra”, ove si gode una vista mozzafiato.

    Se volete saperne di più, QUI!

    ISCRIZIONI QUI!

    Articolo precedenteLost Track Atlantic, episodio 4: in Africa tropicale con Torren Martyn
    Articolo successivoSUPER TEST – The North Face Flight Vectiv
    Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Pubblicità