Patagonia Worn Wear Tour, ecco le date!

0

Il Worn Wear Tour di Patagonia torna nelle montagne europee: riparazioni gratuite di indumenti da neve di qualsiasi marchio per incoraggiare sciatori e snowboarder a estendere la vita dei propri capi, riducendo l’impatto sull’ambiente.

“Quest’anno… diventiamo tutti ambientalisti radicali. Può sembrare difficile, ma non lo è!
Tutto ciò che serve è un kit da cucito e delle istruzioni per le riparazioni.”
Rose Marcario, CEO, Patagonia Inc.

Quest’inverno, per la terza stagione consecutiva, il team di riparazioni di Patagonia sarà presente sulle montagne di mezza Europa per il Patagonia Worn Wear Snow Tour 2020 [scopri qui la lista delle località]

Noi della redazione siamo molto affezionati a questa iniziativa di cui abbiamo già parlato in questo articolo.
Un inconfondibile caravan in legno targato Worn Wear viaggerà verso le destinazioni invernali in Francia, Svizzera, Austria, Germania e Italia per offrire agli sciatori e agli snowboarder riparazioni gratuite su cerniere, strappi, bottoni, chiusure e altro, oltre a insegnare loro come aggiustare la propria attrezzatura.

L’iniziativa ha lo scopo di incoraggiare i clienti a estendere la vita dei propri capi. Il team di riparazioni di Patagonia sarà infatti a disposizione per riparare gratuitamente indumenti di qualsiasi marchio.

Il veicolo è stato costruito su misura con un design particolare per essere in grado di viaggiare verso le località più difficili da raggiungere. Ospiterà a bordo la strumentazione tecnica per le riparazioni e porterà sulla neve cioccolata calda e vibrazioni positive. Avrà inoltre l’obiettivo di comunicare alle persone come mantenere in buone condizioni la propria attrezzatura per più stagioni, insegnando ad applicare patch, ripristinare l’impermeabilità e aggiustare zip e chiusure.

Why Worn Wear?

  • Il programma Worn Wear di Patagonia è stato creato nel 2013 per incoraggiare le persone a prendersi cura correttamente dei propri capi.
  • Estendere la vita dei propri indumenti, attraverso la giusta manutenzione e le eventuali riparazioni necessarie, è l’azione individuale più importante che possiamo compiere per diminuire il nostro impatto sull’ambiente. Prolungare la durata di un capo significa non avere la necessità di comprarne uno nuovo e, di conseguenza, ridurre le emissioni di CO2, l’utilizzo di acqua nel processo produttivo e i rifiuti da smaltire.
  • Utilizzare i nostri capi per solo nove mesi in più può ridurre l’impatto ambientale in termini di emissioni, rifiuti e sfruttamento di risorse idriche fino al 20-30 per cento (fonte: WRAP), semplicemente perché “produciamo e gettiamo via meno”.

Worn Wear in numeri

  • 56 = Numero degli eventi Worn Wear in Europa lo scorso anno
  • 25.000 = Persone che hanno partecipato agli eventi Worn Wear in Europa lo scorso anno
  • 100.288 = Capi riparati dal team di riparazioni Worn Wear lo scorso anno
  • 72 = Numero dei centri di riparazione, negli store Patagonia di tutto il mondo, che offrono riparazioni gratuite o a prezzo simbolico.

Nicholas Wolken e i suoi pantaloni PowSlayer

“Uso questo paio di pantaloni PowSlayer dal 2016/17 e da allora sono ancora i miei preferiti. Adoro questi bibs, e il nero va bene con tutto. Per questo sono stati dei compagni fidati in molti dei miei viaggi. Mi hanno davvero salvato nei giorni freddi, bagnati o di polvere.

Mi ricordano anche momenti non belli, ad esempio quando mi sono strappato il tendine di Achille o quando mi è fuoriuscita la rotula mentre li indossavo. Ricordo di aver chiesto al dottore di non tagliarli con le forbici e di aver sofferto parecchio mentre me li sfilava lungo il ginocchio slogato.

Come puoi ben vedere, la torcia che di solito porto nella tasca destra si sta aprendo un varco verso la libertà, a causa dell’usura del materiale in quel punto. Niente che una toppa non possa risolvere.

Se cerco abbastanza in profondità nella tasca sinistra, invece, riesco ancora a trovare i resti di quell’uovo alla coque che ho preso una volta a colazione per mangiarlo mentre mi incamminavo su per la collina. Poi però me lo sono dimenticato, e sono salito e sceso dalla montagna con l’uovo in tasca. Quando l’ho trovato, era proprio come me quel giorno: completamente devastato.

A parte gli strappi nella parte inferiore della gamba causati dai miei ramponi, i pantaloni sono ancora in ottime condizioni. Con alcune toppe sugli strappi ora sono tornati come nuovi, e mi ricordano tutte le avventure vissute insieme. Sono sicuro che hanno ancora molte stagioni e avventure da vivere.”    

Worn Wear Tour – calendario

15/02/2020 – 16/02/2020                 La Clusaz. France
17/02/2020 – 18/02/2020                 Les Arcs, France
20/02/2020 – 21/02/2020                 La Salle-les-Alpes, France
25/02/2020 – 26/02/2020                 Lausanne, Switzerland
27/02/2020 – 28/02/2020                 Verbier, Switzerland
29/02/2020 – 01/03/2020                 Crans Montana, Switzerland
03/03/2020 – 04/03/2020                 Andermatt, Switzerland
07/03/2020 – 08/03/2020                 Lienz, Austria
10/03/2020 – 11/03/2020                 Schladming, Austria
13/03/2020 – 15/03/2020                 Fieberbrunn, Austria
17/03/2020 – 18/03/2020                 Garmisch-Partenkirchen, Germany
20/03/2020 – 22/03/2020                 Axamer Lizum, Austria
25/03/2020 – 27/03/2020                 Alagna Valsesia, Italy
29/03/2020 – 31/03/2020
                 Champoluc, Italy
02/04/2020 – 03/04/2020                 La Grave, France

Noi della redazione siamo molto affezionati a questa iniziativa di cui abbiamo già parlato in questo articolo.

Articolo precedenteIl test della sella corta Fizik Vento Argo
Articolo successivoFabrizio Passetti ospite a Kilimangiaro su Rai 3
Eva è nata e cresciuta a Roma, dove ha studiato giurisprudenza per capire che è una persona migliore quando non indossa un tailleur. Ha lasciato la grande città per lasciare che il vento le scompigliasse i capelli sulle montagne delle Alpi e presto ha scoperto che la sua passione per l’outdoor e scrivere di questa, poteva diventare un lavoro. Caporedattrice di 4outdoor, collabora con diverse realtà del settore outdoor. Quando ha finito di lavorare, apre la porta della baita in cui vive per sciare, correre, scalare o per andare a fare altre gratificanti attività come tirare il bastone al suo cane, andare a funghi o entrambe le cose insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui