Pubblicità

Salewa Dropline per lo speed hiking in test

0

Quest’estate Salewa ha messo in commercio la Dropline, una nuova scarpa pensata per un’attività che sta trovando il suo spazio nello scenario outdoor: lo speed hiking. Così abbiamo calzato le scarpe e provato ad andare veloci sui sentieri, per capire questa scarpa e parlarvene in questo articolo.

L’idea dietro la Dropline

Per la stagione primavera estate 2020 Salewa ha ampliato la sua collezione di scarpe tecniche da speed hiking con l’introduzione della Dropline, un nuovo modello sviluppato per offrire confortevolezza attraverso una camminata più efficace che ottimizza l’energia della rullata e che protegge muscoli e articolazioni grazie a un generoso dispositivo di ammortizzamento.

A prescindere dalle caratteristiche tecniche a noi sembra molto interessante questo nuovo concetto di muoversi sui sentieri e lo sviluppo di una scarpa fatta apposta per questo. Camminare e correre sono due attività molto diverse tra loro e trovare una “quadra” per non sacrificare nulla non è lavoro da poco. Ma crediamo anche che Salewa ci sia riuscita.

Prima impressione: leggera ma sicura

Quando si vede la Dropline per la prima volta si rimane un po’ spiazzati perchè non assomiglia a nessun’altra scarpa per l’outdoor. È leggera, morbida e ben ammortizzata. La calzata è un po’ stretta sul collo del piede per non lasciare spazio a movimenti del piede all’interno della scarpa. Rispetto al vostro solito numero vi consigliamo di provare un mezzo numero in più. Quando si inizia a camminare con la Dropline sembra un po’ di saltellare su delle nuvole, ma se poi si prova un po’ a “spingere” e ad andare più veloci si capisce il perchè di quest’ammortizzazione. La scarpa porta a una rullata veloce e naturale sia in salita che in discesa.

Per chi la consigliamo

Consigliamo la Dropline a chi non ama camminare con gli scarponcini da trekking perchè si sente veloce e sicuro, ma non vuole nemmeno usare delle scarpe da trail running. Chi indossa la Dropline può permettersi di uscire sui sentieri e decidere a che velocità andare e in che stile. Se vuole camminare veloce (o piano), può farlo tranquillamente; se poi invece ha voglia di correre, può dare il gas con una scarpa allo stesso tempo sicura ma performante. Per anni queste persone hanno utilizzato a questo scopo le scarpe da approach, che però non sono pensate per questo tipo di attività e sono più riigide e “secche”. Il suo utilizzo principale è comunque per escursioni veloci in giornata con zaino piuttosto leggero. Non escludiamo che si possa usare anche per escursioni di più giorni ma sconsigliamo di muoversi con uno zaino ad alto litraggio perchè comunque non permetterebbe alla scarpa di esprimersi.

Caratteristiche tecniche

– Salewa 3F System
– Costruzione Exa Shell
– Tomaia: Stretchable Air Mes
– Fodera (solo versione GTX): Gore-Tex® Extended Comfort
– Sottopiede: Ortholite®
– Intersuola: EVA ad alta elasticità
– Suola: Pomoca® Dropline
– Mescola: Pomoca® Super Tractor
– Drop: 6mm
– Salewa 3F System
– Costruzione Exa-Shell della tomaia
– Tallone con tecnologia Anti-Rock
– Ghetta elasticizzata sotto le stringhe
– Protezione in gomma del puntale
– Taglie uomo: 6-12, 13 uk
– Taglie donna: 3-9 uk

Dropline
– Peso uomo: 366g (uk8)
– Colori uomo: blue danube, fluo green
– Peso donna: 304g (uk5)
– Colori donna: feld green
– Prezzo: 155,00 euro

Dropline GTX
– Peso uomo: 371g (uk8)
– Colori uomo: blue danube, black out
– Peso donna: 315g (uk5)
– Colori donna: ombre blue, ocean
– Prezzo: 180,00 euro

Maggiori informazioni sulla Salewa Dropline le trovate a questo link.

Articolo precedenteBrooks Hyperion Elite 2…carbonio by Brooks
Articolo successivoReal Skifi: sciare con un trattore
Eva è nata e cresciuta a Roma, dove ha studiato giurisprudenza per capire che è una persona migliore quando non indossa un tailleur. Ha lasciato la grande città per lasciare che il vento le scompigliasse i capelli sulle montagne delle Alpi e presto ha scoperto che la sua passione per l’outdoor e scrivere di questa, poteva diventare un lavoro. Caporedattrice di 4outdoor, collabora con diverse realtà del settore outdoor. Quando ha finito di lavorare, apre la porta della baita in cui vive per sciare, correre, scalare o per andare a fare altre gratificanti attività come tirare il bastone al suo cane, andare a funghi o entrambe le cose insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui