Tutti i Campioni Italiani XC 2017 di Genova

0

Archiviata la giornata dedicata agli Assoluti, a Genova la domenica è stata dedicata all’assegnazione dei titoli italiani amatoriali e ogni categoria ha mostrato il meglio del panorama nazionale con molte gare appassionanti. Vediamo nel dettaglio quel che è successo:

ELMT: titolo al friulano Andrea Bravin (Caprivesi) a 7 giorni da quello vinto nella Marathon (e molti sono stati coloro che hanno doppiato) debellando la resistenza del campione uscente Ivan Zulian (Team Spacebikes) staccato di 1’38”, terzo Renato Cortiana (Pavan Free Bike) a 3’16”.

M1: gara senza storia con Riccardo Panizza (ComoBike) che ha preso il largo già dalle prime battute conducendo una gara in solitaria, vinta con 2’22” su Michele Righetti (Team Bertasi), terza posizione per Gianni Senter (Team Bsr) a 2’48”.

Il podio M1 con la conquista del successo per Panizza (foto Alessandro Biliani/organizzatori)

M2: sono dieci anni che Mirco Balducci (Gc Tondi Sport) colleziona titoli italiani nelle varie categorie e a Genova per il terzo anni consecutivo ha relegato alla piazza d’onore Alberto Riva (Pb Carbobike) questa volta staccato di 39”, terza piazza per Andrea Giupponi (2R Bike Store) a 2’39”.

M3: è durata solo un anno l’assenza di Massimo Folcarelli dall’elenco dei campioni italiani. Il laziale conquista la sua settima maglia tricolore nella Mtb, alle spalle del portacolori della Race Mountain Folcarelli si piazzano Simone Colombo (Ktm Protek Dama) a 2’48” e Nicola Terrin (Spezzotto Bike Team) a 5’11”.

M4: un altro che colleziona maglie tricolori è Oscar Lazzaroni (2R Bike Store) primo senza assolutamente rivali. Fabrizio Pezzi (Avis Pratovecchio Errepi Lee Cougan) accumula un distacco pesantissimo, 6’21”, mentre terzo è Manfredi Zaglio (Rosola Bike) a 7’46”.

M5: primo a conquistare in ordine di tempo il titolo italiano è stato Massimiliano Giuliani (Sc Triangolo lariano) grazie anche alla foratura che ha bloccato il battistrada Gilberto Perini (Avis Pratovecchio Errepi Lee Cougan) alla fine costretto al secondo posto a 20”, terzo Andrea Pendini (Lunardi Corratec) a 1’40”.

Massimiliano Giuliani, primo fra gli M5 (foto Alessandro Biliani/organizzatori)

M6: quarto titolo italiano per Claudio Zanoletti (2R Bike Store) e questa volta non ci sono polemiche e squalifiche come avvenne nel 2015. Netta la sua affermazione su Emanuele Pincigher (Pol.Oltrefortina) staccato di 1’52” e Pasquale Merola (Magicuneo) a 2’11”.

M7: beffato il campione del mondo di categoria Francesco Ferrari (Lugagnano Off Road) che si è dovuto inchinare a Renzo Valentini (Team Bsr) primo con 3’18” di vantaggio, terza posizione per Fabrizio Stefani (Team Rudy Project) a 5’54”.

EWS: secondo titolo tricolore a una settimana di distanza da quello Marathon per Eloise Ulderica Tresoldi (Sc Triangolo Lariano), a Beatrice Balducci (Haibike Lawley Factory Team) sfugge la possibilità di far festa col fratello per 5’27”. Bronzo a Paola Papetti (Merida Italia) a 7’03”.

Seconda maglia tricolore in una settimana per Eloise Ulderica Tresoldi (foto organizzatori)

W1: va in Toscana il titolo di questa categoria grazie ad Alice Lunardini (Cicli Taddei) prima con 57” su Karin Tosato (Lissone Mtb), unica in grado di tenerle testa. Molto più ampio il distacco della terza classificata, Valentina Rocca (Team Todesco) a 4’21”.

W2: titolo mondiale, titolo italiano Marathon e ora tricolore XC per Lorena Zocca (Sc Barbieri) che toglie il simbolo del primato a Silvia Filiberti (Lugagnano Off Road) staccata di 55”. Terza posizione per la toscana Beatrice Mistretta (Haibike Lawley Factory Team) a 1’46”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui