Home Mtb Eventi Superprestige, a Ruddervoorde svetta Meeusen

Superprestige, a Ruddervoorde svetta Meeusen

0

Un poker d’assi ha disputato la volata nella terza prova del Trofeo Superprestige, internazionale di ciclocross che si è disputata a Ruddervoorde su un circuito toboga con colline artificiali, tratti di sabbia a salire e scendere ed alcune porzioni di pavè, tanto per gradire. Al suo primo successo stagionale il generoso Tom Meeusen, autentico gladiatore della specialità, ha piegato allo sprint Mathieu Van der Poel, Klaas Vantornout e Sven Nys. Soltanto quinto lo sfortunato Lars Van der Haar (a 12”), animatore della gara fin dalle prime battute coinvolto in una caduta sulla sabbia da Corné Van Kessel, caduta senza danni fisici ma complicata dal groviglio tra le biciclette dei due atleti.

Il giovane Van der Poel, che aveva rinunciato il giorno prima alla partecipazione ai campionati europei della categoria Under 23 per riservare tutte le sue energie a questo impegno, è balzato in testa alla classifica provvisoria spodestando Nys (ora secondo a un punto) e Van der Haar (terzo a due punti) i quali prima della partenza lo precedevano entrambi di un punto. Vantornout e Kein Pauwels (settimo all’arrivo) condividono la quarta posizione in classifica a sei punti dal nuovo leader in vista della quarta prova che si disputerà domenica prossima ad Asper-Gavere, sede storica del Superprestige che si disputa ormai da oltre trent’anni.

Nella gara Elite donne, che non prevede classifica alcuna, la neo campionessa europea Sanne Cant ha aggiunto un’altra vittoria (la sesta) al suo già cospicuo bottino stagionale precedendo questa volta di 21 l’inglese Helen Wyman e di 38” l’altra belga Ellen Van Loy. Un fine settimana da incorniciare, quello della Cant che il giorno prima nella rassegna continentale aveva messo in fila la ceca Pavla Havlikova e l’inglese Nikki Harris.

Al contrario della sua connazionale Cant l’iridato Wout Van Aert, neo campione europeo della categoria Under 23 non si è presentato al via della gara di Ruddervoorde. Riiferendosi al suo collega Van der Poel, assente al campionato europeo, aveva detto “gli assenti hanno sempre torto”. Ma questa battuta, evidentemente incauta, gli è rimbalzata addosso.

Ha colto l’occasione al volo il suo connazionale Laurens Sweeck, secondo agli europei, il quale precedendo Michael Vanthourenhout di soli 6”, dopo un duello aspro ma leale è balzato al comando della classifica provvisoria con due punti di vantaggio sullo stesso Vanthourenhout.

Nella gara Juniores, infine, Eli Iserbyt (nove vittorie su altrettante gare disputate in questa stagione) ha emulato la connazionale Cant festeggiando la maglia di campione europeo della categoria precedendo, per l’ennesima volta, l’elvetico Johan Jacobs che il giorno primo aveva colto la medaglia di bronzo nella rassegna continentale. Iserbyt avendo vinto anche le due precedenti prove del Superprestige comanda la classifica a punteggio pieno.

Ufficio stampa Fci