Home Mtb Eventi Superprestige, secondo successo di Pauwels

Superprestige, secondo successo di Pauwels

0

Sul pesante circuito ricavato negli spazi interni ed esterni all’autodromo di Spa-Francorchamps si è disputata la quinta prova del Trofeo internazionale Superprestige di ciclocross che ha registrato il successo di Kevin Pauwels, già vincitore della seconda prova a Zonhoven. L’atleta del team Sunweb Napoleon ha così preso il comando della classifica, seppure a pari punti con Lars Van der Haar, giunto secondo (a 15”) sulla ripida salita che portava all’arrivo, lo stesso tratto di asfalto che, di solito, è riservata ai bolidi della formula uno.

Sul terzo gradino del podio Tom Meeusen (a 29”), autore di una rincorsa finale che gli ha consentito di anticipare Mathieu Van der Poel (quarto a 44”, ora secondo in classifica ad un solo punto da Pauwels e Van der Haar), e Jens Adams (quinto a 48”). Soltanto ottavo Sven Nys (a 1’21”), che perde il primato della classifica è passa in quarta posizione a tre punti dalla coppia di testa.

In vista della sesta delle otto prove complessive, prevista in notturna per il 28 dicembre a Diegem, ben sette corridori si ritrovano in una forbice di cinque punti, che comprende anche Klaas Vantornout (meno quattro), vincitore della quarta prova ad Asper-Gavere e Tom Meeusen (meno cinque), a sua volta primo in quella di Ruddervoorde.

Situazioni completamente diverse nelle categorie Under 23 e Juniores dove l’iridato e campione europeo Under 23 Wout Van Aert (quattro vittorie su altrettante gare disputate) e il campione europeo Juniores Eli Iserbyt (imbattuto in tutte le gare disputate in questo scorcio di stagione) hanno ribadito la loro netta superiorità sui rispettivi colleghi.

Nella categoria Elite donne, per la quale non è prevista classifica a punti, l’inglese Nikki Harris ha colto al volo l’occasione offerta dal ritiro della belga Sanne Cant, causa irreparabile incidente meccanico, aggiudicandosi la prova con 10” di vantaggio sulla connazionale Helen Wyman e 21” sulla fiamminga Ellen Van Loy.

Ufficio stampa Fci