Pubblicità
Home Running Eventi TOR30 – Passage au Malatrà, domani tocca a loro!
Pubblicità

TOR30 – Passage au Malatrà, domani tocca a loro!

0
Nella suggestiva foto di Pierre Lucianaz, il Rifugio Frassati, lungo l'Alta Via n° 1 a 2.540 metri di quota.
Nella suggestiva foto di Pierre Lucianaz, il Rifugio Frassati, lungo l'Alta Via n° 1 a 2.540 metri di quota.

Arrivati al traguardo tutti i Top runner del TOR330 – TOR DES GEANTS® e del TOR450 – TOR DES GLACIERS, domani in programma l’ultimo appuntamento, il TOR30 – Passage au Malatrà.

Primo o ultimo al traguardo, ognuno diventa GIGANTE!

Completate le caselle dei migliori di tre delle quattro gare TORX®, cresce l’attesa, tra oggi e domani, per l’arrivo di tutti gli altri corridori, i veri protagonisti della kermesse.

Collé, Trigueros Garrote, Case e gli altri… che spettacolo

Dopo la vittoria di Franco Collé (con record della gara) e il secondo posto dello svizzero Jonas Russi, con l’arrivo dello svedese Petter Restorp, terzo in 76:36, si definisce il podio maschile del TOR330 – Tor des Geants®. In campo femminile, brillante vittoria – come ampiamente prevedibile – della spagnola Silvia Trigueros Garrote, giunta 13a assoluta pochi minuti prima delle quattro del mattino con un tempo finale di 89:57. L’atleta basca entra a buon diritto nell’olimpo del TOR raggiungendo il ragguardevole slam delle tre vittorie consecutive, che non era mai riuscito a nessuno prima di lei. Conclude in seconda posizione la bergamasca Melissa Paganelli (93:35), per lei una buona prestazione nonostante un finale travagliato a causa della grande stanchezza. Terza classificata l’inglese Nicky Spinks, che ferma il cronometro sul tempo di 101:16.

TOR 450 – Tor des Glaciers

Giochi fatti anche per i gradini più alti del podio al TOR 450 – Tor des Glaciers, con la vittoria ex aequoper la coppia formata dallo svizzero Jules Gabioud e dall’italiano, francese di adozione, Luca Papi, al comando insieme da inizio gara. I due, che non hanno mai perso il sorriso e la voglia di condividere la loro impresa, sono giunti mano nella mano a Courmayeur in 138:18.

Le parole della fantastica Stéphanie Case

Alle spalle dei vincitori, terza assoluta e prima delle donne nella 450, la canadese Stephanie Case, protagonista di una incredibile gara in solitaria.

“È straordinario quello che il corpo può fare: ho gareggiato al livello degli uomini, spero con questo di aver incoraggiato altre donne a capire che possono farlo”.

Sotto le splendide foto di Roberto Roux che ci riportano nella piena atmosfera del TOR450, vinto dalla straordinaria atleta canadese.

Domani tocca al TOR30 – Passage au Malatrà

L’ultimo appuntamento della kermesse riguarda la “creatura” più recente del programma TORX®, il TOR30 – Passage au Malatrà, con oltre 500 corridori pronti a partire domani alle ore 10 da Saint-Rhémy-En-Bosses. Il TOR30 – Passage au Malatrà è la cosidetta “gara di avvicinamento” alle distanze più lunghe, perfetta per iniziare a respirare aria di TorX!

Al traguardo sino alle 18 di domani

Soprattutto, da qui a sabato alle 18 (tempo limite per concludere le prove) sono attesi i veri eroi del TOR, ovvero tutti gli altri concorrenti che rappresentano la vera anima di questo avventura sportiva e umana unica al mondo, uomini e donne straordinari proprio in quanto non superatleti, che vengono celebrati – dal primo all’ultimo – come vincitori perché spinti unicamente dalla passione per la montagna e dalla voglia di confrontarsi con una dimensione sportiva unica. Viva il TOR!

Articolo precedenteStorie in sella: Il dolce sollievo dell’attesa
Articolo successivoBrooks Cascadia 16: promossa a pieni voti!
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità