UTMB annullato, l’annuncio ufficiale di Catherine Poletti

0

Covid-19: 2020 UTMB Mont-Blanc is cancelled“: UTMB annullato. Con queste parole, l’organizzazione ufficiale della gara di trail running più bella al Mondo ha dato ieri la notizia ufficiale dell’annullamento dell’evento.

Catherine Poletti, anima dell’UTMB

“L’UTMB è un immenso momento d’incontro”, così Catherine Poletti, organizzatrice della gara di trail running più bella al mondo, definisce la sua creatura.

Ma Madame Poletti, non è solo un’organizzatrice, è l’anima, il respiro, il motore di un’incredibile macchina operativa che ha percorso i suoi primi chilometri tra le vie centrali di Chamonix nell’agosto del 2003.

Decisamente autoritaria, donna di carattere, la Poletti ha saputo inventare qualcosa che, prima di lei, non esisteva, trasformando l’UTMB da semplice competizione sportiva a evento.

UTMB, Evento con la E maiuscola

Gare, pettorali e cronometri, a Chamonix sono di casa, ma…e c’è sempre un ma, Madame Poletti ha creato un evento.

Oggi l’UTMB è l’evento di trail running più importante e popolare al mondo, a cui i francesi hanno saputo dare la giusta diffusione mediatica, supportando al meglio ogni sua fase.

2020 UTMB Mont-Blanc is cancelled, l’annuncio della Poletti

Il comunicato ufficiale è perentorio, ennesima mazzata in un momento di grande difficoltà per tutti noi.

Condivido la scelta e i vati punti che hanno spinto l’organizzazione a prendere questa difficile situazioni.

In passato, la montagna aveva già messo il comitato organizzatore a dura prova, a causa di condizioni meteo non sempre ottimali.

Pioggia insistente alla partenza, neve abbondante a bassa quota e materiale di gara obbligatorio non certo da grandi imprese alpinistiche, ma mai si era pensato ad un annullamento.

Questo 2020 andrà così e, come afferma la stessa Poletti, si deve guardare avanti, pensando al futuro, senza dimenticare il passato.

Il comunicato ufficiale

Dopo aver esaminato attentamente tutte le opzioni in conformità con le normative del governo, ma anche dopo aver consultato gli atleti, le autorità locali e i partner, il team dell’organizzazione UTMB® Mont-Blanc si rammarica di annunciare che a causa della pandemia di COVID-19, il 2020 l’edizione, che doveva svolgersi dal 24 al 31 agosto, è stata annullata.

Il NO del Comitato medico

La difficile decisione è stata presa anche dopo aver consultato il comitato medico dell’UTMB Mont-Blanc, considerando tra tutte le possibilità, quella più responsabile per preservare la salute e la sicurezza di atleti e organizzatori.

Oltre 100.000 persone coinvolte

  • 10.000 corridori provenienti
  • 111 paesi di provenienza
  • 100.000 visitatori e abitanti delle regioni del Mont-Blanc
  • 500 fornitori di servizi
  • 60 partner
  • 2.300 volontari

Le parole di Catherine Poletti

“In montagna, abbiamo familiarità con il rischio e l’impegno.

Quando le condizioni non sono giuste, è più ragionevole tornare indietro e tornare a casa.

L’assunzione di rischi fa parte della nostra cultura, così come conoscere i tuoi limiti.

Rinunciare è mostrare coraggio.

Quando rinunci a una salita, sai che ci saranno altre occasioni per tornare, quando le condizioni saranno giuste, quando sarai pronto, quando la tempesta sarà finita.”

UTMB: chilometri e dislivelli tra i più belli al mondo

L’UTMB offe a tutti i partecipanti un percorso unico, attorno al Monte Bianco, vetta più alta d’Europa, da cui riceve fascino e storicità alpinistica.

Un percorso, quello lungo, con numeri davvero importanti:

  • 171 chilometri
  • 3 paesi – Francia/Italia/Svizzera
  • 18 comuni

Una settimana intera di gare, che incorpora 7 eventi di differente lunghezza e dislivello, che vanno da 300 km a 15 km per i trail runner di ogni livello e preparazione.

UTMB annullato, la grande lotteria

L’anno passato la lotteria aveva ricevuto oltre 32.000 richieste.

Ottenere un pettorale per l’UTMB non è assolutamente facile e, come avviene per le principali Major marathon al mondo, essere sulla linea di partenza è già un successo.

L’UTMB è per tutti un sogno che non può essere alterato

Catherine Poletti prende posizione sull’annullamento ricordando che per ogni pettorale consegnato  è il corollario di un grande sogno.

“Il trail running è l’incontro di migliaia di persone. Bisogna avere tempo a disposizione per chiacchierare tranquillamente a ristori e basi vita, nella più assoluta libertà di movimento.

A causa della situazione attuale, è diventato difficile organizzare una gara che offra questo questa piacevole possibilità.

Abbiamo ovviamente ragionato sulla possibilità di un evento adattato alle regole sanitarie, con partenze scaglionate, meno corridori e distanza sociale nelle stazioni di soccorso.

Se facessimo così: l’UTMB® Mont-Blanc non sarebbe quello che conosciamo e, soprattutto, quello che ogni partecipante vorrebbe vivere in prima persona

Quota d’iscrizione, rimborsato il 55%

Stabilendo una data per il prossimo anno, l’organizzazione desidera mostrare solidarietà a tutti i corridori che quest’anno non hanno potuto partecipare all’evento a causa della situazione sanitaria, economica, sociale e territoriale.

In conformità con le normative dell’evento, gli iscritti all’edizione 2020 beneficeranno di un rimborso del 55% della Quota d’iscrizione

UTMB 2020, il web a disposizione degli atleti

“L’annullamento dell’evento è un rischio finanziario reale per l’organizzazione, che ha già sostenuto grandi spese in tutte le aree. L’organizzazione ha aggiornato il suo sito Web per rispondere a tutte le domande dei corridori.”

 

Articolo precedenteStrava ci limita e noi cerchiamo le alternative
Articolo successivo‘Unknown Factors’, il video della spedizione nella Baspa Valley
Daniele Milano nasce una buona cinquantina di anni fa in Valle d’Aosta. Cresciuto con la montagna dentro, ha sempre vissuto la propria regione da sportivo. Lo sci alpino è stato lo sport giovanile a cui ha affiancato da adolescente l’atletica leggera. Nei primi anni 90 la passione per lo snowboard lo ha letteralmente travolto, sia come praticante che come giornalista. Coordinatore editoriale della rivista Snowboarder magazine e collaboratore per diverse testate sportive di settore ha poi seguito la direzione editoriale della testata Onboard magazine, affiancando sin dal lontano 2003 la gestione dell’Indianprk snowpark di Breuil- Cervinia. Oggi Daniele è maestro di snowboard e di telemark e dal 2015 segue 4running magazine, di cui è l’attuale direttore editoriale e responsabile per il canale web running. Corre da sempre, prima sul campo di atletica leggera vicino casa e poi tra prati e boschi della Valle d’Aosta. Dal 2005 vive un po’ a Milano con la propria famiglia, mentre in inverno si divide tra la piccola metropoli lombarda e Cervinia. “La corsa è il mio benessere interiore per stare meglio con gli altri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui