Home Mtb Eventi Van Der Poel, un messaggio… iridato

Van Der Poel, un messaggio… iridato

0

L’iridato Mathieu Van der Poel, rotto il ghiaccio a Namur, conquista anche la prova di Coppa del Mondo ospitata a Heusden-Zolder, in Belgio, ponendo una seria ipoteca alla conferma del titolo in palio il 31 gennaio sullo stesso percorso. Impressionanti le accelerazioni in salita con le quali si è liberato nel finale di Kevin Pauwels, tenacissimo avversario in forma smagliante, e di Lars Van der Haar, gli altri due protagonisti di giornata.

L'arrivo vittorioso di van Der Poel (foto FB) L’arrivo vittorioso di van Der Poel (foto FB)

L’attuale leader di Coppa, Wout Van Aert, ha difeso la maglia con l’ottavo posto a 1’20”, ma sembra aver perso lo smalto migliore. Manca ancora poco più di un mese al mondiale e potrà recuperarlo per il giorno che conta. Per ora guida la classifica del Challenge UCI con 336 punti inseguito da Van der Haar con 320 e da Sven Nys, oggi decimo a 1’21”, con 303 punti. A Van der Poel sono bastati due colpi per riportarsi in quinta posizione. Il suo obiettivo è la conferma iridata, ma dovrà comunque guadagnarla col sudore.

Gli italiani in gara, Nicolas e Lorenzo Samparisi, si sono piazzati rispettivamente al 42° e al 49° posto.

Lechner,maledetta caduta…

La Coppa del Mondo ciclocross femminile s’infiamma e diventa sempre più avvincente. Sul percorso iridato di Heusden-Zolder Eva Lechner parte forte, poi cade in discesa su una curva, perde molte posizioni, stringe i denti e riesce a limitare i danni in una gara ormai compromessa perché davanti la belga Sanne Cant e la statunitense Katherine Compton fanno il diavolo a quattro e vanno a tutta per giocarsi la vittoria.

Trionfa la belga con 7” di vantaggio sulla Compton. La campionessa europea si prende una bella rivincita dopo la brutta prova prova di Namur e strappa anche la maglia di leader ad Eva, ottava al traguardo a 53”. Sul terzo gradino del podio l’irriducibile Ellen Van Loy, che insegue, si riporta sotto alle due fuggitive e poi crolla, ma conserva la terza piazza a 24” contenendo la rimonta dell’olandeseDe Jong, quarta a 27”.

Sanne Cant ora guida la classifica di Coppa con 222 punti, segue Eva Lechner con 205, terza Katherine Compton con 173. La sfida per il Trofeo UCI è ancora apertissima. L’azzurra tenterà di rifarsi nella prossima prova di Lignieres-En-Berry, il 17 gennaio in Francia.

Da segnalare la splendida prestazione della giovane Chiara Teocchi, tredicesima a 1’38”. Al 21° posto Alice Maria Arzuffi a 2’29”.

Under 23, gerarchie rivoluzionate

L’olandese Joris Nieuwenhuis vince la prova di Coppa del Mondo under 23 a Heusden –Zolder precedendo di 2” il belga Daan Hoeyberghs e di 4” il ceco Adam Toupalik. Seguono l’altro belga Quinten Hermans, quarto a 7”, il francese Clement Russo, quinto a 10”, lo spagnolo Felipe Ortis, sesto a 12”, e l’azzurro Gioele Bertolini, settimo a 19”.

Non ha preso il via il leader di coppa Eli Iserbyt, che ora vede ridotto il suo vantaggio sul francese Russo a 10 punti e la prossima prova di coppa si disputerà il 17 gennaio proprio a casa di Russo, a Lignieres-En-Berry.

Buona la prestazione di Bertolini sul percorso che ospiterà i Mondiali il prossimo 30 gennaio. La selezione nel gruppo dei migliori è stata abbastanza contenuta ed è prevedibile che la sfida iridata per il podio sarà molto serrata ed incerta. Tra i pretendenti più accreditati figura anche l’azzurro. Oggi non è riuscito a classificarsi tra i primi tre, ma ci è andato molto vicino. Il piazzamento nella top ten lo mantiene comunque nella parte alta della classifica del Challenge Uci, anche se deve cedere il terzo posto al belga Quinten Hermans per soli tre punti. Discreta la prestazione di Nadir Colledani, 27° a 1’42”.

Fra gli juniores svettano i francesi

Il francese Thomas Bonnet vince a sorpresa la prova di Coppa del Mondo juniores di Huesden-Zolder, in Belgio, sul percorso che ospiterà i Mondiali il 30 gennaio.

Sul tratto finale si sono presentati i tre protagonisti della gara per contendersi il successo in volata. Il transalpino ha avuto la meglio per due secondi sul leader di Coppa Jappe Jaspers e sul connazionale Tanguy Turgis, terzo a tre secondi. L’ottima giornata dei francesi è stata coronata dal quarto posto diMickael Crispin a 29”, davanti allo statunitense Gage Hecht, quinto a 39”. Seguono tre belgi, Seppe Rombouts, Florian Veermeersh e Toon Vandebosch, tutti sulla scia di Hecht.

Il favorito Jaspers non ha vinto, ma può ugualmente sorridere per i punti conquistati con il secondo posto, che consolidano il suo primato nel challenge Uci anche grazie all’assenza del campione europeo, l’olandese Dekker.

Per gli azzurrini non è stata, invece, una giornata splendida. Antonio Folcarelli, il miglior piazzato, è 21° a 1’53” dal vincitore, Jacob Dorigoni 30° a 2’13”, Edoardo Xillo 46° a 3’45”.

Ufficio stampa Fci