Home Outdoor News Attività all’aperto, il tempo non è un limite

Attività all’aperto, il tempo non è un limite

0

Supera i tuoi limiti, vestiti adeguatamente, esci all’aperto. Si parla spesso di zona di comfort, quello stato in cui ci sentiamo al sicuro, rilassati, fiduciosi in noi stessi e attivi. Ma dobbiamo anche essere pronti a spostare un po’ più in là questa Comfort Zone, altrimenti il percorso di conoscenza di noi stessi e del mondo non avrà modo di ampliarsi.

 

La prima cosa che puoi fare è assumere un atteggiamento positivo nei confronti di ciò che ancora non conosci, che riguardi un luogo inesplorato o una condizione climatica in cui non sei abituato a fare attività all’aperto.

La seconda cosa è scegliere un abbigliamento che ti faccia sentire bene con te stesso, anche sotto la pioggia, sferzato dal vento o in condizioni di poca luce. Prediligi capi di taglio sportivo, funzionale, essenziali nel design e realizzati con materiali sintetici e tecnologici. Tessuti esterni impermeabili, con cuciture termo-saldate, a prova di vento, traspiranti, termoregolatori, elastici, con dettagli riflettenti per condizioni di scarsa visibilità.

 

Le collezioni Outdoor di Colmar rispondono a questi requisiti, scoprile

COLLEZIONE UOMO

COLLEZIONE DONNA

 

 

Aspettiamo le belle giornate come le mattine di Natale, clima asciutto e ore di luce da trascorrere all’aria aperta.

Ma il tempo non è un limite, ce lo insegnano le popolazioni del nord europa: germaniche, inglesi, scandinave. Il clima in quei luoghi è molto più variabile che da noi: pioggia, sole, vento si alternano in continuazione durante una giornata ma nessuno rinuncia a fare un po’ di running, una passeggiata o un giro in bicicletta.

 

Ci hai mai fatto caso?

Hai mai fatto caso che quando ti trovi in quei luoghi, tu stesso ti poni molto meno il problema del meteo? Se prendere un acquazzone vicino a casa risulta piuttosto fastidioso, prenderlo quando ti trovi su una scogliera Scozzese o in un fiordo Norvegese è quasi piacevole, sicuramente romantico.

Una questione mentale quindi. Un limite che se c’è, ce lo imponiamo da soli.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui