Pubblicità
Home Prodotti Componentistica DT Swiss 350, aggiornato lo storico mozzo

DT Swiss 350, aggiornato lo storico mozzo

0
DT Swiss 350, ridisegnato lo storico mozzo
DT Swiss Rachet System

Disegnata e sviluppata per essere un punto fermo in ambito MTB e off-road, non di rado, la serie di mozzi DT Swiss 350 si è ritagliata un’importante spazio anche tra gli stradisti (così come la serie 370). Non solo, perché questa tipologia di mozzi è spesso utilizzata come base di partenza per l’assemblaggio delle ruote della varie case costruttrici. Il brand svizzero rinnova il modello 350, pur mantenendo il suo core principale, che vuole sostanza ed affidabilità. Ecco di seguito alcune specifiche.

DT Swiss 350 Hub

L’evoluzione della serie 350 di DT Swiss parte dal cuore, ovvero dal sistema Ratchet System, che oltre alla scorrevolezza, porta numerosi vantaggi anche in fatto di manutenzione e longevità. Il meccanismo nasce per essere Notool Concept, ovvero non ha bisogno di chiavi e attrezzature per il suo smontaggio. Tutta la sezione drive (trasmissione) è montata a pressione, con il riduttore che funge da chiusura. Basta un gesto con le mani per estrarre il corpetto della ruota libera e il suo interno. La sua compatibilità permette di avere il corpetto con standard Shimano 11v e MicroSpline per le 12v, ma anche SRAM XD. Inoltre è possibile montare le diverse soluzioni (opzionali) di Ratchet System: 18T SL con 20° di ingaggio, 24T con i 15°, 36T SL con 10° (in dotazione) e 54T SL con 6,7°. I cuscinetti sono sigillati.

Due versioni

  • Si parte con il Classic MTB, caratterizzato dalle flange rialzate e arrotondate, disponibile con 28 oppure 32 fori per i raggi. È completamente in alluminio (i pesi dichiarati sono di 137 e 243 g, rispettivamente per anteriore e posteriore) e prevede l’innesto del disco CenterLock. Cinque le larghezze e versioni disponibili per entrambi i mozzi: 15×100, 15×110, 20×110 e 20×110 BO, 15×150 mm (fatbike) per gli anteriori; 12×142, 12×148, 12×150 mm e 12×157+, oltre al modello 12×197 (fatbike). I prezzi di listino sono di 68,90 (front) e 184,90 euro (rear).
  • Dalla configurazione più classica passiamo alla DT Swiss 350 Straightpull MTB per raggi a testa dritta, più leggera rispetto alla precedente (i valori alla bilancia dichiarati sono di 130 e 212 g, anteriore e posteriore). Si parte sempre da una struttura in alluminio con supporto CenterLock per i dischi. DT Swiss Straightpull MTB prevede la sola configurazione con 28 raggi. Due le larghezze previste per l’anteriore nella nuova configurazione: 15×100 e 15×110 mm. Due anche per il mozzo posteriore: 12×142 e 12×148 mm. I prezzi di listino sono di 68,90 e 184,90 euro, per anteriore e posteriore.
DT Swiss 350, ridisegnato lo storico mozzo
Una parte del kit di conversione con le due ruote dentate che caratterizzano il sistema Ratchet.

Ratchet LN upgrade kit

L’aggiornamento del mozzo 350 nasce anche dalla necessità di rendere il sistema Ratchet fruibile per l’intera gamma di mozzi. DT Swiss LN conversion kit è un vero e proprio pacchetto modulare che integra il “vecchio” meccanismo interno a tre palette. Questo kit di aggiornamento offre la possibilità di sfruttare il concetto Ratchet System, più fluido e veloce. Il kit LN ha prezzi compresi tra i 69,90 e 99,90 euro.

a cura della redazione tecnica, immagini DT Swiss.

dtswiss.com

Articolo precedenteMarco Olmo alla Sunset Running Race di Prato Nevoso
Articolo successivoSena Rumba, il casco urban in tutti i sensi
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità