Pubblicità
Home Mtb Test Magic Mary e Big Betty l’enduro secondo Schwalbe
Pubblicità

Magic Mary e Big Betty l’enduro secondo Schwalbe

0
Schwalbe Magic Mary & Big Betty - action
Foto: Michael Kull

Da Schwalbe una delle accoppiate di pneumatici più ambite in ambito MTB enduro, il sempreverde Magic Mary e il ritrovato Big Betty, entrambe con nuove carcasse Super.

Schwalbe per l’enduro in MTB

Schwalbe Big Betty - test
Schwalbe Big Betty Super Gravity Addix Soft 29×2,35″
Schwalbe Magic Mary - test
Schwalbe Magic Mary Super Trail Addix Soft 29×2,35″

Le moderne mountain bike hanno alzato l’asticella delle prestazioni. Velocità che fino a qualche anno fa erano ad appannaggio delle sole bici da downhill, sono state avvicinate, se non eguagliate, dalle attuali “endurone”, bici estremamente performanti in discesa che, a differenza delle cugine da DH, si lasciano pedalare anche in salita.

I produttori di pneumatici hanno seguito questa evoluzione creando modelli sempre più specifici, offrendo un ventaglio di soluzioni adatte a ogni esigenza dove l’utilizzatore finale può scegliere l’accoppiata di gomme che più si adatta al proprio stile di guida.

Abbiamo ricevuto da Schwalbe una fornitura della più recente produzione di pneumatici dedicati alla mountain bike ma la mia curiosità era quella di provare una delle accoppiate più ambite in ambito Enduro, il sempreverde Magic Mary e il ritrovato Big Betty.

Come sono fatte

Big Betty Super Gravity - test
Big Betty con carcassa Super Gravity, peso di 1.380 g

Da questa stagione Schwalbe ha completamente riprogettato tutti i disegni degli pneumatici Evolution (Evo). I nomi e la struttura del sistema seguono ora una logica chiara e facilmente comprensibile. Preceduti dal suffisso Super i nomi delle rinnovate cinque carcasse indicano la destinazione per la quale sono state progettate (qui la nostra anticipazione dell’intera gamma rinnovata).

Si parte dalla leggerissima Super Race, dedicata alle competizioni XC e Marathon, si passa alla nuova Super Ground (precedentemente chiamata Snake Skin), poi troviamo la nuovissima Super Trail, che va a colmare il gap tra la Super Ground e la più robusta ma pesante Super Gravity, per finire con la Super Downhill, dedicata alla discesa. Per tutte le caratteristiche e info dettagliate consultate il sito: www.schwalbe.com/it/mtb.

Per il nostro test abbiamo deciso di mettere alla prova la conosciuta carcassa Super Gravity del Big Betty da 2,35” in mescola Addix Soft, montato al posteriore, in coppia con un Magic Mary sempre da 2,35” Soft ma con carcassa Super Trail.

Il risultato è un set di gomme molto aggressivo, che non ha paura delle basse pressioni di gonfiaggio, con disegni dei battistrada che ben si adattano alla umida stagione autunnale.
Il peso rilevato risulta essere 1.270 g per il Magic Mary e 1.380 g per il Big Betty, il prezzo di listino è rispettivamente di 64,90 e 62,90 euro.

Magic Mary Super Trail - test
Magic Mary con carcassa Super Trail e tripla mescola Addix Soft, peso di 1.270 g

Sul campo

Prima della discesa va sempre (o meglio dire quasi sempre se utilizziamo shuttle o impianti di risalita) pedalata la salita. Devo ammettere che con questa coppia di coperture la salita non è proprio la parte più divertente del giro.

A dispetto del battistrada del copertone posteriore, che presenta i tacchetti centrali con rampe che facilitano il rotolamento, la mescola soffice ma soprattutto il peso elevato rendono questo Big Betty una delle coperture, tra quelle provate, più ostiche da pedalare.
Le cose si mettono meglio sul tecnico lento dove la sopracitata tassellatura offre un ottimo grip e aiuta a scavalcare pietre e radici a patto che siano asciutte.

Il Magic Mary non aiuta di certo ad alleggerire la situazione (non ho scelto a caso il verbo alleggerire…) e il battistrada pronunciato, rotolando sull’asfalto, creerà un “bellissimo” sottofondo musicale che ci accompagnerà fino all’arrivo della mai tanto desiderata discesa.

Ed è qui che la musica cambia. Tutte le caratteristiche che mi hanno resa ostica la salita qui saranno mie alleate.

Premetto che non sono un fan degli inserti da montare tra copertone e cerchio, preferisco usare una copertura più robusta gonfiata alla giusta pressione per il tipo di terreno che andrò ad affrontare.

Ho fatto la prima discesa usando le pressioni a cui solitamente tengo la mia coppia di Maxxiss DHF Exo e DHR II Exo+, ovvero 2,0 bar al posteriore e 1,8 all’anteriore sapendo di essere “duro” ma volevo avere un confronto diretto con una coppia di copertoni che conosco bene.

Magic Mary - battistrada
La classica tassellatura di Schwalbe Magic Mary

Come immaginavo le Schwalbe si sono dimostrate molto nervose, soprattutto il Magic Mary montato anteriormente.

Alla seconda risalita ho portato la pressione a 1,8 bar al posteriore e 1,6 all’anteriore non riscontrando differenze nella risalita. Ho però cominciato ad apprezzare di più l’accoppiata quando la pendenza diventa negativa, trovando il giusto compromesso tra prestazioni e sicurezza alla terza discesa, dove sono ancora sceso con le pressioni rispettivamente a 1,5 bar per il Big Betty e 1,3 per il Magic Mary.

A queste pressioni le gomme mostrano tutto il loro valore e stupiscono per la tenuta che offrono sui terreni umidi.

Magic Mary risulta sincero, non ti abbandona praticamente mai, si coglie la sua derivazione gravity, offre tanta tenuta in piega, nelle condizioni di scarsa aderenza o quando sollecitato da frenate al limite.

Trasmette tanta sicurezza e i suoi fianchi rinforzati evitano in curva quella fastidiosa deriva che avevo riscontrato nei più leggeri modelli precedenti, rispetto ai quali risulta però più propenso a trasmettere le asperità del terreno al manubrio.

Big Betty è perfetta come gomma posteriore, il passaggio tra l’appoggio dei tasselli centrali e quelli della spalla è fluido e una volta entrati in curva con la bici piegata è un piacere sentire quanto grip la gomma offre.

Come per la Magic Mary anche la Big Betty in curva, nonostante la bassa pressione d’esercizio, rimane ben salda sul cerchio evitando il fastidioso fenomeno di deriva.

Big Betty - battistrada
Il battistrada rinnovato di Schwalbe Big Betty

Pro

  • Facilità di montaggio e tenuta tubeless
  • Mescola e carcassa perfette per un utilizzo Enduro/Gravity
  • Tassellatura resistente e dall’ottimo grip in condizioni asciutte o umide
  • Possibilità di usare pressioni basse senza dover inserire inserti a protezione del cerchione

Contro

  • Peso elevato
  • Scarso filtro delle asperità (Magic Mary montato anteriormente)

Conclusioni

Schwalbe, presentando la nuova gamma di coperture dedicate alla mountain bike, ha pensato a ogni disciplina e tipologia di biker.

L’accoppiata Magic Mary Addix Soft Super Trail/Big Betty Addix Soft Super Gravity è la scelta giusta per chi ama le competizioni Enduro o vuole divertirsi in Bike Park.

Il prezzo da pagare è la scarsa propensione alla pedalata di questi pneumatici.
La loro robustezza, il peso e la grande tenuta dei tasselli le rende ottime come montaggio sulle moderne eBike da Trail o Enduro.

[testo e foto: Luca Ghigliani]

Schwalbe Nobby Nic Super Trail in test

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità