Home Mtb News Vuoi lavorare con Thok?
Pubblicità

Vuoi lavorare con Thok?

0

THOK E-Bikes cerca un/a commerciale back office

Sei appassionato/a di bici e vuoi far parte di un team di lavoro dinamico, stimolante e moderno in una realtà in forte espansione?

THOK E-Bikes sta cercando una risorsa per potenziare l’ufficio commerciale.

Opportunità

La risorsa affiancherà il Sales Manager e avrà le seguenti mansioni:

  • gestione delle relazioni con la rete dealer nazionale ed internazionale
  • gestione della clientela diretta nazionale ed internazionale
  • gestione degli ordini retail ed e-commerce e sistema gestionale interno
  • controllo del flusso di vendita coordinandosi con la logistica
  • relazioni con i clienti B2B e B2C tramite strumenti assistenza telefonica, e-mail, chat e social
  • customer care B2B e B2C
  • partecipazione a eventi e fiere del settore

Requisiti richiesti:

  • istruzione secondaria di II grado o universitaria
  • ottima conoscenza della lingua inglese
  • esperienza triennale in posizione simile
  • dimestichezza nell’uso del pacchetto Microsoft Office e social network
  • predisposizione all’ordine e al lavoro metodico
  • doti comunicative, relazionali e organizzative
  • versatilità nella gestione della clientela e delle problematiche lavorative (problem solving)
  • propensione al lavoro in team e alla collaborazione
  • capacità di gestire il proprio lavoro in modo propositivo e costruttivo anche sotto pressione

Skill che rappresentano un plus nella selezione:

  • conoscenza e passione per il mondo outdoor e in particolare della MTB
  • conoscenza tecnica della bicicletta
  • conoscenza lingua tedesca
  • esperienza con sistemi gestionali ERP strutturati
  • intraprendenza ed entusiasmo

Sede di lavoro:

Alba – CN

Per candidature:
info@thokebikes.com
+39 340 3811373

Articolo precedenteMythos Alpine Gravel, sterrati dolomitici
Articolo successivoHuawei Watch GT Runner, primo smartwatch da corsa professionale Huawei
Mi piacciono le biciclette, tutte, e mi piace pedalare. Mi piace ascoltare le belle storie di uomini e di bici, e ogni tanto raccontarne qualcuna. L'amore è nato sulla sabbia, con le biglie di Bitossi e De Vlaeminck ed è maturato sui sentieri del Mottarone in sella a una Specialized Rockhopper, rossa e rigida. Avevo appena cominciato a scrivere di neve quando rimasi folgorato da quelle bici reazionarie con le ruote tassellate, i manubri larghi e i nomi americani. Da quel momento in poi fu solo Mountain Bike, e divenne anche il mio lavoro. Un lavoro bellissimo, che culminò con la direzione di Tutto MTB. A quei tempi era la Bibbia. Dopo un po' di anni la vita e la penna parlarono di altro, ma il cuore rimase sempre sui pedali. Le mountain bike diventarono front, full, in alluminio, in carbonio, le ruote si ingrandirono e le escursioni aumentarono, e io maturavo come loro. Cominciai a frequentare anche l'asfalto, scettico ma curioso. Iscrivendomi alle gare per pedalare senza le auto a fare paura. Poi, finalmente arrivò il Gravel, un meraviglioso dejavu, un tuffo nelle vecchie emozioni. La vita e la penna nel frattempo erano tornate a parlare di pedali: il cerchio si era meravigliosamente chiuso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui