Good Year e il ciclismo opportunità e scienza

Good Year la storia degli pneumatici lunga 120 anni. Uno dei big brand degli pneumatici entra nel mondo della bicicletta, in Italia grazie all’azienda Mandelli.

21/11/2019
scritto da Alberto Fossati

Good Year sbarca nel segmento della bici e lo fa con l’obiettivo di diventare uno dei punti di riferimento del settore nel corso dei prossimi tre, quattro anni. Il ciclismo è un’opportunità ma anche una delle soluzioni per la nuova mobilità e Good Year deve farne parte.

Alchimia e scienza

120 anni di storia e know how possono essere un vantaggio sostanzioso, per il brand Good Year ma anche per una categoria, quella della bicicletta, in costante evoluzione. Mai come in questo periodo, le due ruote e il suo popolo si confrontano con tecnologie che arrivano e stravolgono un prodotto storicamente ancorato a concetti di 200 anni. Fare parte di questo cambiamento non è cosa da poco.

Le mescole degli pneumatici sono il risultato di alchimie e di studi, di combinazioni dove molti produttori di gomme riescono ad intervenire solo nei processi finali. Good Year sviluppa tutto internamente. Partiamo dal presupposto che la nuova gamma di pneumatici Good year tocca le categorie road, gravel e mtb, fino ad arrivare al commuting. In questo spazio ci concentriamo sulle coperture strada e gravel.

Le gomme Good Year saranno disponibili a partire da Febbraio 2020 e a breve verranno comunicati e prezzi.

Good Year ha sviluppato tre compound differenti, Dynamic GSR, Dynamic Silica4 e Dynamic Pace70. GSR è una mescola di nuova concezione, che fa collimare la qualità prestazionale della gomma naturale, unità ad una parte sintetica, con grafene e molecone di silice. Longevità, tenuta e velocità sono le sue caratteristiche principali. Silica4 è concettualmente una gomma da bagnato, ai vertici della categoria in quanto a rotolamento. Pace70 è uno pneumatico di durata che grazie a questa tipologia di mescola rende al meglio anche in condizioni di umido e bagnato.

Due gomme road clincher

Eagle F1 SuperSport e Eagle F1. La gomma SuperSport è una gomma molto veloce che offre una bassissima resistenza al rotolamento. Questa di Good Year è sviluppata appositamente per un impiego road, crono e triathlon, uno pneumatico da competizione. Il design è ottimizzato, in modo da interfacciarsi al meglio con i cerchi più moderni. Questo non è un dettaglio secondario, considerando le concezioni di penetrazione dello spazio, le spanciature dei cerchi e i canali interni allargati rispetto al passato. La sua costruzione parte da una carcassa e cerchietti flessibili da 120 Tpi (120 fili per pollice). Nella parte centrale viene inserita una membrana R:Shield, una striscia di rinforzo di 15 mm di larghezza. La sua mescola è la Dynamic GSR con battistrada liscio. Davvero interessante il peso, con un valore alla bilancia di 190 grammi (dichiarati) nella sezione 700×25. Tre le misure disponibili, 700×23, 25 e 28.

F1 invece è uno pneumatico che fa parte della categoria performance ma più completa, maggiormente trasversale rispetto alla SuperSport. Adotta il medesimo design della sorella, ha la carcassa da 120 Tpi ma con la banda protettiva più ampia, 20 mm di larghezza. Pur avendo la mescola GSR ha un battistrada con degli intagli laterali, per scaricare meglio l’acqua verso l’esterno. Il peso è di 210 grammi nella misura 700×25. Un range maggiore in fatto di dimensioni: 700×23, 25 e 28, 30 e 32, con pesi che vanno da 195 a 260 grammi.

Per ora non sono disponibili soluzioni tubeless e tubolare.

Pneumatici gravel tubeless

Due in totale, specifico per il gravel è il modello Connector, più versatile è invece Good Year Country. Connector ha tasselli ravvicinati e sagomati nella porzione centrale, in modo da garantire grip e scorrevolezza, stabilità e senza saltellamenti. Ai lati i tacchetti sono più  alti, aggressivi e distanziati tra loro. La spaziatura laterale permette di adeguarsi al terreno, in curva e in piega, al tempo stesso di non trattenere fango e sassi.

Country ha la parte centrale del battistrada che è una sorta di semi-slick, mentre i lati hanno dei tasselli poco pronunciati e ben distanziati. questo pneumatico ha l’obiettivo di essere efficiente tanto su asfalto, quanto sullo sterrato leggero.

Commuting road tubeless e clincher Transit

Sono Speed e Tour, ideati per l’utilizzo cittadino. Per design, dimensioni, mescole e struttura, queste sono gomme che garantiscono un’estrema longevità e capacità di adattarsi a differenti condizioni meteorologiche, senza sacrificare la sicurezza. Speed è disponibile nella sola configurazione copertone rigido, mentre Transit Tour è anche con tecnologia tubeless.

A cura della redazione tecnica, immagini Good year

mandelli.net

 

Potrebbe interessarti anche

Commenti