I campioni dello sport sono come aziende

I campioni dello sport sono come aziende che stimolano l’interesse di brand a 360°. Nibali va alla Trek-Segafredo e un altro marchio, Pirelli, offre il supporto tecnico.

23/01/2020
scritto da Alberto Fossati

Li amiamo per quello che fanno, per quello che dimostrano, per quello che dicono e il modo in cui simboleggiano i nostri sogni e a tratti sembrano irraggiungibili. Vorremmo essere come loro ma i veri campioni, quelli che sono in cima al piedistallo, non sono solo atleti.

I campioni come aziende e simboli

Oggi questa tipologia di sportivi, stanno sulle dita di una mano per ogni disciplina, sono delle aziende, sono delle calamite per gli sponsor che vedono in loro il modo migliore per veicolare il proprio messaggio di azienda leader. Nel ciclismo abbiamo Sagan, Alaphilippe, Evenepoel e il nostro Nibali: si c’è anche un’italiano che stimola il grande interesse di marchi importanti e il suo approdo alla corazzata Trek-Segafredo ha fatto crescere ancor di più le quotazioni del siciliano (nonostante non sia più un giovincello). Segafredo, JSH hotels che ha rinnovato la collaborazione con il team. Pirelli, che entra con forza in qualità di sponsor e fornitore tecnico, anche grazie alla presenza di Nibali (mica poco, se consideriamo il peso e l’importanza di questo sodalizio World Tour e il fatto che Trek è in grado di fornire tutto l’equipaggiamento tecnico, anche verso Bontrager). Aziende italiane conosciute nel mondo che vogliono associare il brand ad un corridore simbolo del movimento e dello sport in genere. Bello questo, ci piace.

Potrebbe interessarti anche

Commenti