Home Bike Ciclismo Allenarsi con il fisso

Allenarsi con il fisso

0

Questo articolo è stato composto da Giovanni Camorani e pubblicato anche sul magazine del numero 12 di Dicembre 2016.

I pregi del training con ruota fissa sono innumerevoli, fra i principali, la coordinazione neuromuscolare e la “rotondità” della pedalata: spingere e tirare diventa un automatismo molto remunerante, infatti il saper applicare forza sui pedali nell’intero arco della rivoluzione significa diminuire la differenza fra il picco massimo e quello minimo dei Newton, quindi si avrà un risparmio di forza, di energia e si farà più “coppia” per ottimizzare un’ideale erogazione di potenza protratta.

Il training con lo scatto fisso obbliga poi a pedalare senza soluzione di continuità, non si ha nessuno spazio “vuoto”, perciò ogni momento della seduta è sempre allenante. Il ritmo elevato e la continuità dello sforzo creano un ideale equilibrio fra colpo di pedale e atto respiratorio, e questo automatismo risulta vantaggioso per “fare fiato” e utile per proseguire la preparazione specifica allorché si dovranno utilizzare rapporti con maggiore sviluppo metrico. Come iniziare e le regole da osservare:

Occorre un minimo di attenzione, in quanto bisogna memorizzare che non si può smettere di pedalare neppure per un momento, quindi il consiglio è quello di cominciare in uno spazio non a rischio, come un piazzale chiuso al traffico. Comunque nessun problema, bastano poche sedute e si acquisisce la capacità di procedere in sicurezza in qualsiasi percorso, anche in gruppo, un po’ come succede in pista, dove le bici addirittura non hanno i freni.

Quando allenarsi con il fisso:

È sempre consigliato nel periodo invernale, quando si risparmia tempo, si prende meno freddo e basta un’ora per avere davvero vantaggi. Nelle prime uscite occorre mantenere un ritmo regolare e non troppo intenso per acquisire la necessaria confidenza, via via diventerà poi tutto facile e divertente. Una volta “vaccinati”, si potranno inserire programmi dedicati a migliorare il ritmo e la reattività. Nel corso della stagione è utile programmare regolari richiami per mantenere “vivi” i vantaggi.

http://www.camorani.com/home