Pubblicità
Home Ciclismo News Campagnolo: con BMC al fianco di AG2R CITROËN
Pubblicità

Campagnolo: con BMC al fianco di AG2R CITROËN

0

Campagnolo e BMC di nuovo insieme a supporto di un team del panorama World Tour. E’ stata ufficializzata la partnership che vede i due marchi protagonisti della fornitura tecnica del Team AG2R CITROËN.

Campagnolo: con BMC al fianco di AG2R CITROËN
La bici in dotazione ai corridori

Non è la prima volta per Campagnolo e BMC

Una collaborazione che ha visto i due brands primeggiare, insieme, in campo internazionale con Cadel Evans e compagni. Ora le due aziende si ritrovano e molto è cambiato in termini di sviluppo tecnico e fornitura per i corridori. Gli atleti avranno in dotazione dei modelli di bici disco con relative trasmissioni e ruote. Vediamo nel dettaglio.

Il set-up

Il team WorldTour francese e la squadra U23 pedaleranno con il Gruppo Campagnolo Super Record EPS disc montato su biciclette BMC Teammachine SLR01. La squadra avrà anche a disposizione tutti i modelli di ruote Bora WTO e Bora Ultra disc, che completeranno il set up 100% vicentino. Le sponsorizzazioni di team professionistici sono fonte di orgoglio per Campagnolo, ma soprattutto offrono ineguagliabili opportunità per ricevere feedback sui prodotti dagli atleti più esigenti. Inoltre, l’allestimento della SLR01 sarà completato dal cockpit integrato, sempre firmato da BMC.

a cura della redazione tecnica, immagini Campagnolo

bmc-switzerland.com

campagnolo.com

Articolo precedenteLapierre: Tommaso Elettrico è brand ambassador
Articolo successivoOrbea finitura Raw per telai in carbonio più leggeri
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità
Advertisement