Home Ciclismo Eventi Il ciclismo amatoriale incontra il professionismo

Il ciclismo amatoriale incontra il professionismo

0

Il ciclismo amatoriale che incontra il mondo professionale, un seminario un evento che va a suggellare l’incontro svolto nel 2016, sempre a San Bonifacio (VR), per una serata dai toni conviviali presso la sala civica Barbarani. Questo evento è promosso da Canyon Italia e dal Dottor Alberto Meneghini, appassionato praticante e studioso della biomeccanica legata al ciclismo, conoscitore delle nuove applicazioni dei power meters all’attività in bicicletta. Questa edizione del seminario, vede un tema importante, una sorta di associazione e paragone tra quello che il mondo del ciclismo amatoriale e il professionismo, proprio per questo la serata sarà arricchita dalla presenza del direttore sportivo del sodalizio russo Katusha Alpecin, Claudio Cozzi e dall’head coach Giuseppe Toni.

Non solo: con il supporto e moderazione della serata di Marco Nicoli, manager di Canyon Italia, la serata affronterà differenti temi, tra cui l’efficenza e ottimizizzazione biomeccanica, cause e rimedi delle principali patologie legate al ciclismo praticato, grazie agli interventi di Alberto Meneghini (pedalatatecnica.it)e del Dottor (osteopata) Simone Rebellin.

La serata avrà inizio alle ore 21 per terminare alle 23 circa, con ingresso libero.

 

 

Articolo precedenteMa che fine ha fatto Kiri Thode?
Articolo successivoSessione di allenamento a Carro
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui