Pubblicità
Home Ciclismo Eventi Ciclocross e territorio la sfida di Silvelle 2019
Pubblicità

Ciclocross e territorio la sfida di Silvelle 2019

0

Il ciclocross torna a crescere, per interesse, numeri ed esposizione mediatica. Il “ciclismo invernale dei prati” ritora a generare interesse su differenti livelli e uno degli aspetti più importati è che proprio i giovani scoprono il ciclocross di pari passo al divertimento in bicicletta.

La rassegna europea a Silvelle Tre Baseleghe

Per il movimento ciclocrossistico italiano, i Campionati Europei di Silvelle di Trebaseleghe (PD), in programma questi fine settimana (sabato e domenica 9 e 10 Novembre), rappresentano molto di più di un semplice spettacolo sportivo. Il ciclocross in Italia ha imboccato un percorso di riscoperta, portando a livelli di eccellenza, la disciplina invernale della bici. L’organizzazione di un Campionato Europeo rappresenta un ulteriore step in avanti, per l’intero settore e anche per i nostri ragazzi.

Nello scorso weekend, le prove di Jesolo e Osoppo hanno registrato circa 800 iscritti, mentre per il Campionato Italiano di Schio sono già più di 1000 ad essersi registrati. Belgio e Olanda sono probabilmente irraggiungibili in termini di numeri e richiamo mediatico, forti una tradizione storica, di challenge e competizioni con montepremi molto alti e di un enorme supporto delle istituzioni.

Una spinta ulteriore arriva dal concetto di multidisciplinarietà tanto di moda in questo periodo. Stybar, Peter Sagan, Matteo Trentin, passando per Mathieu Van der Poel, solo per citare i più famosi e quelli che al tempo stesso primeggiano anche su strada. Questi corridori e campioni confermano quanto il ciclocross sia una palestra che forma i ragazzi nel fisico e nel carattere, oltre che nelle capacità di condurre il mezzo.

50 paesi collegati

Un’offerta a 360 gradi grazie all’accordo fra la UEC (Union Européenne de Cyclisme) ed Eurovisione. Il pubblico del ciclismo e del ciclocross potrà seguire in diretta i Campionati Europei “Silvelle ‘19” su Eurosport 1 ed Eurosport Player, mentre RaiSport e RaiPlay diffonderanno le competizioni U23 ed Elite in Italia a partire dalle 10.55. E’ prevista la diretta TV anche su Eén e Sporza (Belgio), TV2/Play e TV2 Sport (Danimarca) e NPO1 (Paesi Bassi).  Per chi intenda seguire i Campionati Europei dal vivo è previsto per la sola domenica un biglietto di ingresso (10 euro, si può acquistare ai botteghini o anche online su Vivaticket), con accesso gratuito per i minori di 12 anni.

Il programma di Sabato e Domenica

Il programma si divide in due giornate: Sabato 9 Novembre sono previste le gare dei Master. Domenica 10 sarà la volta delle categorie Juniores, U23 ed Elite.

Domenica si comincia alle 9.00 con la gara delle Donne Junior, che farà il proprio ingresso nel programma degli Europei proprio a Silvelle. Seguono gli Uomini Junior alle 9.50, le Donne U23 alle 11.00. Gli Uomini U23 alle 12.20. Le Donne Elite alle 13.50 e infine gli Uomini Elite alle 15.20.

La bicicletta un veicolo per cultura e turismo

Tuttavia, i Campionati Europei di Silvelle non hanno come unico obiettivo la valorizzazione del movimento crossistico italiano ma anche la promozione del turismo sostenibile. Silvelle di Trebaseleghe beneficia di una posizione strategica che permette di raggiungere rapidamente affascinanti città d’arte come Padova,Venezia, Treviso e Asolo.

a cura della redazione tecnia, foto Bettini

eurocx2019silvelle.eu

 

 

Articolo precedenteHunt e Cairn due nuovi cycling brand made in UK
Articolo successivoGranfondo Valtidone ecco i percorsi 2020
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità