Pubblicità
Home Prodotti Accessori Crank Brothers Mallet E SpeedLace il nostro test

Crank Brothers Mallet E SpeedLace il nostro test

0
Crank Brothers Mallet E SpeedLace - cover review

Le nuove scarpe Mallet E Speedlace di Crank Brothers sono progettate per essere usate per gli allenamenti e le competizioni enduro, prendendo il nome dagli apprezzati pedali clipless con cui condividono la stessa destinazione d’uso.

Il marchio californiano, con l’introduzione della nuova famiglia di calzature (rileggetevi la nostra anticipazione qui), sottolinea che le scarpe e i pedali sono un insieme unificato, collegati da un’interfaccia ottimizzata. Le nostre Mallet E, come le sorelle Mallet sempre per piattaforma clipless e le Stamp per quella flat, assicurano inoltre la massima compatibilità con i pedali di altri produttori, senza artifizi di sorta.

Crank Brothers Mallet E SpeedLace - review 01Crank Brothers Mallet E SpeedLace: come sono fatte

Facciamo un breve ripasso sulla costruzione delle scarpe Mallet E SpeedLace. La suola si basa sulla filosofia Match, qui con mescola proprietaria MC1 ad attrito intermedio e rimbalzo rapido. Questo approccio, insieme al design radiale del battistrada che circonda la sede della tacchetta – con profilo a rampa – aiuta a rendere più facile e rapido le operazioni di aggancio e sgancio, oltre ad agevolare lo scarico di fango e detriti, da sempre uno dei cavalli di battaglia dei pedali Crank Brothers.

Le nostre Mallet E non prevedono l’estensione verso il retro della zona di posizionamento della tacchetta, chiamata Race Zone, 5 mm supplementari che vengono in aiuto agli appassionati di gravity. Infatti il modello in prova, pur essendo pensato per gli appassionati di enduro, strizza più l’occhio al mondo del trail riding che alla dura e pura lotta alla gravità.

Tra i dettagli, notiamo un design dedicato del battistrada su punta e tallone, con tagli più angolati e profondi, per migliorare la trazione quando si cammina.

Passiamo alla tomaia, molto flessibile e morbida, con i classici rinforzi integrati su punta e tallone, per aumentare sia la protezione da urti e graffi sia per mantenerla stabile intorno al piede. Non mancano aree perforate e finestre con rete, che garantiscono la necessaria aerazione e termoregolazione.

Il modello in prova ha chiusura SpeedLace con laccetto singolo (riponibile nel taschino dedicato sopra la comoda linguetta), assistito da un cinturino in velcro. Tra le chicche, che concorrono a una grande stabilità del piede all’interno della scarpa oltre a un comfort elevato, i punti in silicone all’interno della coppa del tallone che si “aggrappano” alle calze, e la tomaia avvolgente, senza punti di pressione.

Il peso delle nostre Crank Brothers Mallet E SpeedLace, in misura 44, è di 980 g, comprese le tacchette Standard Gold con supporto spesso 1 mm (di serie). Il prezzo è di 169,99 euro (tacchette incluse).

Come vanno

Pubblicità

Le scarpe sono dotate di serie delle tacchette standard di casa Crank Brothers, già montate sul distanziatore spesso un millimetro. Chi volesse usare pedali Shimano SPD, può avvitare direttamente le tacchette sulle scarpe, senza spessori (l’altezza è di 7 mm contro i 6 mm di quelle del marchio californiano).

La preferenza personale va per il posizionamento tutto arretrato, peccato non disporre della Race Zone per provare un feeling ancora più discesistico, come ad esempio assicurato dalle Leatt DBX 5.0 Clip (qui il nostro test). La sede è leggermente asimmetrica, una tendenza degli ultimi anni soprattutto in ambito enduro/gravity, per allargare la base di appoggio e incrementare la stabilità sulla bici.

Crank Brothers Mallet E - pedaliUtilizzate in combinazione i pedali Mallet E LS, dal perno più ampio, aumenta ulteriormente lo spazio tra scarpe e pedivelle, anche con le tacchette in posizione centrale. Ne guadagna la procedura di aggancio e sgancio, a differenza di altre scarpe che possono soffrire in queste situazioni quando usate con pedali Crank Brothers. Non ho avuto problemi di interferenza e/o contatto delle scarpe con le pedivelle, con il movimento sempre facile e libero.

Si nota subito anche il grande lavoro svolto dal design a rampa intorno alla piattaforma di montaggio della tacchetta, insieme al battistrada ottimizzato, in tal senso.

Un altro aspetto piacevole è l’imbottitura intorno alla caviglia, non così spessa ma dalla giusta densità per tenere il piede fermo e comodo in posizione, oltre a ridurre l’ingombro complessivo della scarpa.

La misura è perfetta, ma il nostro consiglio è di provarle bene prima di acquistarle per essere sicuri che la calzabilità sia corretta, perché la 44 corrisponde a 10,5 US, 9,5 UK, e 283 mm. Ad esempio, le Northwave Enduro Mid sempre in misura 44, corrispondono a 11 US, 10 UK, e 286 mm. Invece le DBX 5.0 Clip di Leatt a 10 US, 9,5 UK, e 280 mm (sempre per 44). Il caso di Five Ten Kestrel Pro Boa è emblematico: 271 mm per le 44 (10 US e 9,5 Uk). Come potete vedere il range di distanza tallone-dita arriva a sfiorare il centimetro.

Mallet E SpeedLace review - 04Il fissaggio con laccetto funziona bene, con una tensione uniforme in tutta la parte superiore del piede, con la fascia in velcro che stabilizza la calzata in modo fermo e sicuro. Questo, insieme al particolare design del tallone, riduce al minimo il sollevamento della parte posteriore del piede quando si cammina.

Il mix tra stabilità e comodità è particolarmente convincente, grazie anche alla calzabilità relativamente asciutta. Lo spazio in punta non manca, consentendo alle dita di allargarsi con il massimo comfort. La tomaia avvolge con efficacia nella parte centrale del piede, sfruttando anche una soletta neutra.

Quando si pedala agganciati, si nota un grande feedback sul piede, che arriva da un’intersuola non così spessa, senza portare a effetti negativi, segno che in Crank Brothers hanno studiato a lungo questo importantissimo aspetto di una moderna scarpa da trail/enduro: mix perfetto tra flessibilità e supporto.

La rigidità non manca, per il necessario trasferimento della potenza senza affaticare il piede durante lunghe giornate trascorse in sella. Questo è forse uno degli aspetti più convincenti delle nuove Mallet E SpeedLace, insieme alla pressoché perfetta interfaccia tra scarpa e pedale.

Ma se in quest’ultimo caso l’errore non era ammissibile, nel primo il fallimento è dietro l’angolo. Ma il marchio californiano, anche sfruttando l’esperienza maturata negli ultimi anni da Fizik – altro marchio della galassia in cui si trova Crank Brothers – ha agito con grande mestiere nel bilanciare feeling e rigidità.

La nostra prova si è svolta prevalentemente in climi umidi e fangosi, con molte giornate caratterizzate da neve e ghiaccio. Pur non avendo una tomaia e in generale una costruzione a prova di intemperie, le scarpe fanno un lavoro ragionevole per scrollarsi di dosso acqua e terra, anche se non proteggono realmente i piedi da freddo e umidità. Un altro punto a favore, è la discreta velocità e facilità nella pulizia prima e nell’asciugatura poi.

Per finire, queste scarpe diventano realmente un tutt’uno con i pedali omonimi, con un grandissimo sostegno e un feeling assolutamente naturale nella pedalata e nella guida, sfruttando al massimo tutte le qualità e le caratteristiche uniche – tra cui una certa libertà di movimento – della piattaforma Crank Brothers. Come già espresso in precedenza, non potrebbe essere altrimenti.

Mallet E SpeedLace review - 03Queste Crank Brothers Mallet E SpeedLace sono scarpe che funzionano bene sui trail, con design e funzionalità che aiutano a raggiungere un soddisfacente mix tra prestazioni e comfort

Conclusioni

Nel complesso, le nuove scarpe Mallet E SpeedLace sono incredibilmente comode. Non ho avuto problemi con l’accumulo di fango intorno alle tacchette, il mix tra flessibilità e sensibilità della suola assicura il giusto feedback che arriva dal terreno attraverso i pedali, operazioni di aggancio e sgancio incluse.

Il prezzo di 169,99 € può apparire elevato, ma bisogna considerare la dotazione delle tacchette standard, già montate, che da sole incidono per 26,99 euro. Il consiglio è di provarle prima dell’acquisto per essere sicuri di aver scelto la giusta misura. Questo per ottenere il massimo da calzature non solo riuscite esteticamente ma anche progettate con intelligenza e mestiere per funzionare bene sui sentieri.

Info: Crank Brothers

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità