Pubblicità

Fabric un portfolio di oggetti per la bicicletta

0
Fabric tutto quelle che serve per la bici
Fabric picobar pump

Se dovessimo dare spazio all’intero catalogo Fabric sarebbero necessario una supplemento di giga sul dispositivo e sulla rete internet, motivo per il quale, in questo breve spazio ci concentriamo su due mini pompe. Dimensioni e peso contenuto, valori tanto cari agli stradisti.

Fabric tutto quelle che serve per la bici
Fabric picobar pump

Fabric Picobar

Picobar è specifica per l’utilizzo road, con un design minimalista ed essenziale, tascabile, leggera e ben rifinita e comunque in grado di portare lo pneumatico ad una pressione di 8,3bar. Il corpo in alluminio satinato è rigido, compatto ma efficacie e aiuta quando è necessario fare forza. Fabric Picobar è lunga 183 mm, ha un terminale che si adatta alle valvole Presta (con tappo di chiusura in gomma) ed ha un peso di 64 grammi in totale. Ha un prezzo di listino di 29,90 euro.

Fabric tutto quelle che serve per la bici
Fabric Nanobar

La pompetta Nanobar

Rispetto alla Picobar è differente, per prestazioni e versatilità. Pur essendo più corta, Nanobar è lunga 180 mm, ha un serbatoio maggiorato grazie ad un serbatoio più ampio, aspetto che la rende efficiente anche per le bici gravel e mtb, ma anche urban. Raggiunge la medesima pressione di Picobar, ma ha la testa retraibile e ha due ingressi per valvole Presta e Schrader. Il corpo è sempre in alluminio ed è disponibile nella colorazione silver, oppure black. Il suo prezzo di listino è di 39,90 euro.

fabric.cc

Articolo precedenteNorthwave e l’utilizzo dei tessuti Polartec
Articolo successivoKona Honzo ESD come è nata la radicale hardtail in acciaio
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui