Home Ciclismo Prodotti Gist Primo, rotondo e compatto, sviluppato in Italia

Gist Primo, rotondo e compatto, sviluppato in Italia

0

Gist Primo è un casco dal design moderno, che unisce forme arrotondate e compatte, aerodinamico e ventilato, un casco versatile e completo. Partiamo dalla costruzione esterna: non si può non notare l’ampia feritoia frontale, una sorta di bocca che solca il casco da destra verso sinistra e vice versa, agevolando l’ingresso dell’aria sulla fronte.

Man mano che si sposta lo sguardo verso l’alto, le prese d’aria (6), sfruttano il loro design, che agevola e incanala i flussi verso l’interno, aumentando al tempo stesso il potere di ventilazione. I due fori posizionati della calotta superiore (ricordano il modello Storm), permetto all’aria di entrare anche in posizione ricurva della testa verso il basso.

Tutta la porzione posteriore, che presenta sei fori, è studiata per far uscire aria calda e vapore prodotto durante lo sforzo.

Forme e design di Primo, hanno inoltre l’obiettivo di dissipare e non opporre resistenza cinetica in caso di urto, le sue rotondità permettono di distribuire l’energia negativa, senza ostacoli e ostruzioni. La parte interna, decisamente interessante il suo sviluppo, oltre a presentare le imbottiture con rete anti insetti frontale, è supportata da una serie di “elastomeri”, nella porzione frontale, che hanno l’obiettivo di dissipare la forza di un eventuale impatto, preservando l’osso frontale, zona sfenoide, con interessamento della parte temporale. Le cinghie sono regolabili e traspiranti e completano un pacchetto composto anche dalla regolazione posteriore, tramite rotore. Due le taglie disponibili, S-M e L-XL, per sette combinazioni cromatiche.

gistitalia.com

 

LE NOSTRE IMPRESSIONI

A prescindere da quelle che possono essere le preferenze personali in termini di forme e design, Primo si conferma un casco decisamente versatile, adatto a più discipline, comodo e poco ingombrante. L’abbiamo utilizzato (e lo stiamo utilizzando) per diverse uscite road, mtb e ciclocross, con differenti tipologie di occhiali, con e senza montatura superiore. Il casco non da fastidio e non sbatte sull’occhiale, quindi, senza creare fastidi.

Tutta la parte frontale non limita la visione e visibilità verso l’esterno, grazie a dimensioni contenute. Primo è ben areato nella parte frontale, anche grazie a imbottiture sottili. Queste ultime si spostano leggermente nella parte in cui sono posizionati gli inserti anti urto ma in comfort totale e costante. Non ci sono pressioni lungo tutta la nuca, fino ad arrivare alla porzione cervicale. Qui è facilmente accessibile il rotore di chiusura con le due alette. Anche in questa zona è prevista una piccola imbottitura, che in base alle preferenze può essere semplicemente asportata.

Articolo precedenteGiant Liv, quando il ciclismo è donna
Articolo successivoAlessandro Mazzara at Woodward Vert Contest – Videoreport
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui