Home Ciclismo Eventi Granfondo La MontBlanc 2018, ancora Castelnovo

Granfondo La MontBlanc 2018, ancora Castelnovo

0

Una vittoria di spessore, senza dimenticare che stiamo parlando di attività amatoriale, ma soprattutto una vittoria che sottolinea l’importanza dei valori umani e sociali che Paolo Castelnuovo custodisce integri nella sua personalità.

“Dopo aver raggiunto Courmayeur per partecipare alla manifestazione ieri, sabato, sono dovuto correre a Milano per un problema che ha coinvolto la sfera familiare della mia ragazza – afferma Castelnovo dopo aver tagliato vittoriosamente il traguardo – e sono ripartito in tarda serata per prendere il via alla gara questa mattina. Avevo promesso ad Alberto Laurora che avrei partecipato all’evento, perché lui con me è sempre una persona squisita. Dedico questa vittoria alla mia ragazza”.

Oltre 1300 i ciclisti iscritti all’evento inserito nel circuito Follow Your Passion che hanno animato di buon mattino quella che è una delle località invernali più amate, apprezzate ed esclusive nel mondo in cui mondanità, natura, avventura e passione danno vita ad un evento unico nel suo genere. Pendii sinuosi ricoperti di larici e abeti e il silenzio della montagna interrotto soltanto dal fruscio delle coperture che sembrano accarezzare la natura del comprensorio, accompagnano i partecipanti alla quinta prova del circuito Coppa Piemonte che hanno dato vita alle tre prova in programma.

Nel percorso corto si impone Fresia Simone (Team Marchisio) che precede Disanto Alessandro (Team De Rosa Santini) e Contoz Luca (Cicli Lucchini). Tra le ragazze è l’aostana Corolla Ambra (Cicli Lucchini) a regalare il primo “oro” al ciclismo locale. Pugliese Elena (GSR Ferrero) e Marconato Giuseppina) completano il podio. La mediofondo è dominata da Davide Busuito (As Ciclismo) alla sua terza affermazione stagionale dopo il successo nella mediofondo Bra Bra Specialized Dalle Langhe al Roero e una gara in circuito a Roreto di Cherasco. “Sono rimasto in testa, prima in compagnia di altri ciclisti, poi soltanto con Castelnuovo sino alla divisione dei due percorsi. Lì Paolo ha optato per il percorso lungo e io ho continuato sul medio. Ho dato tutto e sono riuscito a conquistare questo successo”. Cuaz Wladimir (Cicli Lucchini), che abitualmente si misura sui percorsi lunghi, opta per il medio: “Questa settimana ho lavorato molto e non ho avuto modo di allenarmi. Sono di queste parti, conosco bene il San Carlo e ho optato per il percorso medio chiudendo al secondo posto, anche se non sono riuscito a conquistare i punti validi per la classifica di categoria del circuito Coppa Piemonte. Siamo amatori e questa è la nostra attività sportiva”.

Tra le donne si conferma Parracone Elisa (Gs Passatore) che domina la prova davanti a la regina delle granfondo Olga Cappiello e Chiara Costamagna entrambe in maglia Team De Rosa Santini. Quest’ultima regala, grazie allo speaker di RDS, una dedica al suo compagno di squadra e di vita e poi scoppia in lacrime.  Indomabile Castelnovo, nella granfondo, che dopo la divisione dei percorsi conquista il successo al Gran Premio della Montagna davanti a Piva, Seletto e Dracone. Nel finale Dracone riuscirà a recuperare parte dello svantaggio che lo porterà a salire sul terzo gradino del podio assoluto. Tra le donne quarta affermazione assoluta nelle prove della Coppa Piemonte 2018 per Annalisa Prato (Team De Rosa Santini) che riesce a piegare in volata la resistenza della sua compagna di squadra Ilaria Veronese. Terza Sabrina De Marchi (Team Bike Tartaggia).

Un evento ricco di iniziative collaterali che nella giornata di sabato ha visto cinquanta bambini dar vita ad un evento promozionale denominato Kia Kids Bike Event e un’interessante incontro al Maserati Lounge con l’ex professionista Alessandro Vanotti e altri ospiti condotto da Alberto Laurora. A chiudere la giornata che precedeva la gara il briefing tecnico condotto da Leonardo Mona.

Le classifiche della manifestazione https://www.mysdam.net/events/event/results-v6_41149.do

Classifica LaMontBlanc percorso corto maschile

1°) Fresia Simone (Team Marchisio Bici)

2°) Disanto Alessandro (Team De Rosa Santini)

3°) Contoz Luca (Cicli Lucchini)

4°) Iacchini Mario (Team Cycling Center)

5°) Gottardelli Matteo (Gs Aquile)

 

Classifica LaMontBlanc percorso corto femminile

1°) Corolla Ambra (Cicli Lucchini)

2°) Pugliese Elena (GSR Ferrero)

3°) Marconato Giuseppina

4°) Gullino Michela (Myg Cycling Team)

5°) Zardin Stefania (Team De Rosa Santini)

 

Classifica LaMontBlanc percorso medio maschile

1°) Busuito Davide (As Ciclismo)

2°) Cuaz Wladimir (Cicli Lucchini)

3°) Zonta Tiziano (Swatt Club)

4°) Ghiron Aldo (Dottabike)

5°) Basile Dario (Vigor Redmount)

 

Classifica LaMontBlanc percorso medio femminile

1°)  Parracone Elisa (Gs Passatore)

2°) Cappiello Olga (Team De Rosa Santini)

3°) Costamagna Chiara (Team De Rosa Santini)

4°) Rollini Tamara (Sprint Bike Lumezzane)

5°) Martinelli Francesca (Baglini Centralkimica)

 

Classifica LaMontBlanc percorso granfondo maschile

1°) Castelnovo Paolo (Team MP Filtri)

2°) Piva Diego (Rodman Azimut Squadra Corse)

3°) Dracone Guido Paolo (Scott Team Granfondo)

4°) Seletto Alain (Velo Valsesia)

5°) Agostino Federico (Cicli Benato)

 

Classifica LaMontBlanc percorso Granfondo femminile

1°) Prato Annalisa (Team De Rosa Santini)

2°) Veronese Ilaria (Team De Rosa Santini)

3°) De Marchi Sabrina (Team Bike Tartaggia)

4°) De Cesare Lisa (Bike Passion)

5°) Pani Vittoria (Dottabike)

(comunicato stampa) photo credits Matteo Malaspina

Articolo precedenteLA SPORTIVA LA_B veste BARENA a PITTI UOMO
Articolo successivoKuura Koivisto season edit 2018
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui