Pubblicità

Granfondo Luca Avesani raccontata da noi

0
granfondo luca avesani 2020 raccontata da noi
granfondo avesani 2020

Riccardo Zacchi ci racconta la sua esperienza alla Granfondo Luca Avesani. Al di la del racconto ci piace sottolineare la voglia di ripartire dell’intero movimento, a partire dal contesto organizzativo che vuole riemergere tra mille difficoltà. Un grande applauso a prescindere.

granfondo luca avesani 2020 raccontata da noi
Tra le misure per potere accedere alla zona di partenza, la rilevazione della temperatura corporea. Strumenti e personale in aggiunta, rispetto al passato, tutto necessario, ma anche un notevole aumento delle spese di gestione per i comitati organizzatori in genere.

Giù il gettone, si gira

In ambito ciclistico ripartire non è mai semplice, che si tratti di riprendere dopo una pausa caffè, dopo uno stop forzato o in seguito al periodo di “riposo” invernale. Le prime pedalate sono sempre le più difficoltose e piene d’incognite, soprattutto perché si è un po’ persa quella routine che – attraverso diverse sfaccettature e situazioni – accompagna da sempre il nostro sport. Quest’anno è toccato a tutti mettere il piede a terra e per un tempo maggiore del previsto, ma se per quanto riguarda noi “atleti” è stato sufficiente ricominciare o gestire una seconda preparazione, i comitati organizzatori hanno dovuto (e devono tutt’ora) risolvere non pochi grattacapi.

granfondo luca avesani 2020 raccontata da noi
Alcune fasi della partenza.

L’organizzazione non è solo quella del giorno di gara

Ci riferiamo agli organizzatori delle nostre gare amatoriali, quelli dei circuiti, delle cronoscalate e granfondo, i quali ora devono saper gestire e mettere in pratica le nuove normative sanitarie di sicurezza. Un enorme plauso generalizzato, a chi è stato obbligato a dire arrivederci al 2021, ma anche a chi è riuscito a proporsi in questo anno così strano.

Un merito a prescindere alla Asd Baldo Bike Giomas, che è riuscita nell’intento di organizzare e mantenere la granfondo, la GF Avesani, a Verona. Questo evento lo ricorderemo come la ripartenza del calendario granfondistico in Italia, dopo lo stop dovuto all’emergenza sanitaria che abbiamo vissuto nei mesi scorsi. Possiam anche dire che siamo in una nuova era delle granfondo e delle gare ciclistiche amatoriali in genere. Dobbiamo imparare a convivere con restrizioni, regolamentazioni e regole ale quali non eravamo abituati. “Non eravamo abituati”, non significa che non è possibile farlo!

Per chi non ha avuto occasione di farlo, sarebbe interessante leggere il protocollo “Covid Safe” pubblicato sul sito dell’evento www.veronacyclingmarathon.com per capire al meglio ciò che probabilmente ci accompagnerà nei mesi a seguire.

Percorso 2020 rinnovato

L’edizione 2020 ci riserva un tracciato unico da 90 chilometri per 1600 metri di dislivello, veloce e tecnico allo stesso tempo, una gara full gas dall’inizio alla fine. Tecnicamente una scelta condivisibile, perché per molti potrebbe essere la prima gara di stagione e dunque un giusto riavvicinamento all’agonismo.

“Sebbene io stesso (Riccardo Zacchi), abbia fatto diverse uscite molto lunghe nei mesi post lockdown, ho sempre pensato che i km percorsi in gara siano completamente diversi da quelli percorsi in allenamento: intensità e recupero sono completamente diversi, per non parlare della disabitudine ai cambi di ritmo”.

granfondo luca avesani 2020 raccontata da noi
Immagini che ricorderemo a lungo. I momenti prima dello start ufficiale, con indosso le mascherine.

Una planimetria varia che si sviluppa nei colli

L’Avesani è dunque ben pensata, con salite che variano dai 5 ai 25-30 minuti e con pendenze mai troppo arcigne. A livello planimetrico il percorso è molto vario, non ci sono tratti in cui ci si annoia, anzi, è un continuo susseguirsi di dentro-fuori tra stradine e stradoni. Ma la chicca che contraddistingue questa manifestazione è l’arrivo sulla salita delle Torricelle di Verona, uno strappo lungo poco meno di due chilometri e con una pendenza media appena inferiore al 5%. Questa salitella ha il merito di dare alla gara un finale al cardiopalma e con il cuore in gola. Lo sforzo fisico e anche l’emozione di essere di nuovo in gruppo, in una gara in Italia.

a cura di Riccardo Zacchi, della redazione tecnica, foto C.O.

ulteriori info veronacyclingmarathon.com

Articolo precedenteGranfondo GFNY Vaujany 2020 il racconto
Articolo successivoSelle San Marco Shortfit iridescent il test
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui